LUNEDÌ 28 OTTOBRE 2019, 00:01, IN TERRIS

Umbria, il naufragio delle intese

ENRICO PAOLI
Facebook Twitter Copia Link Invia Scrivici
Donatella Tesei
Donatella Tesei
U

na cosa è certa. Dopo questa tornata elettorale la formula scelta dal centrosinistra, “sono elezioni regionali, con nessuna valenza nazionale”, per esorcizzare il voto umbro dovrà essere archiviata una volta per tutte. Non ha mai portato bene a nessuno (destra, sinistra, centro) e soprattutto è l’indice perfetto della debolezza di chi la pronuncia. La rachiticità stessa della forma verbale è un elemento che non depone a suo favore. E dunque, sia il Movimento 5 stelle che il premier, Giuseppe Conte, che dell’anemica formula verbale hanno fatto largo uso, dovranno rivedere molti dei loro piani. Il voto dell’Umbria non conta ma si pesa. E il peso specifico del risultato umbro, che consegna al centrodestra un consistente malloppo di voti, avrà serie ripercussioni sulla vitalità del governo guidato dal premier Conte e sulla tenuta della maggioranza giallorossa.

Con uno scarto di almeno 20 punti percentuali di differenza, non è possibile scindere quanto affermato dagli umbri con il loro voto dai destini della strana coalizione giallorossa. Certo, il capo politico del Movimento 5 Stelle, Luigi Di Maio, andrà dicendo che il rapporto non proprio felice con il Pd non sarà duplicato in altre competizioni regionali, mentre il matrimonio romano è un'altra cosa. Ma questo non significa affatto che i grillini non siano in grande difficoltà su più fronti, con evidenti scollature all’interno del Movimento stesso. La stessa leadership di Di Maio inizia ad essere una questione seria. E’ po’ come se i pentastellati avessero perso loro tocco magico e il capo la bacchetta fatata. I trucchi non riescono più, figuriamoci le magie. Il cono d’ombra entro dentro al quale rischia di finire colui che ha saputo mandare fuori pista Di Battista e Fico, parcheggiato sullo scranno più alto della Camera, potrebbe essere fatale tanto per il governo quanto per il Movimento. Ed è del tutto evidente che, arrivati a questo punto, tanto Casaleggio quanto Grillo, dovranno fare una profonda analisi del voto umbro e dei suoi devastanti effetti.

E, per contrasto, le cose non vanno certo meglio in casa Pd. Il partito di Zingaretti ha investito molto sull’Umbria, avendo sulle spalle il peso di una stagione politica finita con inchieste e dimissioni. La foto di Narni, con tutti i leader dei centrosinistra, ha fatto più danni di quella di Vasto. E questo dice chiaramente come molti elettori dem abbiamo scelto il Carroccio di Salvini per uscire dalla palude in cui erano finiti. In Umbria, più che del centrodestra, è legittimo parlare di grande successo della Lega, capace di riprendere il filo del discorso con gli elettori, andatosi sfilacciando dopo la crisi di governo e il divorzio con i 5 stelle. Dunque il vento è cambiato oppure le vele salviniane non si sono mai davvero sgonfiate? Difficile dirlo. Di sicuro c’è che le alchimie politiche del Pd e le giravolte dei 5 Stelle, capaci solo di seguire la stella polare del trasformismo in nome e per conto delle convenienze, sono una moneta che non da interessi. Del resto il fatto che Matteo Renzi si sia tenuto ben lontano da questa tornata elettorale, per molteplici ragioni che vanno ben al di là della scissione, la dice lunga sulla consistenza della formula giallorossa. Troppe le distanze fra dem e grillini per non apparire per quello che sono, ovvero un’associazione temporanea d’impresa senza un chiaro progetto attorno al quale ritrovarsi per costruire qualcosa. In Umbria non si è giocato una partita amatoriale ma un match di prima categoria. E ora sarà bene che il governo, e la maggioranza che lo sostiene, inizino a dare risposte chiare al Paese e non formulette ad effetto. Con la postilla salvo intese. In Umbria le intese ci sono state, eccome.

Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Gianfranco vanni
28 Ottobre 2019 @ 17:13
Carissimo hanno votato 453.115 persone! Non ti ci mettere anche te a gonfiare una situazione che già i giornalisti pompano per dividere ancora di più il nostro paese. Te lo dico da francescano: Francesco di Assisi al solo pensiero che i suoi conterranei hanno votato Lega e la destra si rivolta nella tomba. Preghiamo per il nostro paese che si sta sdempre più deteriorando....Un abbraccio.

Scrivi il tuo commento

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
La Skoda coinvolta nell'incidente
MILANO-VENEZIA

In bici sull'A4: muore sul colpo travolto da un'auto

Non è stato ricostruito il motivo per cui la vittima fosse in bicicletta in autostrada
I soccorsi a Rigopiano
COMMEMORAZIONE

"Aspettiamo ancora giustizia"

Nel terzo anniversario della tragedia di Rigopiano i familiari delle 29 vittime aspettano di conoscere la verità
Maximilien de Robespierre

Chi semina vento raccoglie tempesta

Tiene ancora banco tra i media la vicenda della pentastellata Elisabetta Trenta ex ministro della difesa, a causa...
Agenti di polizia
PUGLIA

Lamorgese: "Da lunedì 20 nuovi poliziotti a Foggia"

Specializzati nella tutela delle persone sottoposte a protezione personale
Emmanuel Macron
FRANCIA

Parigi, dura contestazione contro Macron

Una trentina di manifestanti tentano un blitz al Theatre Bouffes du Nord: nel mirino la riforma delle pensioni
Laboratorio

La madre di tutte le battaglie

Purtroppo, ormai da molto tempo, gli attacchi ai valori antropologici che costituiscono il fondamento di una...
Memoriale per Daphne Caruana Galizia
MALTA

Caso Caruana Galizia: il capo della polizia si dimette

L'annuncio è stato fatto dal nuovo premier maltese Abela: presto riforma su procedura di nomina. Il commento del...
ARTE

Ritratto di signora di Klimt è autentico

La conferma dell'autenticità del quadro arriva dai periti a poche settimane dal ritrovamento nello stesso luogo dove...
Deborah Dugan
MUSICA

Caos Grammy: silurata la prima presidente donna

A pochi mesi dalla sua nomina, Deborah Dugan è stata rimossa dal suo incarico e c'è chi parla di un vero e...
Il Politeama di Catanzaro
CALABRIA

Catanzaro, Arlia e Mogol inaugurano la stagione sinfonica

Il celebre direttore d'orchestra e il grande autore aprono l'annata del Politeama, con un incontro fra musica classica e...
Tribunale di Milano
IL CASO

Condannato per l'omicidio del suocero: “Abusava di mia figlia”

A quasi un anno dal fatto, arriva la sentenza di condanna: 20 anni a chi ha sparato, 18 al complice
I segni di tortura sulla schiena di uno dei minori salvati - Foto © Melquiadez Vásquez per Panamá América
PANAMA

Sette, una donna incinta e 5 bambini uccisi in un rito

La scoperta shock del 'rituale satanico': i sopravvissuti legati e percossi fino alla morte
UDIENZA ECUMENICA

Papa: "Chi offre ospitalità diventa più ricco"

Appello di Francesco alla Chiesa Luterana: ""Camminiamo insieme come messaggeri di umanità"
Ali Khamenei
IRAN

Khamenei guida la preghiera, folla a Teheran

L'ayatollah torna dopo otto anni a parlare durante la preghiera del venerdì: "Nucleare? Il dialogo con...