MERCOLEDÌ 09 OTTOBRE 2019, 00:02, IN TERRIS

Taglio dei parlamentari, ecco chi è il vincitore politico

MARCO FRITTELLA
Facebook Twitter Copia Link Invia Scrivici
Il flashmob davanti Montecitorio dopo l'approvazione del taglio dei parlamentari
Il flashmob davanti Montecitorio dopo l'approvazione del taglio dei parlamentari
C'è

è un sicuro vincitore politico nella giornata  in cui è stata approvata definitivamente la riforma costituzionale che riduce  il numero dei parlamentari da 945 a 600. E questo vincitore si chiama Luigi Di Maio che si riprende una centralità che gli è variamente insidiata. A prescindere dalla considerazione se la riforma sia giusta o sbagliata – e i pareri sono difformi – di sicuro porta la sua firma, e lui vede premiata la tenacia con cui  ne ha posto l’approvazione definitiva  come condizione imprescindibile per formare il governo ad un PD che viceversa aveva sempre votato “no” nei tre precedenti scrutini. 

Per il PD è più laborioso argomentare il cambio di posizione, tanto forte era stata l’opposizione ad una riforma definita “peronista”, come dire demagogica e fondamentalmente autoritaria. E’ pur vero che Zingaretti ha posto a sua volta una condizione a Di Maio: approvare in fretta tutti i correttivi necessari alla riforma e portare a casa una nuova legge elettorale che sia coerente, vale a dire a carattere proporzionalistico. C’è su questo un impegno sottoscritto da tutte le forze politiche di maggioranza e Zingaretti dovrà vigilare perché le promesse diventino fatti. Del resto, dal punto di vista del PD, dire sì alla riduzione dei parlamentari è stato un atto di realismo politico: se si voleva formare il governo, salvare la legislatura e impedire elezioni anticipate che avrebbero segnato la vittoria di Salvini, non si poteva rifiutare ai grillini un risultato che essi consideravano addirittura identitario (nel senso dell’”anti-casta”). E così è stato fatto. 

Quanto al centrodestra, c’era chi dava per certa un’astensione tattica dal voto della Camera per mettere in luce i non pochi maldipancia presenti nel corpo parlamentare della maggioranza  chiamato a votare una sorta di automutilazione. Ma così non è stato: Salvini e Meloni hanno sempre votato a favore della riduzione del numero di deputati e senatori e, se si fossero astenuti o avessero disertato l’aula al momento decisivo, avrebbero di sicuro subito un contraccolpo di immagine politica. Così non è stato. 

C’è poi un altro elemento da considerare. Il voto di Montecitorio allunga la prospettiva di vita della legislatura, mai troppo sicuro. Infatti, ora che è stato espresso il quarto voto definitivo – necessario trattandosi di legge costituzionale – ci sono i tempi tecnici da attendere, compresi quelli per dar modo al corpo elettorale di organizzarsi per un referendum confermativo. Stiamo parlando di un periodo che va da sei mesi ad un anno. Giuseppe Conte, alle prese con le spine della manovra economica 2020 e del caso dei rapporti di intelligence tra l’Italia e gli Stati Uniti, non può che trarre un sospiro di sollievo. Naturalmente tutte queste sono considerazioni sul solo dividendo politico della giornata. Quanto invece al merito della riforma, come dicevamo, saranno i costituzionalisti ad esprimersi e presto probabilmente dovrà farlo anche il corpo elettorale

Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 


Scrivi il tuo commento

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
STORIE ITALIANE

Storie italiane, don Buonaiuto: "La malvagità dell'uomo va curata"

Nella puntata dedicata alla violenza sulle donne, Maria Antonietta Rositani ha ringraziato il sacerdote per la sua vicinanza
RUSSIA

Trovato il cadavere di un neonato in una lavatrice

Non è chiaro se il piccolo fosse nato morto. I casi di infanticidio in Italia
Un mercato di armi a Chantilly, Stati Uniti - Foto © Jim Lo Scalzo per European Pressphoto Agency
REPORT

Armi: Usa, Cina e Russia i produttori mondiali

Nel rapporto Sipri, Pechino passa dal quinto al secondo posto. Fra i Paesi esportatori, anche l'Italia
Il luogo del ritrovamento. Nel riquadro il giovane Marco
COLD CASE

Il giallo sulla morte Marco Cestaro, spunta la pista dei satanisti

La mamma del ragazzo non crede al suicidio e si oppone alla richiesta di archivio. Il 19 marzo l’udienza decisiva
Un ufficiale indossa la mascherina mentre è di turno nella Città Proibita, a Pechino - Foto © Nicolas Asfouri per AFP
CINA

Coronavirus, il contagio non si ferma

Un centinaio i morti, un caso sospetto anche in Italia
Agente penitenziario
SASSARI

La sorella di un detenuto: "Mio fratello pestato da poliziotti"

Il provveditore regionale delle carceri Veneziano farà oggi un sopralluogo nell'istituto di pena di Bancali
POLITICA

Dopo il voto regionale, i partiti guardano alle prossime sfide

Il ministro Bonafede in Parlamento per affrontare il tema della riforma della giustizia. Intanto, fissata al 29 marzo la data del...
Donald Trump e Benyamin Netanyahu
USA

Oggi Trump svela il "piano di Pace" per il Medio Oriente

"Può essere l'occasione del secolo", ha detto "e piacerà anche al leader...
Microcredito
CATANIA

Microcredito: un aiuto per le famiglie catanesi in difficoltà

Tra il 2009 e il 2019 la Caritas diocesana ha erogato quasi 800mila euro
Preghiera del rosario
PRO VITA & FAMIGLIA

Genova: un rosario in piazza contro la blasfemia

Organizzato per pregare contro la cristianofobia e difendere l'identità religiosa
Ambulanza
L'ALLERTA

Coronavirus, primo caso in Germania

Si tratta di un cittadino bavarese, dato in buone condizioni ma in isolamento. Intanto sale a 106 il numero delle vittime
Il luogo dello schianto. Nel riquadro, i resti del velivolo
L'INCIDENTE

Afghanistan, giallo sullo schianto di un jet Usa

L'aereo è caduto in territorio talebano. Gli insorti: "Abbattuto un velivolo della Cia". Verifiche in corso
La pubblicità apparsa sul Grattacielo Pirelli
IL CASO

Milano, pubblicità di escort sul palazzo della Regione

Le immagini spuntano su una delle facciate del Pirellone. I consiglieri dem annunciano un'interrogazione
Stefano Bonaccini e Jole Santelli
IL VOTO

Emilia-Romagna e Calabria, le regionali in numeri

Affluenza alle stelle in Emilia, stabile nella regione del Sud. E i partiti di coalizione fanno il loro
Un carcere italiano
REGIONALI EMILIA-ROMAGNA

Nel carcere bolognese pochi detenuti hanno scelto di votare

Le ragioni dell'assenteismo spiegate dal responsabile della Comunità Educante con i Carcerati
NAPOLI

Corruzione e rivelazione segreti d'ufficio: 5 carabinieri in manette

Tre uomini dell'arma sono stati sospesi per un anno