VENERDÌ 22 MARZO 2019, 00:02, IN TERRIS

Salario minimo? Ecco chi ci perde...

RAFFAELE BONANNI
Facebook Twitter Copia Link Invia Scrivici
Una busta paga
Una busta paga
D

opo il reddito di cittadinanza, l’arciMinistro Di Maio propone di intervenire anche sul salario orario stabilito per legge. A legittimare l’intervento del governo arriva il Pd dall’opposizione con una proposta identica sul piano ideologico, ma con 9 euro netti anziché nove lordi proposti dal titolare del Lavoro. Si sa, la sinistra ha sempre avuto intenzioni di questo tipo; nella sostanza, non ha mai rispettato l’autonomia dei soggetti sociali, per le regolazioni nei rapporti di lavoro.

I 5 Stelle non avrebbero, di certo, potuto sottrarsi a questa fatale attrazione: decidere con legge lo stipendio da assegnare ai lavoratori. Naturalmente, si spiega e si rispiega, lo si fa per venire incontro ai dipendenti privi di garanzie contrattuali. Credo, tuttavia, che non si sia tenuto conto delle controindicazioni sul fronte del delicato ed efficace sistema delle relazioni industriali.

Tutti i lavoratori italiani hanno finora potuto godere del principio costituzionale che assicura una retribuzione sufficiente per sostenere la propria famiglia e proporzionata alla quantità e qualità del lavoro svolto. Questa norma da sempre porta la magistratura, in caso di contenzioso, ad applicare i contratti nazionali di lavoro del settore merceologico di pertinenza, siglati dai Sindacati e dalle associazioni dell'imprenditoria più rappresentativi sul piano nazionale. Si tratta, probabilmente, dell’unico tema, nel quale la giurisprudenza si è consolidata: da Trento a Agrigento.

La stessa Corte Costituzionale con più sentenze nel corso dei decenni, e fino ai nostri giorni, ha sempre avvalorato questa prassi. Tra le motivazioni più profonde della Consulta, c’è l'oggettiva constatazione che la contrattazione nazionale in ogni settore specifico è definita da associazioni datoriali e dei lavoratori largamente rappresentative, le quali nel complesso possono vantare una copertura in Italia che nessun altro Paese raggiunge: oltre l'80%.

Taluni hanno sostenuto che, talvolta, il ricorso a spregiudicati contratti "pirata" esponga i lavoratori a salari più bassi, ma non è così, visto che la misura che il magistrato considera è esclusivamente il minimo contrattuale pattuito dalle associazioni più rappresentative sul piano nazionale. Dunque a chi giova introdurre una misura che addirittura espone il Parlamento ad una rincorsa tra le mutevoli maggioranze ed opposizioni? Insomma, i lavoratori avrebbero solo da perderci: in prospettiva per il salario e per la perdita del loro potere complessivo nella società. Torneremmo indietro di diversi decenni.

Se il governo, invece, volesse fare qualcosa per i paria del lavoro italiano dovrebbe piuttosto preoccuparsi dei para-autonomi: partite iva povere, cocopro, collaboratori ed associati in partecipazione, e altre categorie ancora. Queste realtà, essendo configurate nel lavoro autonomo e non avendo potere contrattuale come i lavoratori dipendenti, sono esposti sul salario e sul Welfare.

Va precisato anche che molti di questi lavoratori autonomi, in verità svolgono mansioni da lavoro dipendente, per risparmiare su tasse, contributi e salario. Spero dunque che il governo desista dall’indebolire la contrattazione tra le parti nel lavoro dipendente per difendere la loro preziosa autonomia. A meno che il problema di Di Maio sia un altro.

Spazio al lettore: per commentare questo articolo scrivi a direttore@interris.it

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Il gioco dei rulli
ROMA

Grave incidente per un concorrente di "Ciao Darwin"

L'uomo rischia la paralisi, il cugino: "Hanno continuato a registrare". Trasmissione spostata al 3 maggio per...
Teste di cuoio
LOURDES

L'ex militare si arrende alla polizia

L'unica ferita è l'ex compagna dell'uomo: raggiunta da un colpo di arma da fuoco
L'Ilva di Taranto
ILVA

Si dimettono i commissari straordinari

Lettera recapitata al Mise. Di Maio: "Grazie per il lavoro svolto, inizia fase due"
Luigi Di Maio
25 APRILE

Di Maio attacca: "Chi lo nega era anche a Verona"

Il vicepremier critico: "Coloro che negano la festa della Liberazione passeggiavano con gli antiabortisti"
Simbolo Eurostat
COMUNITÀ EUROPEA

Eurostat: debito in crescita nel 2018

Il deficit è invece sceso al 2,1%, dal 2,4% del 2017
Una delle chiese attaccate
SRI LANKA

Stragi di Pasqua: l'Isis rivendica

La notizia diffusa dall'agenzia Amaq. Sale a 310 morti il bilancio delle vittime, 40 gli arresti. Ieri nuova esplosione a...