MERCOLEDÌ 14 AGOSTO 2019, 00:02, IN TERRIS

Crollo del Morandi, ricordare le vittime con opere concrete

MINO GIACHINO
Facebook Twitter Copia Link Invia Scrivici
Ponte Morandi
Ponte Morandi
C

osa è cambiato a un anno dalla tragedia del Ponte Morandi? Detto che all’inizio si è perso tempo perché, invece di mettere al centro la esigenza di rimettere al più presto in funzione un sistema economico come quello genovese che vive di trasporto merci e di turismo, i 5 Stelle che gestivano il Mit scelsero la battaglia ideologica contro le infrastrutture e il sistema autostradale che, sulla vicenda, ha sicuramente responsabilità gravi. Per fortuna Genova, prima col Commissario Toti e poi con il Sindaco Bucci, ma anche con i suoi operatori dai Terminalisti agli autotrasportatori sino agli spedizionieri, ha saputo reagire dimostrando una grande prontezza sia verso le famiglie che abitavano sotto il ponte e che hanno dovuto giocoforza trasferirsi in nuove abitazioni, sia costruendo velocemente nuove alternative stradali. Genova è stata molto efficiente nel realizzare la viabilità alternativa per garantire efficienza e operatività agli autotrasportatori e ai crocieristi. Per fare un esempio, chi arriva da Torino in auto o in camion, oggi impiega 15-30 minuti in più rispetto a prima. 

Buone risposte le sta dando il Decreto Genova portato avanti dall’ex Vice Ministro Rixi. Un decreto che ristora le famiglie e le aziende danneggiate dal tremendo incidente. Più complessa la situazione relativa al rapporto tra la società civile, la politica e le infrastrutture di trasporto. La tragedia ha fatto riemergere le posizioni contrarie alle grandi opere che impazzano nella politica da alcuni decenni e rappresentate al Governo dai ministri 5 stelle, che hanno puntato prima di tutto alla revoca della concessione alla società Autostrade invece di scegliere la strada del buon senso, cioè che Società Autostrade ricostruisse il nuovo Ponte e nel contempo la Magistratura portasse avanti le indagini per punire i colpevoli.

Si sarebbero guadagnati mesi preziosi. Per fortuna il Commissario Bucci ha gestito con grande efficienza la situazione e ora, completata la demolizione, si prevede un anno per la costruzione del nuovo ponte disegnato da Renzo Piano, il grande architetto genovese. Il punto centrale però, sul quale si è rischiato di tornare indietro di decenni, è quello dell'importanza delle Grandi opere per il futuro del nostro Paese. Premesso che l'Italia ha avuto i suoi momenti di maggiore crescita dell'economia e del lavoro allorquando ha costruito le grandi infrastrutture, oggi il punto è un altro, ossia che il nostro Paese da vent’anni non cresce più. Questo fa sì che i giovani neolaureati siano costretti ad andare a cercare lavoro e futuro all’estero, privandoci così delle energie migliori che le nostre famiglie e le nostre Università hanno formato.

Dopo vent’anni di tentativi di riforme, riformine e riformette che hanno dato risultati modesti, l’unico dato positivo è rappresentato dall’aumento delle esportazioni. Questo dato ci dice che il mercato globale, per un Paese che ha i suoi punti di forza nella manifattura, nel Made-in, nell’enogastronomia e nel turismo, è il grande motore di sviluppo del futuro. Per esportare occorre anche importare. Importazioni ed esportazioni hanno bisogno di infrastrutture moderne, competitive e connesse bene col mercato globale. Ecco il grande messaggio rappresentato dal Movimento SìTav che in un anno e’ riuscito a far crescere nella pubblica opinione la importanza delle infrastrutture che oggi sono viste positivamente dal 70% degli italiani.

Le Manifestazioni SìTav di Torino sono riuscite laddove non era riuscita la politica. La Tav, l’opera che ci connetterà alla rete di trasporti del futuro, si farà e per farla si è spaccata una maggioranza di Governo. Certo che un Paese che ha la maggioranza delle infrastrutture costruite negli anni 50-60-70 ha bisogno di un grande piano di manutenzione e di ristrutturazione e una campagna di assunzione di ingegneri che ne controllino quotidianamente lo stato, affinché non capiti mai più ciò che è capitato il 14 agosto dello scorso anno. Ecco perché occorre andare avanti con la Gronda autostradale di Genova. Lo dobbiamo alle 43 vittime  che ricordiamo cristianamente nelle nostre preghiere ma dobbiamo ricordarlo concretamente nelle opere.

Spazio al lettore: per commentare questo articolo scrivi a direttore@interris.it

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
TREVISO

Morta dopo aver scelto una chemio non invasiva per partorie

La notizia del tumore al seno durante la gravidanza. Le cure meno forti le consentono di diventare madre, ma muore tre mesi dopo
TASSE

Fino al 25 ottobre è possibile integrare il proprio “730”

Nel caso si sia dimenticata una deduzione o una detrazione, si ricorre al modello integrativo. Per i rimborsi o le compensazioni...
Palazzo Chigi
INCOGNITE

L’ipoteca economica sulla crisi di governo

I rischi sulla società italiana dell’esercizio provvisorio e dell’aumento dell’Iva
La vittima, Melissa Trotter, e a dx Larry Swearingen
USA

Pena di morte, nuova esecuzione in Texas

Le ultime parole del condannato: "Perdonali, non sanno quello che fanno"
L'epicentro del sisma
LAZIO

Terremoto, scossa nel Tirreno vicino Roma

Non sono stati riportati danni a cose e persone né sulla costa né nella Capitale
Ufficio comunale chiuso
PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

Quota 100: oltre 10mila domande nella Pa

E' boom di richieste di pensionamento ma è allarme "rimpiazzi" in comuni e ospedali