GIOVEDÌ 01 GIUGNO 2017, 000:02, IN TERRIS

L'incubo dei partitini

MACARIO TINTI
L'incubo dei partitini
L'incubo dei partitini
Tecnicamente si chiama sbarramento. In realtà trattasi di un vero e proprio regolamento di conti. Tanto a destra quanto a sinistra. Perché quando si vara una nuova legge elettorale, al di là di quale sia il modello di riferimento, i punti centrali dell’operazione sono essenzialmente due: le possibilità di vittoria per chi dà le carte e l’oggettiva necessità di tagliare fuori le ali estremi. Se queste, poi, coincidono con ex alleati, ex delfini, ex ex, ancora meglio. Il risultato sarà doppio. Anzi, triplo, come hanno perfettamente capito l’ex premier, Matteo Renzi, e l’amico-nemico Silvio Berlusconi.

Il modello tedesco declinato in salsa italiana, sistema elettorale attorno al quale i due leader hanno trovato l’intesa, porterà in Parlamento, secondo le proiezioni degli analisti non più di quattro partiti, lasciando a casa tutti gli altri. Dal punto di vista del quadro generale è solo un bene. Una semplificazione della politica italiana non solo è necessaria, ma vitale per la ripresa del Paese. Il rischio di tornare al mercato delle vacche modello prima Repubblica, nel caso in cui la via del proporzionalismo puro si fosse allargata, è un prezzo troppo alto da pagare per una realtà come la nostra.

Dunque ben venga lo sbarramento al 5%, anche se Berlusconi lo vorrebbe all’8%, in modo tale da avere una foto nitida della rappresentanza parlamentare. Quella attuale è seppiata e densa di sfumature, di ombre indefinite e indifendibili. Troppo per chi vuole agganciare la ripresa.

Ovviamente all’interno di questo quadro c’è chi non è affatto contento, come il ministro degli Esteri, Angelino Alfano, o Giorgia Meloni, presidente di Fratelli d’Italia. Il primo, leader di Ap, in quanto alleato del Pd nell’attuale maggioranza, chiede il riconoscimento del lavoro, mettendo all’incasso le cambiali in scadenza. Ma Renzi non vuole, o forse non può, onorare ciò che debito non è, secondo lui. La convivenza al governo e nella maggioranza è stata solo una necessità reciproca con benefici per l’uno e per l’altro. Cambiando le carte in tavola cambiano anche le strade da percorrere.

Diverso il ragionamento per la Meloni. Berlusconi, tornato centrale nel dibattito politico, non può far altro che regolare i conti con quanti lo hanno osteggiato e messo da parte nei mesi scorsi. Fratelli d’Italia, forse con scarsa lungimiranza e pessima visione di gioco, ha dato per scontato troppo in fretta la fine di Silvio. La quale, in realtà, sembra non arrivare mai. E l'ex Cavaliere è uno che non dimentica, soprattutto quel continuo valzer delle primarie finito in soffitta senza nemmeno l’onore della festa di piazza. Una sconfitta dalla quale la Meloni vuole star lontana, ma la realtà è più impietosa della memoria. Dunque il secondo giro di giostra della legge elettorale che verrà, ha messo sul tavolo elementi chiarificatori, capaci di delineare la cornice entro il quale si andrà tratteggiando il quadro politico ante voto e campagna elettorale.

Dove i programmi sono solo parole mentre le corsa alle poltrone l’unica urgenza. Alfano e Meloni, al di là dei fumosi e retorici proclami, cercano solo di trattare sulle candidature. Non altro. Anche solo per questo conviene ringraziare il modello tedesco in salsa italiana. Del quale si avvantaggeranno comunque il Movimento 5 stelle e la Lega, le uniche formazioni in grado di correre da sole. Un altro elemento di semplificazione capace di riavvicinare gli italiani alla politica. Anche se qualche dubbio resta.

Il deputato grillino Danilo Toninelli sostiene di non amare “i capilista bloccati” e per questo il problema sarà risolto con “le parlamentarie, invitiamo tutti o partiti a farle”. L’idea sembra anche giusta, il metodo è sbagliato. La democrazia dei clic non esiste, è ridotta nei numeri e fallace nel modo. Dunque fine a se stessa. Questo significa adattarsi alle circostanze. Certo lo stesso esponente pentastellato ribadisce l’amore per le preferenze, “il M5s è nato con le preferenze e vuole vivere con le preferenze, ma non possiamo impiccarci su questo”. Dunque anche loro di necessità faranno virtù, tagliando ciò che c’è da tagliare. Come Matteo e Silvio....
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
L'esultanza del Napoli
CHAMPIONS LEAGUE

Il Napoli spera: 3-0 allo Shakhtar

Tris degli azzurri agli ucraini con Insigne, Zielinski e Mertens. Ottavi ancora possibili
Agenti della polizia tedesca
GERMANIA | TERRORISMO

Pianificavano attentato al mercatino di Natale: 6 arresti

Per l'attacco i fermati intendevano utilizzare armi ed esplosivo
Il premier Gentiloni e la segretaria generale Cgil, Susanna Camusso
PENSIONI

La Cgil boccia la proposta del Governo

Gentiloni: "Misure rilevanti e sostenibili. Camusso critica: "Mobilitazione il 2 dicembre"
CASCINA

Proiettili al sindaco donna che combatte gli stupri

Bossoli accompagnati da una lettera in cui la Ceccardi viene accusata di razzismo
VIOLENZA SUI MINORI

Sposa a nove anni a Padova: la Procura smentisce

La terribile notizia diffusa da un quotidiano locale stamattina
Attacco in Nigeria (repertorio)
NIGERIA

Baby kamikaze in moschea: 50 morti

Il giovane si è fatto esplodere durante le preghiere del mattino. Sospetti su Boko Haram
Papa Francesco e il cardinale Parolin
SANTA SEDE

Nasce una nuova sezione della Segreteria di Stato

Avrà competenza su quanti lavorano nelle sedi diplomatiche pontificie
Oguz Guven
TURCHIA

Il direttore di Cumhuriyet web condannato per terrorismo

Oguz Guven dovrà scontare 3 anni e 1 mese per un tweet sulla morte sospetta di un magistrato
Sciopero nazionale dei taxi
SCIOPERO NAZIONALE DEI TAXI

Salta la trattativa col ministero, auto bianche ferme in tutta Italia

I sindacati hanno definito "insufficiente" il decreto attuativo emesso dal governo dopo l'accordo dello scorso...
L'asteroide 1I/2017 U1 o Oumuamua
OGGETTI INTERSTELLARI

Ecco Oumuamua, l'asteroide alieno

Osservato il 17 ottobre, presenta una forma simile a un sigaro e viene da fuori il Sistema solare
Marte, il cratere Schiaparelli
ROMA | MOSTRA RED HOPE

I paesaggi di Marte diventano opere d'arte

Per la realizzazione di queste opere, l'artista ha utilizzato i telai dei laboratori artigianali di un villaggio indiano nei...
Vigili del fuoco in India
INDIA

Scoppia un incendio in fabbrica: almeno 10 morti

Nel 2013, scondo l'Ilo, su un totale di 402 milioni di lavoratori, ci sono stati oltre 40 mila incidenti mortali sui luoghi...
Putin e Assad
SOCHI

Putin vede Assad: "Terrorismo verso la sconfitta"

Il presidente russo: "Le operazioni si avviano a conclusione. Ora avanzi il processo politico"
Angela Merkel
GERMANIA

Merkel punta a nuove elezioni

Manca ancora l'accordo per il governo. La cancelliera non vuole un esecutivo di minoranza