MARTEDÌ 03 APRILE 2018, 00:02, IN TERRIS

Pane, biscotti, pizza: sappiamo cosa mangiamo?

FABRIZIO TORELLA
Facebook Twitter Copia Link Invia Scrivici
Caffè e pane
Caffè e pane
Q

uesta volta, la saggezza dei nonni ha dovuto piegarsi alle evidenze meno rassicuranti della scienza empirica. Chi non ricorda, in fila per comperare il pane, la signora un po' attempata raccomandarsi con il fornaio che le rosette o il quarto di casereccio fossero “ben cotti”? Colore dorato bruno accompagnato da un aroma avvolgente, promesse di quella croccantezza friabile al palato così tipica di tanti prodotti della tradizione che fanno parte del mangiare quotidiano.

Pane, pizza, biscotti dolci e salati, patate fritte, ma anche il caffè il quale, una volta tostato, racchiude in sé le stesse gentilezze organolettiche. Un sogno fatto di profumi e sapori dal quale ci risveglia bruscamente l’Efsa, l’Autorità Europea per la Sicurezza Alimentare, che in base al regolamento (Ue) 2017/2158 della Commissione, del 20 novembre 2017, stabilisce limiti e contromisure atte a prevenire gli effetti tossici e cancerogeni dell’acrilammide, “un composto organico a basso peso molecolare, altamente solubile in acqua, che si forma a partire dai costituenti asparagina e zuccheri naturalmente presenti in determinati alimenti preparati a temperature normalmente superiori a 120 °C e con un basso grado di umidità. L'acrilammide si forma prevalentemente negli alimenti ricchi di carboidrati cotti al forno o fritti, costituiti da materie prime che contengono i suoi precursori, come i cereali, le patate e i chicchi di caffè” (art. 3). “L'acrilammide è un contaminante secondo la definizione del regolamento (Cee) n. 315/93 del Consiglio (2) e, in quanto tale, costituisce un pericolo chimico nella catena alimentare(art. 2).  

Le istituzioni europee dispongono così che nel processo di lavorazione i produttori adottino le cosiddette misure di attenuazione, volte a ridurre le percentuali della molecola in questione senza tuttavia alterarne il gusto. Tra le varie raccomandazioni, originali ed a tratti surreali, c’è quella di utilizzare soprattutto farine raffinate - la bianca per intenderci – evitando in particolare quella di segale. Proprio adesso, dopo averci convinto in tutti i modi che la farina bianca fosse il veleno e le fibre vegetali il suo antidoto.

I bambini sarebbero i più sensibili al rischio tossico, essendo anche quelli più esposti al consumo di cereali lavorati industrialmente e di patate fritte imbustate o da fast food. Un colpo duro anche per gli adulti, messi di fronte al pericolo rappresentato da troppe tazzine di caffè: ma non era elisir di lunga vita per il cuore e per l’umore?

Sarà per queste e per tante altre “buone” ragioni che la notizia non ha inondato le prime pagine dei media generalisti e non ha scatenato l’impeto chiacchiericcio dell’agorà social. L’informazione puntuale e trasparente, in particolar modo se relativa alla salute pubblica, è un dovere morale di ogni giornalista che si voglia definire tale. Alla luce di una consapevolezza anche scomoda, spetta poi a ciascuno di noi scegliere.

Spazio al lettore: per commentare questo articolo scrivi a direttore@interris.it

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Stabilimento balneare
NUMERI IN CRESCITA

Italia 2019: l’estate con più stabilimenti balneari

Quasi 7 mila impianti in attività per il boom turistico nei litorali. Le preoccupazioni di Legambiente
Colosseo
L'ANALISI

Record di imprese a Roma

In tutte le regioni italiane il trimestre si è chiuso con il segno positivo. Le radici pontificie del primato della...
I cinque migranti tentano di raggiungere Lampedusa a nuoto
MIGRANTI

Open Arms, in cinque si gettano in mare

Tentativo di raggiungere a nuoto Lampedusa: tutti recuperati. La Spagna offre un porto ma l'equipaggio dice no: "Troppo...
Il giovane padre investito
CASTEL VOLTURNO

Pirata della strada ubriaco investe e uccide un passante

L’incidente mentre l’uomo attraversava la strada. Il conducente del veicolo, un Suv, è ora al carcere di Santa...

Ecco come scacciare la paura dal nostro cuore

Quanto importanti sono queste parole di Gesù: "Non temere, piccolo gregge”. Parole che ritorneranno...
MIGRANTI

Open Arms, i minori non accompagnati sono sbarcati

Conte scrive a Salvini. Il ministro dell'Interno: "Tua decisione rischia di diventare un precedente"