SABATO 29 APRILE 2017, 000:02, IN TERRIS

Pd, perché la base può essere decisiva

MACARIO TINTI
Pd, perché la base può essere decisiva
Pd, perché la base può essere decisiva
Ormai ci siamo, è il momento dei gazebo. I candidati alla segreteria del Pd si preparano a raccogliere i frutti di due mesi di campagna elettorale, scanditi da sospetti e accuse reciproche. A cominciare dall’assemblea del 19 febbraio scorso, che ha ufficialmente aperto la fase congressuale, dove si è assistito a continui botta e risposta, con il corollario della scissione che ha visto protagonisti Bersani, Speranza e D’Alema.

Ovviamente quell’uscita dalla porta di sicurezza, essendo sbarrata quella principale, dei tre protagonisti dello scontro con Matteo Renzi peserà eccome sulle primarie, come hanno dimostrato questi ultimi giorni. E a pesare non saranno tanto le opinioni degli attori in campo, quanto la loro capacità di far leva sul sentimento di quella base, troppo spesso evocata a sproposito, rimasta sotto le insegne del Pd. Potrebbero essere loro, i militanti storici, a determinare l’indeterminato.

Subito dopo la chiusura delle urne nei circoli, quando a votare sono stati i soli iscritti, il risultato fatto registrare da Matteo Renzi, oltre il 66%, ha fatto parlare Andrea Orlando di “numeri che non convincono”. Il ministro della Giustizia, diretto inseguitore dell’ex premier, è staccato di diverse lunghezze con il suo 25,25%, e spera di poter rimontare nei gazebo, con il voto degli elettori. Dunque la base diventa strategica. Sempre che esistano ancora le fondamenta di un partito diviso e lacerato come non mai.

Il valzer dei numeri non è un modo per evitare di confrontarsi sulle idee, ma un’esigenza reale per dare corpo a qualcosa che appare immateriale. Non a caso proprio su questo tema si è innestata una nuova polemica quando Gianni Cuperlo, sostenitore di Orlando, ha invitato tutti, compresi gli scissionisti di Mdp, ad andare ai gazebo per sostenere il Guardasigilli. Un’iniziativa che ha provocato le ire dei renziani, pronti a sottolineare la “bizzarria” di un appello a partecipare alle primarie rivolto a chi è uscito dal partito proprio perché non credeva più al progetto dem.

Da parte di Mdp, in ogni caso, l'invito è stato declinato prontamente: “Un appello arrivato fuori tempo massimo. L'alternativa è fuori dal Pd”, ha sottolineato Speranza. L’alternativa, ma non il fattore contingente. Perché il leader di Mdp non negato la possibilità che gli aderenti al Movimento vadano ai gazebo. In molte parti d’IItalia, soprattutto nella rossa Toscana, si registra una forte ripresa degli ex piddini confluiti in Mdp. Segno che i movimenti della base sono decisamente diversi da quelli del vertice.

Pur con la dovuta cautela dettata dalla volatilità dei controlli e dei termini per accedere ai gazebi, le tensioni sul tema dell’affluenza sono un chiaro indicatore di quale sia la vera posta in gioco. Se per Renzi quel dato è secondario, per Orlando diventerebbe esiziale nel caso di flop. Per Orlando, alla base del disinteresse dell'ex premier, ci sarebbe la volontà di congelare il risultato ottenuto con i congressi nei circoli.

Il Guardasigilli e Michele Emiliano si dicono convinti di poter recuperare terreno con le primarie aperte, dove a votare non sono solo gli iscritti, ma anche semplici elettori o, addirittura, persone che voterebbero Pd per la prima volta. La cornice entro la quale si gioca la partita è decisamente diversa dal primo tempo andato in scena nei circoli. L’ultimo scontro, in ordine di apparizione, sull’esclusione delle liste Emiliano in Liguria e Lombardia è la prova plastica che Renzi vuole minimizzare tutto.

A far scattare la sanzione è stata la commissione di garanzia del congresso che, con il presidente Roberto Montanari, ha spiegato che tra le firme a sostegno di Emiliano nelle due regioni comparivano nominativi di persone non residenti in quei territori o, addirittura, non iscritte al Pd. Ne è seguito prima l’appello a una marcia indietro e poi il ricorso da parte del comitato del Presidente della Puglia. Ricorso terminato con la conferma dell’esclusione della lista Emiliano, non dalle regioni tout court, ma solo dai circoli in cui le firme non erano in regola. E ora la palla passa ai gazebo, dove sarà presente il fantasma delle elezioni anticipate, vero convitato di pietra dell’intera partita.
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Agenti della polizia tedesca
GERMANIA | TERRORISMO

Pianificavano attentato al mercatino di Natale: 6 arresti

Per l'attacco i fermati intendevano utilizzare armi ed esplosivo
Il premier Gentiloni e la segretaria generale Cgil, Susanna Camusso
PENSIONI

La Cgil boccia la proposta del Governo

Gentiloni: "Misure rilevanti e sostenibili. Camusso critica: "Mobilitazione il 2 dicembre"
CASCINA

Proiettili al sindaco donna che combatte gli stupri

Bossoli accompagnati da una lettera in cui la Ceccardi viene accusata di razzismo
VIOLENZA SUI MINORI

Sposa a nove anni a Padova: la Procura smentisce

La terribile notizia diffusa da un quotidiano locale stamattina
Oguz Guven
TURCHIA

Il direttore di Cumhuriyet web condannato per terrorismo

Oguz Guven dovrà scontare 3 anni e 1 mese per un tweet sulla morte sospetta di un magistrato
Sciopero nazionale dei taxi
SCIOPERO NAZIONALE DEI TAXI

Salta la trattativa col ministero, auto bianche ferme in tutta Italia

I sindacati hanno definito "insufficiente" il decreto attuativo emesso dal governo dopo l'accordo dello scorso...
L'asteroide 1I/2017 U1 o Oumuamua
OGGETTI INTERSTELLARI

Ecco Oumuamua, l'asteroide alieno

Osservato il 17 ottobre, presenta una forma simile a un sigaro e viene da fuori il Sistema solare
Marte, il cratere Schiaparelli
ROMA | MOSTRA RED HOPE

I paesaggi di Marte diventano opere d'arte

Per la realizzazione di queste opere, l'artista ha utilizzato i telai dei laboratori artigianali di un villaggio indiano nei...
Vigili del fuoco in India
INDIA

Scoppia un incendio in fabbrica: almeno 10 morti

Nel 2013, scondo l'Ilo, su un totale di 402 milioni di lavoratori, ci sono stati oltre 40 mila incidenti mortali sui luoghi...
Putin e Assad
SOCHI

Putin vede Assad: "Terrorismo verso la sconfitta"

Il presidente russo: "Le operazioni si avviano a conclusione. Ora avanzi il processo politico"
Angela Merkel
GERMANIA

Merkel punta a nuove elezioni

Manca ancora l'accordo per il governo. La cancelliera non vuole un esecutivo di minoranza
Il videomessaggio del Pontefice
PAPA FRANCESCO

"I credenti promuovano la reciproca comprensione"

Videomessaggio alla popolazione del Bangladesh alla vigilia del viaggio apostolico
Alessandro Di Battista
LA DECISIONE

Di Battista lascia: "Ma resto nel M5s"

Uno dei maggiori leader pentastellati esce dai palazzi: "Voglio scrivere e girare il mondo". E i militanti già...
Il sottomarino Ara San Juan
SOTTOMARINO DISPERSO

"I segnali non sono del 'San Juan'"

La Marina militare argentina smentisce che i suoni captati dai sonar appartengano al sommergibile, sparito dai radar da 5 giorni