Pioggia di referendum in Italia: la riflessione che bisogna fare

ULTIMO AGGIORNAMENTO 0:03

Se la Corte costituzionale dichiarasse ammissibili tutti i quesiti referendari proposti – quelli sulla giustizia, richiesti da cinque consigli regionali, e i due sul fine vita e sulla droga -, in primavera gli elettori sarebbero chiamati al voto per ben otto referendum, sempre che l’appuntamento non slitti per eventuali elezioni anticipate.

Le modalità di proposizione dei quesiti, e anche il loro contenuto, hanno fatto sorgere perplessità su un istituto in sé apprezzabile, perché nell’ottica dei Costituenti avrebbe dovuto rappresentare una sorta di temperamento popolare rispetto a leggi ritenute da gruppi di cittadini così inaccettabili da sollecitarne l’abrogazione, totale o parziale; e quindi, in definitiva, rispetto a leggi fortemente divisive, per le quali si possa agevolmente cogliere la posta in gioco, ed esprimersi senza incertezze con un sì o con un no.

Se leggiamo taluni dei quesiti sulla giustizia, per es. quello sulla separazione delle carriere, constatiamo che il mix fra complessità della materia e natura abrogativa del referendum ha prodotto un testo così lungo che trasformerà la scheda di votazione in un lenzuolo: a costo anche della sua totale non comprensione, a meno che non ci si doti, insieme con la scheda, di un p.c. collegato a una banca dati giuridica, o di una raccolta aggiornata di leggi. Larga parte dei quesiti esige conoscenze specialistiche, attiene a settori ipertecnici, e mal si presta al semplice sì o al no della scheda.

Si replicherà che, una volta manifestata la volontà degli elettori, il Parlamento ricucirà e renderà organica la materia di intervento dei tagli referendari: se così fosse, è lecito chiedersi perché il Parlamento, avendone pieno potere, non faccia questo già da subito. Comunque la logica del quesito del referendum è di essere ‘autosufficiente’: nel senso che non viene ammesso dalla Consulta se il risultato che produce non è in grado di stare in piedi da solo, a prescindere da successive leggi di eventuale aggiustamento.

Ulteriore questione riguarda i promotori e le modalità di raccolta delle firme. I referendum sulla giustizia sono stati proposti da cinque Consigli regionali, come la Costituzione permette: attengono a materie di competenza della Regioni? Ma proprio no. Per la prima volta per i referendum sulla droga e sull’omicidio del consenziente hanno fruito delle firme apposte per via informatica: è una obiettiva facilitazione, che per entrambi si è rivelata determinante. Per il fine vita le firme verificate come valide sono state in totale 543.213, e di esse 61.561 sono state raccolte per via informatica: senza di esse la soglia del mezzo milione di sottoscrizioni non sarebbe stata superata. Per la droga le firme verificate come valide sono state in totale 507.104, e di esse addirittura 504.285 sono state raccolte per via informatica! Per la droga deve aggiungersi che il Governo in carica ha dato una mano generosa – senza precedenti – ai promotori, allungando di un mese il termine utile per la raccolta delle firme, che poi, come si è visto, è avvenuta quasi esclusivamente on line.

La riflessione è la seguente: il limite delle 500.000 firme è stato sancito in un’epoca in cui l’autentica della sottoscrizione avveniva a mano davanti al notaio o al segretario comunale: oggi è sufficiente inviare una mail certificata, con il proprio documento di identità; non è esattamente la stessa cosa. In un sistema fatto di pesi e di contrappesi la maggiore facilità di sottoscrizione potrebbe essere compensato da un numero più elevato di firme valide. Se poi, come è avvenuto per la droga, grazie al Governo – e col consenso del Parlamento – passa il principio che il termine viene spostato in avanti finché non si raggiunge il numero previsto, il sistema va realmente in sofferenza.

Alfredo Mantovano, Centro Studi Livatino

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.