GIOVEDÌ 03 SETTEMBRE 2015, 12:30, IN TERRIS

ALFANO STOPPA L'AMNISTIA: "CHI SBAGLIA RESTA IN CARCERE"

Il ministro risponde all'appello del Papa: "Lui fa il pastore di anime, io mi occupo di sicurezza". Migranti: "Nessuna invasione"

DANIELE VICE
ALFANO STOPPA L'AMNISTIA:
ALFANO STOPPA L'AMNISTIA: "CHI SBAGLIA RESTA IN CARCERE"
Nessuna amnistia, nonostante l'appello del Papa in vista del Giubileo. Secondo il ministro Angelino Alfano il carcere non deve essere un luogo di "violenta detenzione ma di rieducazione" e tuttavia "chi sbaglia ed è condannato in via definitiva" deve rimanere in prigione "sino all'ultimo giorno". E se gli istituti penitenziari non bastano, ha aggiunto il responsabile del Viminale, "ne costruiamo di nuovi". Insomma, nessuna apertura alle richieste provenienti dal Vaticano, anche perché "il Santo Padre fa il pastore di anime. Io che faccio il ministro dell'Interno non posso che ricordare che dietro ogni condannato c'è una vittima, un uomo che piange un familiare ucciso, una donna violentata, a cui lo Stato deve rispetto".

Per Alfano piuttosto serve "l'investimento per il lavoro nelle carceri" perché "nel cuore dell'uomo c'è sempre un desiderio di bene e lo Stato deve dargli una occasione e aiutarlo a costruire un'altra strada: se impara un nuovo mestiere lo farà, se no seguirà la strada nota del crimine". Considerando che la recidiva, dal 90 per cento fra i detenuti che non fanno un percorso lavorativo, si abbassa al 10 per cento fra chi lo fa, "investire in questo significa investire nella sicurezza del paese e coniuga umanita' e sicurezza".

Il grande tema di questi giorni, a livello internazionale, è però quello dell'immigrazione. Secondo Alfano "non siamo in presenza di un'invasione". La fortuna è che Bruxelles si "è accorta finalmente della realtà, dopo aver sbattuto la porta in faccia contro il problema dell'equa distribuzione perché il nostro governo ha scosso l'Europa". Rispedite al mittente le polemiche della Lega. "Zaia dice che in Veneto hanno mezzo milione di migranti. E grazie: sono regolari - ha osservato il ministro - lavorano da decenni nelle aziende e hanno contribuito al giusto arricchimento degli imprenditori veneti, hanno incrementato il pil veneto e li caricate su di me e su Mare Nostrum? E poi le sanatorie le hanno fatte loro mica noi".
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
La locandina del film
STAR WARS

Il lato Chiaro e quello Oscuro de "Gli Ultimi Jedi"

Scelte coraggiose e azzardi, poesia ed errori pericolosi. Cosa pensiamo di Episodio VIII (SPOILER)
Vittorio Emanuele III

Il ritorno del Re

Vittorio Emanuele III tornerà dall'esilio e la sua salma sarà trasferita da Alessandria...
L’albero di Natale Prosecco Doc a Venezia
FEDERALBERGHI

Tra Natale e Capodanno 15 milioni di italiani in viaggio

Il giro d’affari complessivo sarà di 9,9 miliardi di euro
Reliquia della Beata Anna Maria Adorni
VATICANO

Presentato il nuovo documento sulle reliquie

Pubblicato dalla Congregazione delle Cause dei Santi
SIRIA

La Russia accusa gli Usa: "Addestrano terroristi"

750 miliziani in un campo profughi nel Nord-Est della Siria
L'incontro con Uspi e Fisc
INCONTRO CON USPI E FISC

"Non cadete nei peccati della comunicazione"

Il Papa ha ricordato che la piccola editoria difende dai "polveroni mediatici"