Siccità, degrado del suolo e desertificazione: le sfide ambientali da affrontare

sanitaria
Foto di PublicDomainPictures da Pixabay

Siccità, degrado del suolo e progressiva desertificazione sono le sfide ambientali che, sempre di più, stanno lambendo la Terra e l’epoca in cui stiamo vivendo. Basti pensare che secondo gli ultimi dati disponibili, circa 500 milioni di persone vivono in aree dove il degrado e la progressiva aridità hanno raggiunto livelli estremi, ovvero la totale perdita di produttività del suolo e, di conseguenza, della possibilità di trarre forme di sussistenza dall’attività agricola. Tutto ciò aveva spinto le Nazioni Unite, già nel 1994, ad istituire la Giornata mondiale per la lotta alla desertificazione e alla siccità, con l’obiettivo di sensibilizzare l’opinione pubblica e i governi dei diversi Paesi ad una maggior cura del pianeta per contrastare le conseguenze dei cambiamenti climatici su questo versante.

Il tema scelto per quest’anno, in occasione del trentesimo anniversario della Giornata in oggetto, è intitolato significativamente “United for land. Our legacy. Our future”, ovvero “Uniti per la terra. Il nostro patrimonio. Il nostro futuro” e si pone la finalità di indagare in merito ai possibili modi di coltivazione sostenibile e alle strategie da mettere in campo garantire la protezione del suolo e la salvaguardia della quotidianità delle persone che vivono nelle aree del pianeta a maggior rischio di desertificazione. Questo impegno però, per cui Acli Terra si spende quotidianamente, deve essere portato avanti con maggior slancio dai Paesi maggiormente industrializzati.

Essi devono supportare i Paesi in via di sviluppo ad acquisire tecniche di produzione agricola più sostenibili per contrastare la siccità e, nel contempo, garantire loro la capacità di trarre dalla loro terra tutto il necessario per un alimentazione sana e dignitosa, anche in considerazione dell’aumento progressivo della popolazione mondiale la quale, deve potersi nutrire adeguatamente e non, come succede oggi, ad esempio nel Sahel dove, anche a causa della desertificazione sempre più incombente, molte persone faticano ad avere l’apporto calorico quotidiano consigliato. Solo agendo così, questa giornata, acquisirà un significato compiuto.