GIOVEDÌ 16 APRILE 2015, 000:01, IN TERRIS

Un Paese di cartapesta

AUTORE OSPITE
Un Paese di cartapesta
Un Paese di cartapesta
marmo_raffaele-150x150Ormai non c’è più bisogno neanche del terremoto. L’Italia crolla da sola. Scuola dopo scuola. Pilone dopo pilone. Viadotto dopo viadotto. Galleria dopo galleria. Sottopasso dopo sottopasso. Le molto cosiddette ‘opere pubbliche’ si sgretolano, si ripiegano su se stesse, si fanno polvere. Come fossero di cartapesta, neanche di cartongesso. Plastici in dimensione reale. Ma solo all’apparenza, perché basta davvero un niente e rovinano a terra come quinte di una finzione teatrale.

No, non c’entrano niente il terremoto, il dissesto idrogeologico, le alluvioni, gli smottamenti. No, quella che viene giù è, banalmente, l’Italia degli appalti al massimo ribasso, delle mazzette su ogni centimetro di asfalto, dei contenziosi infiniti davanti ai Tar, delle estenuanti processioni burocratiche, degli arbitrati milionari, dei collaudi virtuali. E’ l’Italia della carta – carta appunto – bollata, dei mega-lotti e dei piccoli sotterfugi, dei finti controlli e dei veri affari.

E’ l’Italia dei grand commis pubblici, maestri del comma e del capoverso ma soprattutto delle pubbliche relazioni, frequentatori solerti dei circoli che contano e delle consorterie che influenzano, che confezionano codici alti due metri e pretendono tutti gli allegati progettuali vistati e timbrati, il Durc a posto e in tempo – anche quando è l’Inps a impiegarci mesi per rilasciarlo - e ogni altro inutile adempimento formale, ma che poi si fanno di nebbia – o peggio - quando i cantieri sono aperti.

Ma non è stato sempre così. C’è stata un’altra Italia, anche delle opere pubbliche. Un Paese di uomini oggi dimenticati, «che hanno fatto l’impresa». Il 19 maggio del 1956, il giorno in cui su uno sterrato di poche centinaia di metri viene dato inizio ai lavori, non c'è nulla: non un progetto definitivo, non le tecnologie, non le competenze professionali, non i soldi necessari. Il 4 ottobre del 1964 - appena otto anni dopo e in anticipo sui tempi previsti - una striscia di asfalto lunga 755 chilometri collega Milano con Napoli, il Nord con il Sud: è l'Autostrada del Sole, 113 ponti e viadotti, 572 cavalcavia, 38 gallerie, 57 raccordi con una media di 94 km di strada finita all’anno, su uno dei tracciati più difficili al mondo. Nessuno è mai riuscito a superare questa media. E, non per caso, il 30 giugno del 1964, a New York, al Moma, si inaugura una mostra che celebra «la più bella autostrada del mondo».

Durante quegli otto anni – racconta Francesco Pinto ne «La strada dritta» - un esercito di manovali, carpentieri, tecnici, progettisti combatte per rispettare la promessa della sua costruzione. E su quella strada trova il suo destino. Lì va a cercarlo Fedele Cova, l'amministratore delegato della Società Autostrade, il regista dell’impresa, che, il giorno dell’inaugurazione, passeggiando fra le corsie deserte e il manto liscio di asfalto, chiosa: «Speriamo di riuscire a mantenere nei prossimi anni la schiena dritta». Un auspicio non realizzato. Purtroppo.
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
L'esultanza del Milan al termine del match contro il Bologna
CALCIO | SERIE A

Frenano Roma e Napoli, sorride il Milan

Giallorossi e partenopei fermati sullo 0-0 da Chievo e Fiorentina. Primo successo per Gattuso, ok Udinese e Sassuolo
Monsignor Antonio Riboldi
NAPOLI

Addio a monsignor Riboldi, protagonista della lotta alla camorra

Il vescovo emerito di Acerra (Napoli) si è spento all'età di 94 anni
Il presidente della Repubblica Sergio Mattarella
MATTARELLA

"Il rispetto dei diritti umani è il pilastro di una società giusta"

Il messaggio del presidente della Repubblica in occasione della Giornata mondiale per i diritti umani
Il Duomo di Milano
CONCERTO DI NATALE

Arie sacre in Duomo di Milano

In scaletta le più belle "Ave Maria" del reportorio classico
Spelacchio
NATALE A ROMA

"Spelacchio", l'albero più sbeffeggiato sui social

L'abete di Piazza Venezia è considerato uno dei peggiori che Roma Capitale abbia mai avuto
La Stazione spaziale internazionale
MICRORGANISMI IN ORBITA

Trovati batteri terrestri all'interno della Stazione Spaziale

Sono stati portati in orbita dagli astronauti