Un nuovo stile di vita

ULTIMO AGGIORNAMENTO 0:02

La creazione geme e soffre, è scritto nella Lettera ai Romani. E quanto è vero oggi: disastri naturali, alluvioni, terremoti, desertificazione, innalzamento della temperatura, scioglimento dei ghiacciai. L’uomo come protagonista, l’homo faber tecnologico è coi piedi a terra: denatalità, morti di migliaia di persone a causa delle guerre, delle migrazioni, delle ingiustizie sociali. Papa Francesco nella Laudato si’, per la prima volta nel Magistero della Chiesa, ha trattato con una Enciclica il problema ecologico, che è anzitutto antropologico, cioè dipende dall’uomo, dal rapporto con i suoi simili, dal rispetto dell’ambiente, dal progettare un futuro che non interessi solo a me, ma a chi verrà dopo di noi.

La Giornata mondiale di preghiera per la cura del creato, voluta dal Papa per il 1° settembre di ogni anno, ci richiama la necessità di custodire una casa comune abitabile, desiderabile, da costruire insieme. Lo stile di vita è un problema educativo che va imbastito fin dalla più tenera età. Il rispetto degli altri a partire dai più deboli, la condivisione dei beni e del cibo, la scelta della sobrietà, di mezzi che privilegino il noi, di luoghi che creino partecipazione. L’età degli smartphone aumenta la comunicazione ma anche la solitudine esistenziale, la rivalità e a volte anche l’assurdo. I giovani che rovinano con la soda caustica un senza fissa dimora che dorme nel parco, i governi che cacciano con i carri armati i profughi che arrivano alla frontiera, i pacchetti e i kit di salute riproduttiva dell’Onu che prevedono per le madri la possibilità di accesso all’aborto come pratica consuetudinaria, evidenziano un mondo malato, che cura gli interessi di pochi e tiene ai margini o fa fuori i più deboli. C’è una crisi ecologica del sistema umano, una visione del mondo che non tiene conto della dignità fondamentale delle persone.

Da dove ripartire? Diceva il Concilio Vaticano II: “In realtà gli squilibri che si riscontrano 01nel mondo contemporaneo partono e risiedono nel cuore dell’uomo”. È dalla guarigione del cuore che può partire una nuova umanità. Dal rispetto del creato e del Creatore, che dice: “Mia è la terra e voi siete inquilini”. C’è una impellente necessità di ritornare alle sorgenti. Dice don Oreste Benzi: “Quando l’uomo esclude Dio dalla propria vita avviene sconvolgimento e infelicità, perché l’uomo entra nel non senso, nell’assurdo e anche la creazione viene turbata. Ristabilendo la relazione con Dio l’uomo ritorna nel suo equilibrio e anche la creazione trova la sua pace. L’anima è la dimensione più importante dell’uomo, l’anima è fatta per stare in pace con Dio, con i fratelli e con la creazione”. Ripartiamo dal cuore, dalla fraternità, dal sentirci un’unica famiglia, dalla condivisione, allora il creato splenderà anche per noi.

Tratto da Sempre

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.