MARTEDÌ 11 AGOSTO 2015, 000:03, IN TERRIS

L'autunno infernale del governo

AUTORE OSPITE
L'autunno infernale del governo
L'autunno infernale del governo
tinti“L’autunno del patriarca” è un celebre romanzo di Gabriel Garcia Marquez pubblicato nel 1975, dopo il successo mondiale di “Cent’anni di solitudine”. Molto spesso quel libro, in particolare il titolo, è stato usato come metafora per descrivere la parabola discendente di Silvio Berlusconi. In quel romanzo c’è la quintessenza della solitudine del potere e di ciò che si porta dietro. Dunque non solo il Cavaliere, al quale, a dire il vero, quel testo aderisce ben poco. Semmai ci sono dei connotati, dei tratti, dei punti di congiunzione con l’attuale premier, Matteo Renzi. Il quale, e in questo la metafora trova la sua collocazione, si appresta a vivere un autunno caldo, fondamentale per la sua carriera politica. La riforma del Senato, il pacchetto di modifiche costituzionali, il tema dell’immigrazione con tutte le sue complicazioni, la questione meridionale, Mafia Capitale e la crisi del Comune di Roma, le riforme economiche e la crisi strutturale della nostra economia a cui si lega il rischio di un deficit di democrazia nei rapporti con l’Europa, sono temi momentaneamente finiti su un binario morto. Ma alla ripresa dell’attività politica fissata per l’ultima settimana di agosto torneranno a prendersi la scena, chiedendo risposte certe, adeguate all’esigenza del momento. Insomma, dopo le ferie estive esecutivo e maggioranza dovranno affrontare un tornante della storia particolarmente insidioso.

Dietro l’angolo, e sarebbe sciocco negarlo, c’è lo spettro delle elezioni anticipate, che potrebbero segnare la primavera del prossimo anno. Un rischio per molti, un passaggio democratico per altri. Comunque una prova per tutti. Vincitori e vinti, patriarchi e figli. La sensazione che si è andata consolidando in queste settimane di agosto è che il governo non abbia ancora pronta l’agenda per l’autunno, eccezion fatta per la riforma del Senato, diventata la madre di tutte le battaglie con la minoranza Dem attestata sulla linea del Piave. Ma rispetto all’esercito italiano le truppe di Bersani e Cuperlo, sostenute dall’alleato Fassina, sembrano avere una strategia aggressiva. Che non è detto sia un bene per il Paese, ma non può non essere presa in considerazione. Anche perché un partito sempre più trasversale, rappresentato plasticamente negli editoriali della domenica da Eugenio Scalfari su Repubblica e Ernesto Galli della Loggia sul Corriere della Sera, non condivide affatto l’idea di avere a che fare con un Parlamento di soli “nominati”. E ancora democrazia quella o ci avviamo verso un autocrazia? Non conosciamo la risposta, ma sappiamo che la partita per la riforma del Senato se non è fondamentale per la sorte degli italiani, di sicuro lo è per le regole del gioco.

Ecco perché sarà un autunno caldo, se non addirittura rovente. E lo sarà anche sul tema dell’immigrazione, nonostante il fisiologico calo degli sbarchi. Sino ad oggi il governo non ha saputo, o voluto, mettere in campo una strategia complessiva, lasciando spazio alla campagna elettorale permanente, dove Lega e Movimento 5 Stelle trovano il loro brodo di coltura. Ma non è cosi che si affrontano i problemi. Il monito di Papa Francesco è stato un severo richiamo alla realtà. Per tutti. E riguarda tutti il capitolo dell’economia. Non basta dirsi d’accordo sulla riduzione delle tasse, occorre attivare la macchina che riduce la voracità del fisco. Ecco perché gli italiani si aspettano scelte forti e mirate, che vadano oltre la logica dello spot elettorale sulla prima casa e le accise che ne rendono la proprietà un problema e non una soluzione. Insomma, non sarà un settembre come gli altri. E non lo sarà per la semplice ragione che tutti, ma proprio tutti, lo vanno caricando di significati particolari, di simboli fondamentali dai quali non possiamo prescindere.

Se Renzi saprà operare quello scarto di lato, quel cambio di passo necessario per uscire dal dire per entrare nel fare, avremmo un autunno storico, e non un settembre nero. Ma solo se avrà coraggio e si metterà davvero in sintonia con il Paese, a partire dal Mezzogiorno. Parlare di masterplan e agende è bello, certo, ma non rappresenta la sostanza per risolvere, meglio sarebbe dire aggredire, gli atavici problemi che affliggono il meridione d’Italia. Se il governo, e con esso il Parlamento, dovesse restare sul materasso a molle degli annunci, saltando i problemi, allora sì che avremmo davvero l’autunno del patriarca. L’uomo solo al comando, per dirla con Mattarella, non basta per un Paese coralmente incapace di risollevarsi da solo. Serve il concorso di tutti per tornare davvero a correre.
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Serie A, 17ma giornata
CALCIO | SERIE A

L'Inter cade con l'Udinese, Napoli solo in vetta

Gli azzurri vincono 3-1 in trasferta. I nerazzurri cadono a San Siro, primo ko di Spalletti
Il Papa incontra Acr
AZIONE CATTOLICA RAGAZZI

Il Papa: "Fissate l'obiettivo sulle periferie"

Udienza del Pontefice ad Acr: "Siate buoni fotografi della realtà che vi circonda"
Il cardinale Camillo Ruini
BIOTESTAMENTO

Card. Ruini: “Così si apre all’eutanasia”

Il porporato intervistato su Repubblica
I coniugi Sherman
TORONTO

Trovato morto il "re" del farmaco generico

Le condoglianze del premier Trudeau
Paolo Gentiloni e Maria Elena Boschi in una foto d'archivio
BRUXELLES

Gentiloni difende il ministro Boschi

Il premier: "Ha chiarito, sarà candidata Pd"
Rahul Gandhi
INDIA

Rahul Gandhi è il leader del Partito del Congresso

Nipote di Indira, succede alla madre, l'italo-indiana Sonia