SABATO 10 FEBBRAIO 2018, 00:02, IN TERRIS

Violenza: i veri responsabili

LAILA SIMONCELLI
Facebook Twitter Copia Link Invia Scrivici
Una manifestazione per Pamela Mastropietro
Una manifestazione per Pamela Mastropietro
D

opo il rispettoso silenzio a fronte al dolore delle vittime direttamente coinvolte dall'orrore dei fatti di cronaca di Macerata e Milano, e della grande sofferenza collettiva che questi hanno procurato, è necessaria una seria riflessione che urge di fronte al moltiplicarsi di episodi di violenza così sconcertanti.

Forte è il bisogno fare una riflessione più profonda e vera di ciò che accade superando il bieco can can elettorale di coloro che strumentalizzano la migrazione, seminando odiose associazioni tra migranti e crimini con "barbare" argomentazioni e narrazioni che rivoltano alle coscienze. Ciò che ci interpella davvero è questa violenza, questo risveglio del razzismo, è questa concezione di una giustizia vendicativa che erode dal basso i nostri valori costituzionali e verso la quale le istituzioni stentano ad adottare nuove visioni strategiche di prevenzione e contrasto.

Ci troviamo di fronte ad una situazione in cui, purtroppo, non si affronta con il giusto peso la indifferibile necessità delle istituzioni di trasmettere fiducia e stimoli, di incoraggiare la capacità dell’individuo a trasformare le situazioni logoranti, i cambiamenti, i disastri anche scolastici, in opportunità di crescita e di sviluppo personale; questo porta a delle conseguenze deleterie.

Molte persone non sono più attrezzate a spezzare una visione, piccola, chiusa, oscura, irrazionale egoistica ed egocentrica della vita, dell’essere umano, del vivere insieme, non sono più capaci nella difficoltà di sentirsi parte dell’universo e dell'unica famiglia umana, sentendosi nello stesso tempo vittime e padroni dell’universo.

Ogni paura si rafforza inconsciamente ed emotivamente fino a sfociare nella diffidenza, nell'intolleranza, nella rabbia e offrendo terreno facile al razzismo e alla xenofobia, e sciaguratamente il fatto che parte della stessa politica usi in maniera spregiudicata questa vulnerabilità generalizzata appare ancor più esecrabile. Finchè i nostri governi ed i nostri referenti istituzionali non saranno capaci di raccogliere dalla società, tutti quei frammenti di pace - patrimonio già di tanta parte del popolo italiano - tutte quelle esperienze - aperte ad un mondo amico, buono, solidale e libero dalla paura- e assieme a queste avviare nuove visioni collaborative per una seria strategia di mantenimento e costruzione della Pace positiva, i germi e i rigurgiti di violenza, vendette e razzismo continueranno a vivere indisturbati. 

Il Paese deve diventare al più presto un vero custode della resilienza del popolo Italiano, in sede nazionale ed internazionale. La sfida più vera è quella di affiancare ai consueti strumenti legislativi, esecutivi e amministrativi nuovi referenti istituzionali per un'azione più radicale di cambiamento, solo così si farà anche una vera prevenzione di quella criminalità che deriva da conflittualità e paure mal gestite, nella famiglia, nella scuola, nella società.

E' giunto il tempo di che si nomini un Ministro della Pace nella prossima legislatura. Un Ministero della Pace per gestire i conflitti sociali per promuovere la difesa civile, educare alla resilienza e nonviolenza, attuare politiche di disarmo. Sarà sempre troppo tardi quando finalmente si romperà questo tabù politico. Bisogna dar atto che finalmente qualcuno dei partiti in corsa ha avuto questo coraggio e auspico che anche a programmi elettorali già fatti siano tante e tanti i candidati e le parti politiche a far propria questa audace proposta. 

Il Paese ha bisogno urgente della nonviolenza come stile di una politica di Pace e di un Ministro che ne sappia essere la cabina di regia nel Paese, spalla a spalla con quella parte migliore dell'Italia che sa offrire tutta la sua esperienza strategica e positiva.

Spazio al lettore: per commentare questo articolo scrivi a direttore@interris.it

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Khalifa Haftar
LIBIA

Mandato d'arresto per Haftar

Lo ha emesso il procuratore militare. Tripoli interrompe la cooperazione con Parigi
Greta Thunberg
CLIMA

Greta va al Senato: "Vogliamo che agiate"

La giovanissima attivista svedese parla nella Sala Koch: "Ci avete rubato il futuro. Non vogliamo selfie ma le nostre...
Cocaina
TORINO

Poliziotto romeno infiltrato fra i narcos: 2 arresti

E' la prima volta che accade in Italia, scoperte ingenti quantità di droga
Mons. Michele Seccia, arcivescovo di Lecce
LECCE

Mons. Seccia lava i piedi a 12 detenuti

L'arcivescovo è atteso oggi presso la casa circondariale di Borgo San Nicola
Mike Pompeo
USA-COREA DEL NORD

Pyongyang contro Pompeo: "E' un ostacolo"

Chiesto un altro negoziatore al posto del segretario di Stato: "Non ci capisce"
Giovanni Tria

L'Iva aumenta oppure no?

Di Maio smentisce: "Nessun aumento per fare la flat tax, Tria frainteso". Ma le opposizioni attaccano