SABATO 23 MAGGIO 2015, 001:30, IN TERRIS

ABUSI EDILIZI, SOLO IL 32% DEGLI ITALIANI LI DENUNCIA

Il Censis: giovani più attivi nel segnalare gli illeciti. La mafia non fa più paura

REDAZIONE
ABUSI EDILIZI, SOLO IL 32% DEGLI ITALIANI LI DENUNCIA
ABUSI EDILIZI, SOLO IL 32% DEGLI ITALIANI LI DENUNCIA
Gli italiani non percepiscono gli abusi edilizi come reato. Lo sostiene il rapporto del Censis presentato in occasione del convegno "100 comuni contro le mafie" andato organizzato dall'Anci (Associazione Nazionale Comuni Italiani) in collaborazione con Klaus Davi. Solo il 32,9% degli italiani, più al sud (34%) che al nord (30%), è disponibile a segnalarli. In generale, gli omertosi irriducibili sono il 14%, ma la percentuale scende tra i giovani (9,2%) e sale tra gli over 65 (18%). Nel Nord Ovest la percentuale di omertosi è pressoché la stessa del Sud, 15,4% contro 15,6%, mentre al Centro è intorno al 10%. Probabilmente nel dato sul Nord va compreso un certo disinteresse per il problema che forse non tutti sentono così pressante, ma è comunque un campanello d'allarme, visto che quando si tratta di denunciare gli evasori, la percentuale di omertosi nel Nord Ovest è la più bassa d'Italia: 21%.

Secondo quanto già rilevato dal Censis, il 21% degli intervistati che ha a che fare quotidianamente con le imprese (Funzionari di Commercio, Associazioni di categoria, sindacati), conferma una consistente presenza sul suo territorio della Criminalità organizzata, soprattutto al Sud (42,9%) ma assai pervasiva anche al Nord Ovest (18,5%). Un pericoloso avvicinamento tra sud e Nord Ovest che si ravvisa anche quando si parla di Racket e estorsioni ai danni di imprese, per il 25,8% degli addetti ai lavori del Nord Ovest, ammette che nel suo territorio la presenza di questi fenomeni è massiccia, un dato triplo rispetto a quello del vicino Nord Est (8,6%).

In generale la Mafia fa meno paura di una volta. Nonostante l'aggressività con la quale le cosche, soprattutto quelle della 'Ndrangheta, stanno insidiando i settori più disparati dell'economia, dalla finanza allo sport, circa il 52,6% degli italiani si dice pronto a denunciare la criminalità organizzata. A dichiararlo sono soprattutto i giovani al di sotto dei 35 anni (58%) pronti a opporsi al "sistema mafioso" contro il 47% degli over 65. I giovani si dimostrano meno sfiduciati, leggermente più al Centro (56%) che al Sud, dove comunque il 50,1% dei cittadini si dice prontissimo a denunciare le cosche, un dato solo di due punti percentuali in meno rispetto al Nord.

 
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
VITERBO

Anziani coniugi trovati morti in casa

La coppia era stata avvolta nel cellophane. Ricercato il figlio che viveva con loro
COPPA ITALIA

Fiorentina e Milan, tris per i quarti

Stese Samp e Verona (3-2 e 3-0): derby al prossimo turno per Gattuso. Forte contestazione a Donnarumma
Giuseppe Sala
EXPO 2015

Sala accusato di concorso in abuso d'ufficio

Al sindaco di Milano è stato contestato il reato in relazione al capitolo "verde" dell'appalto per la...
Silvio Berlusconi
RISCHIO STRAPPO

Berlusconi: "Salvini? Fa i capricci"

Il leader del Carroccio duro dopo il 'no' di Forza Italia alle legge sui reati gravissimi: "Stop agli...
Pesante sentenza di condanna per un giovane marocchino
TORINO

Sei anni al jihadista "della porta accanto"

Marocchino condannato per terrorismo
Il procuratore Verzera
CATANIA

Anziane sorelle massacrate in casa

Uccise a coltellate. Si segue la pista della rapina
Miliziani dell'Isis
GENOVA

Istigazione al terrorismo, tunisino indagato

Sulla sua pagina Facebook foto e video inneggianti all'Isis
Senato
BIOTESTAMENTO

Si va verso l'approvazione della legge

Passano i primi articoli. Centro Studi Livatino: "Sigillo funesto a un Paese che sta scomparendo"