SABATO 06 GENNAIO 2018, 00:02, IN TERRIS

Senza Gesù non è festa

SALVATORE MARTINEZ
Facebook Twitter Copia Link Invia Scrivici
Carlo Maratta, Natività
Carlo Maratta, Natività
C

on l'Epifania le festività si avviano alla loro conclusione. In questo tempo natalizio si sono riempite le strade, intasate le linee telefoniche, consumati fiumi d’inchiostro e inviati migliaia di messaggi all’insegna dell’espressione Buon Natale. Ma Natale di che, di chi? Quanti avranno avuto il “buon senso” e l’onestà intellettuale – ancor prima che l’anelito di fede – di ricordare a tutti che si tratta del Natale di Gesù? Una verità da gridare senza sfumature, a chiare tinte vocali, a fronte alta, con profonda convinzione. Altrimenti non si comprenderà chi festeggiamo e perché tanto onore

In dieci, brevissimi quadri, proviamo a ricordare la “novità” del Natale di Gesù.

La Via (cfr. Gv 14,8). La Via dell’uomo. La Via di ogni famiglia, specie di quelle che si sono trasformate in “sentieri di perdizione”, in “luoghi di abbandono”, in “anonimi agglomerati domestici”, incapaci di custodire la sana dottrina e le tradizioni cristiane. La Via che indica all’umanità il gusto della fraternità ritrovata, lo stupore per i piccoli gesti d’amore in pura gratuità, il potere di benedire sempre e comunque.

Il Bambino (cfr. Is 9,5). Il Bambino tra bambini. Il Bambino che provoca all’amore puro, senza malizia, che ci invita a vivere in questo mondo con l’abbandono fiducioso che si addice ai bambini. Il Bambino, in soccorso di tutti i piccoli che la nostra stoltezza costringe a crescere nell’indigenza, nell’odio, nella perversione, ridotti a “trofei di guerra”, a “foto di cataloghi amorosi”, a “bocche affamate da sfamare”.

Il Nuovo Adamo (cfr. Rm 5,15 s). Il Nuovo Adamo per una nuova umanità destinata ad amare e a ricevere amore. Il Nuovo Adamo che ridà ad ogni creatura il senso profondo della propria vocazione di uomo o donna, di maschio o femmina in una generazione “de-generata”, che tende ad evolversi contro natura “secondo cultura”, a vivere fuori dalla esperienza della “grazia” indice dell’uomo nuovo.

Il Sommo sacerdote (cfr. Eb 3,1). Il Sommo Sacerdote, “vero Dio”, capostipite di un “sacerdozio perfetto” che fa di ogni consacrato un “braciere” ardente di santità, dedito anzitutto alla preghiera e alla Parola. Il Sommo sacerdote che ridesta la santità sacerdotale in quanti si sono lasciati condizionare dal mondo, che rinfranca coloro che si sentono soli e incapaci, che benedice l’operosità di chi nel silenzio fa avanzare il Regno di Dio.

Il Principe della pace (cfr. Is 9, 5). Il Principe della Pace tra i governanti e i re di questo mondo. Il Principe della pace, il cui regno non è di questo mondo, che illumina le menti di coloro che reggono popoli e nazioni, perché nessun uomo costruisca la pace con la violenza, la libertà con la sopraffazione, l’uguaglianza con il denaro, la convivenza con la paura.

L’Agnello di Dio (cfr. Gv 1,36). L’Agnello di Dio, che ben conosce il patire, colui che ha fatto della sua morte l’antidoto alla nostra morte, del suo dolore terreno la causa della nostra gioia eterna. L’Agnello di Dio che lenisce le piaghe di quanti sperano senza Speranza, si ammalano per sfuggire alla Croce, soffrono sotto i colpi del mistero dell’iniquità.

Il Maestro (cfr. Lc 17,13). Il Maestro che insegna agli uomini “l’arte di vivere”. Il Maestro che ha parole eterne, che istruisce con una sapienza non “fabbricata” da uomini. Il Maestro che feconda le menti di quanti hanno la responsabilità di educare alla “saggezza”, alla vera libertà che discende dalla verità.

La Verità (cfr. Gv 14,8). La Verità che “fa la verità” in un mondo che si ostina a rovinare sotto il peso degli inganni, che finge di credere perché ha perduto la passione per la Verità. La Verità che purifica i mezzi d’informazione di massa e tutti gli strumenti di comunicazione sociale che soggiacciono all’etica del falso, dei sensi, dell’effimero.

Il Giusto (cfr. 1Gv 2,1). Il Giusto instauratore di un “regno” nel quale vige il diritto fondato sull’amore e sul perdono. Il Giusto che chiede molto a chi molto ha ricevuto, ma che non fa preferenza tra gli operai della prima e dell’ultima ora. Il Giusto che sostiene la causa dell’orfano, della vedova, del carcerato, del perseguitato, del profugo, dell’esiliato.

La Vita (cfr. Gv 14, 8). La Vita dove c’è morte, la Vita che sconfigge la morte. La Vita che arretra la mano di quanti manipolano l’esistenza umana, che si servono della scienza per sfidare la Sapienza divina, che rendono la medicina non più un bene dell’uomo, ma l’origine di mali aberranti.

 

Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 


Scrivi il tuo commento

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
ANTISEMITISMO

"Qui ebrei" scritta choc sulla casa di un'ex deportata

A pochi giorni dal 70esimo anniversario dalla liberazione dei lager ancora un gesto antisemita
GERMANIA

Sparatoria a Rot am See, 6 morti

Tragedia in una piccola città tedesca, dove un uomo armato ha aperto il fuoco in un edificio. Preso il killer
USA

Houston, esplosione in un palazzo

Ancora non è noto se ci siano vittime o feriti, così come sono ignote le cause dell'esplosione
PARLAMENTO EUROPEO

"Serve una task force Ue contro la tratta"

A Bruxelles, nella giornata di approfodimento sulla prostituzione coatta e il traffico di esseri umani, l'appello di don Aldo...
Locuste in Africa
KENYA, ETIOPIA E SOMALIA

Emergenza locuste in Africa: milioni di bimbi rischiano la fame

Save the Children: "In un giorno possono mangiare la stessa quantità di cibo di 90 mln di persone"
EMERGENZA SALUTE

Coronavirus, la Cina blocca i trasporti pubblici

Sono oltre 40 milioni i cittadini coinvolti. Chiusa parte della Muraglia cinese
SAN FRANCESCO DI SALES

"Le menzogne spogliano l'uomo di dignità"

Nel messaggio per la 54° Giornata mondiale delle comunicazioni sociali, il Papa mette in guardia dalla "falsificazione...
Maltrattamenti in asilo - immagine di repertorio
ROMA

Maltrattavano bimbi, arrestate due maestre

Gli episodi di violenza in una scuola dell'infanzia alle porte della Capitale
ECOMUSEO

A lezione dalle pecore delle Langhe

Dalla cardatura della lana alla lavorazione del formaggio, a Paroldo (Cuneo) un'esposizione permanente sulle antiche...
GOVERNO

Si avvicina il voto regionale: oggi ultimo giorno di campagna elettorale

Dalle elezioni in Emilia e Calabria, alle sardine in piazza a Bibbiano: cosa succede tra maggioranza e opposizione
Le perquisizioni
BORGHESIANA | MUNICIPIO IV

Nuova operazione antidroga: 13 arresti tra cui una donna

Trovato in un'abitazione anche un quadro di Scarface incorniciato d'oro
SANTA SEDE

Un ufficio in Vaticano per gli anziani

Al primo summit pastorale sulla terza età, l'annuncio della creazione di un'apposita sezione del Dicastero per i...
Sfruttamento del lavoro nella raccolta delle mele
VERONA

Sfruttavano richiedenti asilo, 3 arresti

Accusati di caporalato nei confronti di una ventina di nordafricani
I danni del sisma del 2016
SISMA 2016

Ricostruzione: "Ampliare le prerogative del commissario"

Lo chiede il Consiglio regionale delle Marche al Governo per snellire i tempi di ripresa