MERCOLEDÌ 09 OTTOBRE 2019, 00:02, IN TERRIS

Taglio dei parlamentari, ecco chi è il vincitore politico

MARCO FRITTELLA
Facebook Twitter Copia Link Invia Scrivici
Il flashmob davanti Montecitorio dopo l'approvazione del taglio dei parlamentari
Il flashmob davanti Montecitorio dopo l'approvazione del taglio dei parlamentari
C'è

è un sicuro vincitore politico nella giornata  in cui è stata approvata definitivamente la riforma costituzionale che riduce  il numero dei parlamentari da 945 a 600. E questo vincitore si chiama Luigi Di Maio che si riprende una centralità che gli è variamente insidiata. A prescindere dalla considerazione se la riforma sia giusta o sbagliata – e i pareri sono difformi – di sicuro porta la sua firma, e lui vede premiata la tenacia con cui  ne ha posto l’approvazione definitiva  come condizione imprescindibile per formare il governo ad un PD che viceversa aveva sempre votato “no” nei tre precedenti scrutini. 

Per il PD è più laborioso argomentare il cambio di posizione, tanto forte era stata l’opposizione ad una riforma definita “peronista”, come dire demagogica e fondamentalmente autoritaria. E’ pur vero che Zingaretti ha posto a sua volta una condizione a Di Maio: approvare in fretta tutti i correttivi necessari alla riforma e portare a casa una nuova legge elettorale che sia coerente, vale a dire a carattere proporzionalistico. C’è su questo un impegno sottoscritto da tutte le forze politiche di maggioranza e Zingaretti dovrà vigilare perché le promesse diventino fatti. Del resto, dal punto di vista del PD, dire sì alla riduzione dei parlamentari è stato un atto di realismo politico: se si voleva formare il governo, salvare la legislatura e impedire elezioni anticipate che avrebbero segnato la vittoria di Salvini, non si poteva rifiutare ai grillini un risultato che essi consideravano addirittura identitario (nel senso dell’”anti-casta”). E così è stato fatto. 

Quanto al centrodestra, c’era chi dava per certa un’astensione tattica dal voto della Camera per mettere in luce i non pochi maldipancia presenti nel corpo parlamentare della maggioranza  chiamato a votare una sorta di automutilazione. Ma così non è stato: Salvini e Meloni hanno sempre votato a favore della riduzione del numero di deputati e senatori e, se si fossero astenuti o avessero disertato l’aula al momento decisivo, avrebbero di sicuro subito un contraccolpo di immagine politica. Così non è stato. 

C’è poi un altro elemento da considerare. Il voto di Montecitorio allunga la prospettiva di vita della legislatura, mai troppo sicuro. Infatti, ora che è stato espresso il quarto voto definitivo – necessario trattandosi di legge costituzionale – ci sono i tempi tecnici da attendere, compresi quelli per dar modo al corpo elettorale di organizzarsi per un referendum confermativo. Stiamo parlando di un periodo che va da sei mesi ad un anno. Giuseppe Conte, alle prese con le spine della manovra economica 2020 e del caso dei rapporti di intelligence tra l’Italia e gli Stati Uniti, non può che trarre un sospiro di sollievo. Naturalmente tutte queste sono considerazioni sul solo dividendo politico della giornata. Quanto invece al merito della riforma, come dicevamo, saranno i costituzionalisti ad esprimersi e presto probabilmente dovrà farlo anche il corpo elettorale

Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 


Scrivi il tuo commento


Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Immagine di repertorio
IL CASO

Milano, il pm sospende il gioco horror

Per gli inquirenti, l'assenza di illuminazione avrebbe messo in pericolo i concorrenti
La statua d'arte indigena, oggetto di controversie, trasportata lungo via della Conciliazione durante la Via Crucis del 19 ottobre scorso - Foto © Andrew Medichini per AP
SINODO PER L'AMAZZONIA

Statue indigene in chiesa gettate nel Tevere. Per alcuni erano pagane

Continua il caso controverso sulle statue di arte indigena collocate in una chiesa durante il Sinodo
Scritta per Desirée sul portone dello stabile dove il suo corpo è stato ritrovato
ROMA

Morte di Desirée, in quattro a processo

La 16enne venne ritrovata priva di vita, un anno fa, in uno stabile abbandonato del quartiere di San Lorenzo
Il libro di don Aldo Buonaiuto,
SASSOFERRATO | ANCONA

Halloween: un viaggio nel mondo nell'occulto

L'incontro tenuto da don Aldo Buoniauto presso la parrocchia di san Facondino
Giuseppe Conte e Luigi Di Maio
GOVERNO

Manovra, bilaterali coi partiti: Conte prova a ricucire

Il premier incontra le forze di maggioranza per snodare i punti critici. E anche dall'Ue arriva una missiva per chiedere...
L'incendio e i danni al tetto della struttura storica
TORINO

In fiamme la Cavallerizza Reale, patrimonio Unesco

Appendino: "Il tema oggi non è l’occupazione ma che la Cavallerizza così non può stare"
Immagine di repertorio
NUOVI MERCATI

La tecnologia rilancia l'impresa, ma mancano 45 mila tecnici digitali

In agosto recupero della produzione industriale. Richieste nuove competenze e nel weekend 100 mila visitatori a Roma alla fiera...
La merce sequestrata
SALERNO

Contrabbando di tabacchi: 12 arresti

Sospeso il reddito di cittadinanza a cinque dei fermati
Strade allagate
ALLERTA METEO

Nubifragio a Milano, città allagata

Il fiume Seveso è vicino all'esondazione, sotto osservazione anche il Lambro
Pini domestici
EMERGENZA ECOLOGICA

Piano del Campidoglio per le periferie green

In Italia 31 metri quadri di verde a cittadino. Piantare alberi è tra gli obiettivi dell’Agenda 2030 per lo sviluppo...
Sampdoria-Roma 0-0. Nicolò Zaniolo contrastato da Bertolacci - Foto © Twitter
SERIE A

Ranieri, buona la prima: la Roma sbatte sulla Samp

Pareggio a reti bianche a Marassi. Il Genoa crolla col Parma, l'Inter soffre ma stende il Sassuolo
Maker Faire Rome
SVILUPPO

Enea, verdure spaziali e hi-tech anti-zanzare

Alla rassegna romana degli inventori 4.0 le ultime scoperte dell’ente pubblico di ricerca