MERCOLEDÌ 13 NOVEMBRE 2019, 00:03, IN TERRIS

Vite strappate all'innocenza

EDOARDO BARBAROSSA
Facebook Twitter Copia Link Invia Scrivici
Un bambino immigrato guarda oltre il muro che lo divide dal Messico - Foto © Adrees Latif per Reuters
Un bambino immigrato guarda oltre il muro che lo divide dal Messico - Foto © Adrees Latif per Reuters
I

fatti di cronaca degli ultimi giorni, le immagini dei bimbi morti in mare o in mezzo alle macerie della guerra, gli echi delle storie di bambini allontanati dalle loro famiglie, il profondo disagio ed esclusione dei bambini con disabilità, le violenze che i bambini subiscono dagli adulti, le vite dei bambini che vivono nelle gradi periferie urbane, i bambini che nascono con una dipendenza dalle droghe, tutto ci porta a concentrarci su un sistema-comunità “malato”, ma spesso proprio i bambini rimangono sullo sfondo, sono oggetti e non soggetti per cui avere cura, di cui nutrire la fanciullezza, a cui offrire un futuro.

In effetti, ciò che manca è una coscienza comunitaria del diritto di ogni bambino a crescere in un ambiente sano, potendo anche definire in maniera oggettiva cos’è un ambiente sano. Ciò che garantisce ad un bambino un ambiente sano è, a mio avviso, la presenza di una coppia di genitori affettivi, una casa dignitosa, un contesto sociale circostante né deprivato né abusante. Soprattutto, per un bambino occorre  quella “forza dell’amore” che è capace di prevenire oppure curare le ferite della vita, che costruisce una personalità equilibrata, che permette uno sguardo sul futuro.

In tante storie che hanno attraversato la mia vita, ho visto poche volte queste caratteristiche presenti insieme. Ho visto, invece, tante vite strappate all’innocenza, tanto dolore inferto a piccoli inermi, tante scelte scellerate degli adulti che forse adulti non sono. Vivo da oltre trent’anni nelle periferie urbane e sfido chiunque a vivere e crescere bene in quelle condizioni di degrado e di privazione. Vedo ogni giorno i bimbi in strada, fra topi e sporcizia, fra spaccio e violenza, fra baracche e liquami. Difficile estorcergli un sorriso, complicato giocare con loro, spesso in pochi anni sono diventati adulti oppure hanno già il cervello bruciato da degrado e violenza.

Spesso mi è capitato di raccogliere il loro pianto, di portarli lontano da quel degrado, qualcuno è passato da casa mia e oggi vive felicemente con una nuova famiglia; qualcuno è rimasto a casa mia, ha chiesto un posto nel cuore e non si è staccato più. Questo sguardo me lo ha insegnato don Oreste Benzi, quel prete somigliante a un curato di campagna con lo sguardo penetrante e la forza dell’amore, da cui prendo queste parole: “L'amore disarma: quando uno si sente amato del tutto, sempre, ovunque, a qualsiasi costo, non teme più, lascia cadere le armi e al posto dell'odio subentra l'amore, al posto della menzogna subentra la verità, al posto della morte entra la vita”.

Ma le ferite di questi bambini non possono scomparire, sono bombe ad orologeria pronte ad esplodere, hanno vissuto troppo e male in pochissimo tempo della loro vita e questo non si cancella. La “forza dell’amore” può lenire le ferite, ma le cicatrici rimangono lì a testimoniare quello che c’è stato e possono riaprirsi in ogni momento. Questo legame nuovo che si crea, questa “vita strappata” che tentiamo di ricucire, può chiedere tanto può “scrollarvi fino alle ossa”, può portarvi ad arrendervi, ma entra nel cuore e scorre insieme al sangue. Quell’amore così ambiguo e prepotente ti mostra una strada nuova e ti porta alla resa. Capisci di non capire e non vuoi capire più, solo amare. È un amore che nasce dalle macerie umane e proprio per questo è un amore più viscerale, profondo, complicato, spesso triste e sconsiderato. Ma quel bimbo che hai raccolto “spezzato” adesso è protetto, curato, amato.

Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 


Scrivi il tuo commento

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
SANITÀ

Il primo ospedale a misura di donna

Esordio a Milano della struttura "rosa" ispirata al Brigham and Women Hospital di Boston
CATANIA

Madre tenta di uccidere il figlio. La badante lo salva

Il giovane è un ventenne disabile. La donna gli ha fatto ingerire un flacone di sedativo
Dia
'NDRANGHETA

Decapitati i vertici di due cosche di Cosenza

Arrestato, in Francia, Domenico Stanganelli: era latitante dal 2014
Il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, a Bruxelles - Foto © Afp
IL PUNTO

Mutamenti parlamentari

Tre senatori del Movimento Cinque Stelle passano alla Lega, botta e risposta Salvini-Di Maio
Un senza tetto dorme alla stazione
ROMA EST

Firmato accordo tra Inps e Comunità di Sant’Egidio

Al via un centro di integrazione per facilitare l’erogazione dei servizi di base alle fasce deboli
Neve in città
MALTEMPO

Allerta neve nel Nord Italia

Al Centro farà la sua comparsa sull'Appennino sopra i 1400 metri
Ugo Grassi

Quando l'eletto è sganciato dall'elettore

Dichiarazioni al vetriolo quelle rilasciate da Luigi Di Maio per l’approdo del Senatore Ugo Grassi alla Lega,...
Boris Johnson raggiunge la maggioranza assoluta
ELEZIONI

Trionfa Johnson: Regno Unito verso la Brexit

Tracollo dei laburisti, al premier la maggioranza assoluta: cosa succede ora
Sergio Mattarella a Palazzo Marino con il sindaco di Milano, Beppe Sala
L'ANNIVERSARIO

Piazza Fontana, Mattarella: "Uno strappo lacerante"

Milano ricorda la strage del 1969. Il Capo dello Stato incontra le vedove Pinelli e Calabresi: "Attività depistatoria...
MANOVRA

Atlete professioniste, Christillin: "Punto di partenza, le cose stanno cambiando"

A Interris.it, la prima Consigliera europea della Fifa: "Ora sta alle singole federazioni aderire"
DEVOZIONE MARIANA

L'omaggio di Francesco alla Morenita

Oggi alle 18 il Papa celebra la Messa nella basilica di San Pietro per la festa della Beata Vergine Maria di Guadalupe. Domani il...
TV

Don Buonaiuto: “Fermiamo il genocidio degli innocenti”

A "Storie Italiane" il sacerdote anti-tratta della Comunità Papa Giovanni XXIII lancia un appello per una...