Usa-Nato-Russia, danza un po’ cinica intorno all’Ucraina

ULTIMO AGGIORNAMENTO 0:03

Questa settimana, c’è stata una maratona negoziale tra Occidente e Russia: i bilaterali Usa – Russia il 10 e l’11 a Ginevra; il Consiglio Nato – Russia il 12 a Bruxelles (non si riuniva da tre anni); e infine il consulto dell’Osce a Vienna, il 13. Non ne sono scaturiti progressi: il cancelliere tedesco Olaf Scholz dice che “è compito comune favorire la de-escalation”, ma tutti sembrano invece contribuire all’escalation della tensione. Washington e le capitali sue alleate temono in modo artato un intervento russo in Ucraina. Mosca vuole garanzie che la Nato non s’allarghi all’Ucraina e neppure alla Moldavia e alla Georgia.

Nella nuova Guerra Fredda, la Russia di Putin porta nostalgie e reminiscenze di Unione sovietica, come pure dimostra la recente crisi Kazaka. E il ministro degli esteri francese Yves Le Drian avverte: “Non è accettabile una nuova Yalta”, cioè una divisione del Mondo in zone d’influenza all’interno delle quali ciascuno fa come vuole.

A Washington, il Senato prepara nuove sanzioni anti-Russia per l’ammassarsi di truppe ai confini con l’Ucraina, che, se includessero misure contro Putin, Mosca giudica paragonabili a una rottura delle relazioni. A Bruxelles, l’Ue rinnova per sei mesi le sanzioni contro la Russia prese nel 2014, dopo l’annessione della Crimea e il conflitto nel Donbass. A Brest, i ministri degli Esteri dei 27 pensano a eventuali inasprimenti. A Vienna, dove si tiene il Consiglio dell’Osce, l’Organizzazione per la sicurezza e la cooperazione in Europa, il ministro degli Esteri polacco Zbigniew Rau giudica che “il rischio di guerra nell’area Osce è oggi maggiore che mai negli ultimi trent’anni”.

A tutti replica da Mosca il vice-ministro della Difesa russo Aleksandr Fomin: “Le relazioni Russia – Nato sono a un livello criticamente basso“. Più duro il vice-ministro degli Esteri Serguiei Ryabkov, un falco in ascesa al Cremlino (c’è chi lo vede in corsa per sostituire il veterano Serguiei Lavrov): “Non c’è alcun motivo per proseguire i colloqui di sicurezza con l’Occidente”, perché “abbiamo ripetutamente offerto all’Alleanza di adottare misure di riduzione dell’escalation”, ma esse “sono state ignorate”. Il che “crea i prerequisiti per l’emergere di incidenti e conflitti e mina i fondamenti della sicurezza“.

Mosca lamenta che i colloqui sulle garanzie di sicurezza chieste agli Usa e alla Nato siano scanditi “da dichiarazioni vivaci e aggressive da parte di Washington”: “Non ne capiamo il motivo”, osserva il portavoce del Cremlino Dmitry Peskov. Ma è un fatto l’ammassamento di truppe e mezzi militari russi ai confini con l’Ucraina.

A Brest, l’alto rappresentante dell’Ue per la politica estera e di sicurezza comune, Josep Borrell, afferma: “La Russia sta minacciando l’Ucraina e sta ponendo sul tavolo la questione della struttura della sicurezza europea. Di fronte alle minacce della Russia l’Ue deve essere ferma, unita e, soprattutto, deve agire”. Due cose che, in genere, all’Ue risultano difficile, specie in politica estera.

Che “differenze significative e non facili da superare” siano emerse tra Nato e Russia nel Consiglio di mercoledì a Bruxelles l’aveva riconosciuto, a caldo, il segretario generale dell’Alleanza atlantica Jens Stoltenberg, che pure spronava a “continuare il dialogo”.

Nell’incontro, il vice-segretario di Stato Usa Wendy Sherman aveva sottolineato che “ogni Paese ha il diritto sovrano di scegliere la propria strada”. E, al termine, Stoltenberg aveva puntualizzato che la Nato rigetta la richiesta di Mosca di “garanzie legali” per frenare l’allargamento dell’Alleanza: “Non siamo disposti a compromessi sui principi chiave, come il diritto dei Paesi a scegliere che fare e il diritto dei membri dell’Alleanza alla difesa reciproca”.

La Nato resta aperta al dialogo su controllo degli armamenti, limitazioni dei missili, cyber-security. Ed è pure disposta a riaprire le rispettive missioni, a Bruxelles e a Mosca, “senza precondizioni”. Vuol dire che il dialogo è possibile là dove i principi base dell’Alleanza non siano in discussione.

“L’allargamento della Nato non è e non è mai stato un processo aggressivo, è una strategia chiave per far avanzare la democrazia”. Bisogna, però, tenere distinta “la questione di principio”, il diritto di Kiev di chiedere di entrare nella Nato, e la “questione pratica”, se poi vi entrerà o meno. “Non è l’Ucraina che minaccia la Russia, ma il contrario … Ma l’Ucraina non è un membro Nato e dunque non è coperta dall’articolo 5″.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.