MERCOLEDÌ 09 OTTOBRE 2019, 00:02, IN TERRIS

Taglio dei parlamentari, ecco chi è il vincitore politico

MARCO FRITTELLA
Facebook Twitter Copia Link Invia Scrivici
Il flashmob davanti Montecitorio dopo l'approvazione del taglio dei parlamentari
Il flashmob davanti Montecitorio dopo l'approvazione del taglio dei parlamentari
C'è

è un sicuro vincitore politico nella giornata  in cui è stata approvata definitivamente la riforma costituzionale che riduce  il numero dei parlamentari da 945 a 600. E questo vincitore si chiama Luigi Di Maio che si riprende una centralità che gli è variamente insidiata. A prescindere dalla considerazione se la riforma sia giusta o sbagliata – e i pareri sono difformi – di sicuro porta la sua firma, e lui vede premiata la tenacia con cui  ne ha posto l’approvazione definitiva  come condizione imprescindibile per formare il governo ad un PD che viceversa aveva sempre votato “no” nei tre precedenti scrutini. 

Per il PD è più laborioso argomentare il cambio di posizione, tanto forte era stata l’opposizione ad una riforma definita “peronista”, come dire demagogica e fondamentalmente autoritaria. E’ pur vero che Zingaretti ha posto a sua volta una condizione a Di Maio: approvare in fretta tutti i correttivi necessari alla riforma e portare a casa una nuova legge elettorale che sia coerente, vale a dire a carattere proporzionalistico. C’è su questo un impegno sottoscritto da tutte le forze politiche di maggioranza e Zingaretti dovrà vigilare perché le promesse diventino fatti. Del resto, dal punto di vista del PD, dire sì alla riduzione dei parlamentari è stato un atto di realismo politico: se si voleva formare il governo, salvare la legislatura e impedire elezioni anticipate che avrebbero segnato la vittoria di Salvini, non si poteva rifiutare ai grillini un risultato che essi consideravano addirittura identitario (nel senso dell’”anti-casta”). E così è stato fatto. 

Quanto al centrodestra, c’era chi dava per certa un’astensione tattica dal voto della Camera per mettere in luce i non pochi maldipancia presenti nel corpo parlamentare della maggioranza  chiamato a votare una sorta di automutilazione. Ma così non è stato: Salvini e Meloni hanno sempre votato a favore della riduzione del numero di deputati e senatori e, se si fossero astenuti o avessero disertato l’aula al momento decisivo, avrebbero di sicuro subito un contraccolpo di immagine politica. Così non è stato. 

C’è poi un altro elemento da considerare. Il voto di Montecitorio allunga la prospettiva di vita della legislatura, mai troppo sicuro. Infatti, ora che è stato espresso il quarto voto definitivo – necessario trattandosi di legge costituzionale – ci sono i tempi tecnici da attendere, compresi quelli per dar modo al corpo elettorale di organizzarsi per un referendum confermativo. Stiamo parlando di un periodo che va da sei mesi ad un anno. Giuseppe Conte, alle prese con le spine della manovra economica 2020 e del caso dei rapporti di intelligence tra l’Italia e gli Stati Uniti, non può che trarre un sospiro di sollievo. Naturalmente tutte queste sono considerazioni sul solo dividendo politico della giornata. Quanto invece al merito della riforma, come dicevamo, saranno i costituzionalisti ad esprimersi e presto probabilmente dovrà farlo anche il corpo elettorale

Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 


Scrivi il tuo commento

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Sergio Mattarella a Palazzo Marino con il sindaco di Milano, Beppe Sala
L'ANNIVERSARIO

Piazza Fontana, Mattarella: "Uno strappo lacerante"

Milano ricorda la strage del 1969. Il Capo dello Stato incontra le vedove Pinelli e Calabresi: "Attività depistatoria...
CARITAS

Ristorante Solidale per Natale: ecco il "Piatto Sospeso"

I cibi saranno raddoppiati da Just Eat e donati a comunità e case famiglia bisognose
IL PUNTO POLITICO

Quel che resta dopo il Mes

La maggioranza tiene e approva la risoluzione sul Fondo salva Stati, ma nel M5S votano contro in quattro parlamentari
Il sindaco di Scalea Gennaro Licursi
COSENZA

Si assenta dal posto di lavoro: arrestato il sindaco di Scalea

Sospensi tre dipendenti dell'Asp accusati di essere complici del primo cittadino, Gennaro Licursi
Pastore con le greggi
UNESCO

La Transumanza è Patrimonio culturale immateriale dell’umanità

Bellanova: "Siamo fieri di questo riconoscimento per la tradizione rurale italiana"
Il crollo a Montelupo Fiorentino
FIRENZE

Crolla muro a Montelupo: evacuate 5 famiglie

Il Sindaco: "Ho temuto il peggio, zona altamente frequentata per la presenza di ristoranti"
Marta Cartabia

Buone notizie

Grandi soddisfazioni per la nomina di Marta Cartabia alla presidenza della Corte Costituzionale, per la forte ragione...
Il Banco dell'Agricoltura dopo l'esplosone

Piazza Fontana, una strage senza giustizia

Diciassette morti, uccisi dalla bomba piazzata al Banco dell'Agricoltura. Cinquant'anni dopo, un buco nella coscienza...

Il profitto ad ogni costo

In una barzelletta si racconta un processo per disastro edilizio per il quale vengono convocati in tribunale il...

Il Presepe violato

Di fronte all’escalation di profanazioni e strumentalizzazioni sacrileghe della fede, viene da chiedersi se in...
Giuseppe Conte in Senato
IL VOTO

Mes, il governo supera lo scoglio del Senato

Ok delle Camere alla risoluzione della maggioranza ma il M5s si spacca sui dissidenti
EMERGENZA STRESS

9 adulti su 10 a rischio burnout in ufficio

Affaticamento mentale in aumento. Migliora l'inserimento nel mondo del lavoro delle persone con disabilità