MERCOLEDÌ 19 GIUGNO 2019, 00:02, IN TERRIS

Le insufficienze della scuola italiana

SUOR ANNA MONIA ALFIERI
Facebook Twitter Copia Link Invia Scrivici
Scuola
Scuola
I

n determinati periodi dell’anno solare riemerge un rigurgito di interesse per l’anno scolastico: a settembre, per l’inizio farraginoso, a corto di docenti; a Natale, per le polemiche sui Presepi e le canzoncine bandite per la rima in “ù”; ai primi di giugno per il finale rocambolesco (bocciature di mezze classi alla volta, tavoli che volano dalle finestre…). La scuola pubblica italiana è in sofferenza…per i 9 decimi che frequentano la pubblica statale, ma anche per il decimo restante che ha scelto (potendolo fare, perché purtroppo i poveri non hanno potuto) la pubblica paritaria.

Purtroppo non tutti i genitori sono liberi di scegliere il tipo di educazione pubblica che desiderano, se non hanno i mezzi per pagare sia le tasse allo Stato per la scuola pubblica statale, sia le rette alla pubblica paritaria che allo Stato costa, tutta insieme, per quel famoso decimo degli studenti che la frequenta, 500 milioni di euro all’anno. Quanto costano allo Stato i restanti 9 decimi dei suoi studenti nelle pubbliche statali? Sono precisamente, dice il MIUR, 7.682.635…, dunque più di 57 miliardi di euro! Sconfortante, se si guardano i risultati, fatte le debite eccezioni. Infatti nella scuola pubblica statale ci sono docenti e dirigenti eroici, che lavorano senza risparmiarsi, si occupano nel modo migliore che possono dei ragazzi e che…hanno lo stesso stipendio di quelli che nulla fanno nulla, o fanno danno… Gravissima ingiustizia, ma chi controlla? E chi provvede? Il ruolo di “controllore” spetta sempre allo Stato, che però, nel caso della scuola pubblica statale, è anche il “gestore”. Quindi, il gestore (lo Stato) chiude occhi e orecchi… E’ l’evidenza.

Dunque c’è qualcosa che non quadra: 1) lo spreco delle risorse; 2) l’incapacità dello Stato di controllare quello che lui stesso gestisce; 3) la mancanza di consapevolezza e senso critico degli italiani; 4) l’impossibilità – da parte del genitore – di scegliere la buona scuola pubblica (statale o paritaria) che ritiene giusta per il proprio figlio, come è scritto nella Costituzione e nella Dichiarazione dei Diritti umani. E come succede in tutti i Paesi europei, tranne Grecia e Italia… Si pensi inoltre al disabile, che cambia prof. di sostegno ogni anno e che se lo vede quasi sempre usato come supplente… i genitori sarebbero felici di iscriverlo alla pubblica paritaria… ma non possono. E neanche la scuola può riceverlo: come paga il prof. di sostegno? Lo fa pagare ai genitori degli altri alunni? Iniquo. Spetta sempre allo Stato provvedere al disabile.

Ad oggi, lo Stato non può più spendere neppure una lira per la scuola pubblica, sia statale che paritaria, entrambe destinate – per motivi diversi - al collasso. Il costo standard di sostenibilità per allievo è un nuovo modo di calcolare le spese scolastiche nella scuola pubblica paritaria e statale e rispetta la libertà di scelta della famiglia. Questo costo è una “quota pro capite” che lo Stato deve anzitutto calcolare correttamente (è stato fatto!) e poi darla all’alunno e alla famiglia, che lo assegnano alla scuola prescelta. In soldoni: il finanziamento spetta all’allievo e alla famiglia (che paga fior di tasse allo Stato) e, di conseguenza, quest’ultima lo assegna alla scuola pubblica – statale o paritaria – che preferisce. Chiaro che per l’alunno disabile la quota pro capite sarebbe maggiore, a seconda della gravità della patologia. Ovviamente, la scuola, per essere scelta e ricevere la “quota capitaria” dalla famiglia, deve essere appetibile, evitare sprechi, fare attenzione che i prof. siano veri professionisti, curare tutti gli aspetti importanti della vita scolastica. Se il genitore non potesse scegliere, esisterebbe solo la scuola pubblica statale, come nei regimi totalitari.

Spazio al lettore: per commentare questo articolo scrivi a direttore@interris.it

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Una foto di Mattia Torre sui social network
CULTURA

Addio allo sceneggiatore Mattia Torre

Famoso per aver scritto la serie tv di culto “Boris”, era malato da tempo
Un'immagine del Santuario di Lourdes
PELLEGRINAGGI

La diocesi del Papa in viaggio verso Maria

Pellegrinaggio mariano a Lourdes dal 26 al 29 agosto organizzato dal Vicariato
GRECIA

Terremoto in Grecia, paura ad Atene

Il sisma, di magnitudo 5.3, ha bloccato molti in ascensore
Per il 91% degli italiani, le recensioni di TripAdvisor sono attendibili
OCCHIO AL WEB

Recensione negativa per TripAdvisor

Il Consiglio di Stato ha multato la nota community di recensioni online
Bossoli
CAMORRA

Doppia "stesa" a Napoli: paura nella notte

Due bossoli davanti alla chiesa dove fu ucciso Genny Cesarano
PICCOLI SVANTAGGIATI

L'app per i bambini non udenti migliora la sua offerta

StorySign amplia i suoi contenuti a disposizione dei 32 milioni di minori privi di udito
NERA

Milano, 28enne morto in una piscina comunale

Sul caso indagano i Carabinieri, ipotesi aperte sul motivo del decesso
Luigi Di Maio
GOVERNO

Di Maio: "Escludo crisi, parliamo e andiamo avanti"

Così il vicepremier 5 stelle per allontanare le tensioni fra i due partiti alla guida dell'esecutivo
ALLERTA D'ESTATE

Vacanze e social: allarme furti

La denuncia shock di Skuola.net: "Più della metà si geolocalizza"
Dia
RAPPORTO

Dia: "Le operazioni finanziarie delle mafie sono al Nord"

Lʼallarme: "Dalla mafia nigeriana rischi di radicalizzazione islamica"
Ospedale Cardarelli di Napoli
NAPOLI

Furbetti del cartellino: 60 avvisi di garanzia al Cardarelli

Dipendenti dell'azienda ospedaliera si allontanavano in orario di lavoro
La cattedrale di Sarzana
LIGURIA

Sarzana, nuova mostra al Museo Diocesano

Rassegna culturale che ha come elemento centrale la misericordia