MERCOLEDÌ 13 MAGGIO 2015, 001:30, IN TERRIS

ALCOOL-DIPENDENZA: ITALIA IN FONDO ALLA CLASSIFICA OCSE

Nel nostro Paese si beve sempre meno. Ma si abbassa l'età media di chi si avvicina a vino, birra e liquori

REDAZIONE
ALCOOL-DIPENDENZA: ITALIA IN FONDO ALLA CLASSIFICA OCSE
ALCOOL-DIPENDENZA: ITALIA IN FONDO ALLA CLASSIFICA OCSE
Per una volta essere il fanalino di coda non è una cattiva notizia. L'Italia è, infatti, in fondo alla classifica dei Paesi Ocse per consumo di alcool. Ogni nostro concittadino consuma in media 6,1 litri l'anno di bevande alcoliche, dato lontanissimo rispetto a quello di Francia (12), Germania (11), Australia (10,1) e Spagna (9,8). Il nostro Paese è inoltre quello che ha registrato il calo più notevole della quantità media di alcool pro capite consumato tra l'inizio degli anni Novanta e oggi, con una contrazione di oltre il 40%. Nella maggior parte dei casi, circa i due terzi, a essere consumato è soprattutto il vino (4 litri pro capite all'anno), seguito, a larga distanza, da birra (1,4 litri) e superalcolici (0,7 litri). Una situazione che l'Ocse valuta come "di minimo rischio" per la salute pubblica a livello generale. Non mancano, però, elementi preoccupanti, soprattutto per le fasce più giovani della popolazione, tra cui aumentano fenomeni di consumo eccessivo e "binge drinking".

In generale, ha spiegato il direttore della sezione Lavoro e politiche sociali dell'Ocse, Stefano Scarpetta, una diminuzione dell'uso di alcool è indubbiamente positiva, e "non c'è dubbio che questo contribuisca alla salute generale, e alla performance del sistema sanitario ed economico". Ma ciò che preoccupa è l'aumento della concentrazione del consumo di alcool, ovvero del numero di persone che bevono molto, a un livello particolarmente nocivo per la salute. Per questo, ha aggiunto, serve "focalizzarsi su politiche mirate ai forti bevitori, soprattutto nella popolazione più giovane", che si avvicina all'alcool sempre più presto (il 70% dei quindicenni italiani ha già bevuto almeno una volta, contro il 37% nel 2002) e mostra un incremento degli episodi di consumo eccessivo.

Per proteggere i giovani il ministero della Salute ha lanciato una campagna contro gli abusi, affidandosi alle note di Elio e le Storie Tese che hanno scritto la canzone "Alcool snaturato (una serata speciale). L'iniziativa è stata presentata ieri mattina al Liceo Kennedy di Roma. Sono circa 775mila i minori tra gli 11 e i 17 anni che nel 2014 hanno consumato bevande alcoliche. In media 1 ragazzo su 5 e 1 ragazza su 6 consuma bevande alcoliche: il 10,5% dei maschi e il 7,9% delle ragazze bevono lontano dai pasti.
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
VITERBO

Anziani coniugi trovati morti in casa

La coppia era stata avvolta nel cellophane. Ricercato il figlio che viveva con loro
COPPA ITALIA

Fiorentina e Milan, tris per i quarti

Stese Samp e Verona (3-2 e 3-0): derby al prossimo turno per Gattuso. Forte contestazione a Donnarumma
Giuseppe Sala
EXPO 2015

Sala accusato di concorso in abuso d'ufficio

Al sindaco di Milano è stato contestato il reato in relazione al capitolo "verde" dell'appalto per la...
Silvio Berlusconi
RISCHIO STRAPPO

Berlusconi: "Salvini? Fa i capricci"

Il leader del Carroccio duro dopo il 'no' di Forza Italia alle legge sui reati gravissimi: "Stop agli...
Pesante sentenza di condanna per un giovane marocchino
TORINO

Sei anni al jihadista "della porta accanto"

Marocchino condannato per terrorismo
Il procuratore Verzera
CATANIA

Anziane sorelle massacrate in casa

Uccise a coltellate. Si segue la pista della rapina
Miliziani dell'Isis
GENOVA

Istigazione al terrorismo, tunisino indagato

Sulla sua pagina Facebook foto e video inneggianti all'Isis
Senato
BIOTESTAMENTO

Si va verso l'approvazione della legge

Passano i primi articoli. Centro Studi Livatino: "Sigillo funesto a un Paese che sta scomparendo"