LUNEDÌ 16 DICEMBRE 2019, 00:02, IN TERRIS

Le 5 criticità della Manovra

MATTEO GIANOLA
Facebook Twitter Copia Link Invia Scrivici
N

on si può nascondere che la maggioranza sia un po’ in affanno e che la corsa verso la redazione e l’approvazione della manovra economica per il 2020 sia in salita e con tempi strettissimi per evitare l’esercizio provvisorio. Proviamo un esercizio intellettuale richiudendo in cinque punti le criticità che, oggi, sorgono dal progetto della Legge di Bilancio.


Punto primo: troppe tasse

Come già anticipato è evidente il bisogno di fare cassa da parte di questa maggioranza che si è dimostrata incapace di spingere su crescita e efficientamento del comparto statale. Le nuove imposte porteranno la pressione fiscale a crescere di una decina di punti base e si ammanteranno di risvolti etici a giustificazione delle stesse che, però, potrebbero andare a costituire delle componenti negative di crescita rendendo la manovra potenzialmente recessiva. Si parte dalle nuove imposte sull’uso delle auto aziendali come benefit, magari pensando che queste siano appannaggio solo della dirigenza senza pensare a quanti dipendenti le abbiano in dotazione per svariati motivi, dalla compensazione per la sede di lavoro disagiata a ruoli commerciali e così via; su questi, nella prima bozza del capitolo di entrata, era a rischio un aggravio annuo di quasi 700 euro medi di imposta, poi ridotto nella nuova formulazione che, credibilmente, arriverà in aula. Si arriva, poi, alle famigerate plastic tax e sugar tax. Qui il vero problema è che queste imposte oltre a creare un certo squilibrio per alcune delle aziende più importanti in Italia, si pensi solo al comparto agroalimentare ad esempio, finiranno per essere scaricate sui consumatori finali tramite il principio di traslazione di imposta con un conseguente aggravio di costi e di tassazione sui consumi, anche se in maniera indiretta. Viene eliminato il regime di cedolare secca per le locazioni commerciali. Si permette un aumento della tassa di soggiorno fino a 10 euro al giorno per i turisti il che rappresenta una grande innovazione per un paese con una spiccata propensione al turismo ma che viene penalizzato non solo dagli scarsi investimenti nel settore ma anche dal fisco ma, evidentemente, questo non è un settore strategico nel mix produttivo per la crescita secondo il governo. In più si prevede un aumento del 3% dell’IRES per i concessionari pubblici e un’ulteriore modificazione al regime forfettario per le partite IVA.


Punto secondo: clausole di salvaguardia solo rimandate

Non essendo previsto alcuna vera riqualificazione della spesa pubblica, la cosiddetta spendig review che poco tempo fa era un termine piuttosto in auge, l’aumento dell’IVA non è scongiurato ma solo rimandato se l’Italia non riagguantasse la crescita e il deficit continuasse a crescere. Premesso che una clausola di salvaguardia dei conti pubblici debba esistere per evitare un possibile squilibrio nelle finanze dello stato è sicuramente un deterrente, a livello di aspettative da parte degli operatori, che questa sia prevista per mezzo di un aggravio fiscale automatico, tra l’altro sui consumi sui quali l’aliquota IVA applicata non è certamente contenuta.


Punto terzo: costo dell’energia

L’accesso a fonti energetiche il loro costo sono dei punti focali nelle politiche di crescita e sviluppo di un Paese; l’economia è energivora da sempre, l’accesso a fonti energetiche sicure, economiche e abbondanti sono alla base di ogni processo virtuoso di crescita e la situazione italiana è paradossale, sia dal lato della produzione sia da quello dei consumi finali. Nel primo caso si scontano decenni di politiche populiste, dal rifiuto al nucleare al costo delle energie rinnovabili spalmato in bolletta, alle varie proteste sull’impianto dei rigassificatori o sull’arrivo dei gasdotti o, ancora, sul rifiuto delle piattaforme di estrazione, regalando alcuni giacimenti allo sfruttamento da parte di stati limitrofi. Nel secondo caso si entra, soprattutto, sulla questione accise.


Punto quarto: agevolazioni insufficienti al rilancio dell’economia

Si parla da anni (fin dal governo Prodi bis) del taglio del cuneo fiscale, cioè la differenza tra il costo vero del lavoro e l’importo lordo in busta paga dei dipendenti e, finalmente, qualcosa si muove. Il calcolo medio del peso del cuneo, però, porta il costo del lavoro a carico azienda pari a circa il 47.8% del valore netto della busta paga percepita dal lavoratore, per intenderci su 1'000 euro incassate il costo vero del dipendente darebbe pari a circa 1'900 euro tra carichi fiscali lato dipendente e lato azienda. Peggio dell’Italia, tra i paesi OCSE, si collocano solo Belgio, Germania, Ungheria e Francia (fonte: rapporto Taxing Wages di OCSE). Il taglio di questi oneri, ribaltandoli in busta paga, permetterebbe un aumento dei salari e del potere d’acquisto immediato senza rischi inflazionistici, per intenderci, ed è per questo che la retorica politica, da anni, parla di un ipotetico taglio per ridare slancio all’economia. Il vantaggio previsto dalla manovra è di 95 euro per lavoratore, che va a riassorbire il cosiddetto “bonus Renzi” che, pur valendo più di 1'200 euro all’anno (calcolato sulle 13 mensilità medie) non sembra essere così importante da poter migliorare le aspettative sul futuro e rilanciare i consumi. Stessa cosa si può dire per i “bonus famiglia” che, al di là delle buone intenzioni, non pare possano avere un impatto strutturale sulle abitudini di consumo e risparmio delle persone fisiche, sempre in relazione alla questione fiscale che incombe su tutto.


Punto quinto: lotta al contante e all’evasione

Ultimamente si è nuovamente accentuata la retorica sull’evasione fiscale che non è sicuramente la vera emergenza italiana con le entrate fiscali in continua crescita negli ultimi 20 anni e con un valore stimato che si colloca perfettamente nella media europea. In pratica si può dire che il leviatano, se mi si permette di citare Hobbes, abbia fame e questa sia fame di nuove coperture di spesa e che si continui a sbandierare lo spauracchio dell’evasione per non fare nulla dal lato dell’efficientamento della spesa pubblica tramite il contenimento della spesa corrente e l’ampliamento degli investimenti (che sono fondamentali per creare l’humus necessario alla crescita). Di qui a un ritorno alla retorica della lotta al contante il passo è brevissimo. Limitare il contante non serve a nulla. I traffici illeciti, oggi, avvengono tramite canali ben più raffinati rispetto alle valigette imbottite di banconote, tipiche dei film sui gangster.


Ci sono luci e ombre nella manovra, quindi?

La Legge di Bilancio e Stabilità non sembra frutto di un progetto serio di riforma e di rilancio del Paese, quanto un provvedimento di compromesso tra forze che non paiono compatibili nella visione stessa di quello che dovrebbe diventare l’Italia. La partita sulla manovra, inoltre, non è ancora chiusa poiché ancora manca il passaggio in aula che, salvo richiesta del voto di fiducia (cosa anche scontata visti i tempi strettissimi per l’approvazione, scongiurando così il possibile esercizio provvisorio), potrebbe apportare delle modifiche a quanto fin oggi ipotizzato ma, probabilmente, questo potrebbe rappresentare il canto del cigno della maggioranza PD-M5S anche se solo i prossimi mesi potranno confermare o smentire questa previsione.

Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 


Scrivi il tuo commento

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Un carcere italiano
REGIONALI EMILIA-ROMAGNA

Nel carcere bolognese pochi detenuti hanno scelto di votare

Le ragioni dell'assenteismo spiegate dal responsabile della Comunità Educante con i Carcerati
NAPOLI

Corruzione e rivelazione segreti d'ufficio: 5 carabinieri in manette

Tre uomini dell'arma sono stati sospesi per un anno
I controlli alla stampa prima della conferenza stampa del ministro della Salute cinese a Pechino ieri - Foto © The Yomiuri Shimbun via AP Images
ALLERTA MONDIALE

Coronavirus, tutto quello che ancora non sappiamo

Aumentano i casi di contagio nel mondo. I morti salgono a 80

Consumo di droghe: necessario un osservatorio in ogni comune italiano

Siamo quelli che mangiano veg e comprano bio; siamo quelli che recitano il vangelo della sostenibilità e della...
I resti della Delta
CROTONE

Tragico schianto sulla statale Silana Crotonese

Una Nissan si è scontrata frontalmente con una Lancia
Billie Eilish
LOS ANGELES | USA

Grammy, Billie Eilish entra nella storia nella notte dedicata a Bryant

Alicia Keys, in onore di Kobe, ha improvvisato la canzone "It's So Hard to Say Goodbye to Yesterday"
Uno pari, palla al centro

Centrosinistra 1 - Centrodestra 1. Palla al centro?

Bonaccini vince in Emilia Romagna dove il Pd frena la Lega; Santelli trionfa in Calabria. Spariscono i Cinque Stelle
Elezioni Emilia-Romagna
ELEZIONI REGIONALI

Calabria, vince la destra. L'Emilia-Romagna resta a sinistra

I commenti e le reazioni a caldo di tutte le forze politiche. Zingaretti: "Grazie sardine". Salvini: "Orgoglioso...
Alluvioni in Brasile
MINAS GERAIS

Alluvioni in Brasile: 44 vittime, 17mila sfollati

Il presidente Jair Bolsonaro ha assicurato che il suo governo sta facendo "tutto il possibile"
ITALIA

Il Ponte Morandi ci ha condannati. Ora chiediamo giustizia

A Interris.it parla Egle Possetti, Presidente del Comitato Vittime del Ponte Morandi
Kobe Bryant
LA TRAGEDIA

Addio Kobe Bryant, leggenda del basket

Il fuoriclasse del parquet e star dell'Nba è morto in un incidente con il suo elicottero. A bordo sua figlia e altre 7...

I marinai disorientati della politica

"Chi parla semina, chi ascolta miete”, recita un antico proverbio. Al di là del dovuto rispetto per...
Roma-Lazio 1-1. Dzeko sovrasta Strakosha e porta in vantaggio i giallorossi - Foto © Twitter
SERIE A

Roma, derby amaro: con la Lazio è solo 1-1

I giallorossi dominano e vanno avanti con Dzeko ma un errore di Pau Lopez regala il pari ad Acerbi
Poliziotti
ROMA

Poliziotto si suicida in casa: è il settimo da inizio anno

Libero Sindacato di Polizia (Lisipo): "Sempre più vittime. Necessario un pool di psicologi"
Mandela Forum
GIORNO DELLA MEMORIA

Al Mandela Forum per non dimenticare la Shoah

L'eredità ideale e spirituale dei sopravvissuti all'Olocausto per 7 mila studenti degli istituti toscani
Azienda di moda
CATEGORIE

Uno, nessuno, centomila talenti

Da nord a sud le iniziative di promozione dei settori e delle competenze made in Italy. Il ruolo della Camera di Commercio di...