MERCOLEDÌ 05 APRILE 2017, 000:02, IN TERRIS

La Siria non ha più tempo

ANDREA ACALI
Facebook Twitter Copia Link Invia Scrivici
La Siria non ha più tempo
La Siria non ha più tempo
Una strage orribile, l’ennesima, che ha visto tra le vittime innocenti anche una decina di bambini. La guerra infinita iniziata ormai sei anni fa in Siria ha fatto registrare ieri l’ennesimo capitolo di sangue, dolore e morte con il bombardamento di civili nella provincia di Idlib. Decine di persone sono rimaste uccise in seguito ai raid con gas tossici. Il consueto balletto di accuse e smentite sulle responsabilità è un film già visto. Purtroppo, a pagare il prezzo più alto, ancora una volta, sono i civili, in particolare i profughi. L’Onu calcola che nella provincia di Idlib ci siano almeno 900.000 sfollati. E il timore è che per loro si ripeta il dramma già vissuto ad Aleppo.

La città capoluogo del distretto omonimo, nella zona nord-occidentale della Siria, non lontana dal confine con la Turchia, è infatti in mano ai ribelli ed è diventata il rifugio dei miliziani qaedisti di Hayat Tahrir al Sham (gruppo in cui sono confluiti anche quelli di Fatah al Sham, ex al Nusra) che hanno abbandonato Aleppo dopo la liberazione della città a dicembre. Ed è su questa zona che probabilmente si concentreranno nelle prossime settimane gli attacchi delle forze governative sostenute dai russi, in accordo con le milizie curde.

Il cambio di strategia politica dell’amministrazione Trump potrebbe risultare decisivo per le sorti della guerra. Il nuovo presidente americano, contrariamente a Obama, non considera Assad il nemico principale perché il suo obiettivo è abbattere l’Isis. Quando nel 2013 ci furono le prime notizie di un attacco chimico, Obama minacciò di usare la potenza militare Usa contro il regime di Damasco. L’appoggio della Russia allo storico alleato in Medio Oriente e la pressione esercitata dal Papa con la grande veglia del 7 settembre per la pace nell’”amata Siria” fermarono le armi americane. Ora Trump, senza dimenticare i suoi buoni rapporti con Putin, vede in Assad un possibile alleato nella lotta ai miliziani di al Baghdadi.

Ma al di là della difficile partita militare e politica, in uno scacchiere complicato in cui le alleanze si fanno e si smontano in poco tempo, è intollerabile l’indifferenza a cui ci stiamo abituando nei confronti del dramma umanitario che sta vivendo la popolazione, stremata da sei anni di una guerra condotta senza esclusione di colpi. Civili inermi stretti nella morsa dei feroci tagliagole dell’Isis, dei ribelli e dell’esercito regolare che vuole riconquistare ad ogni costo la supremazia.

Le tremende immagini della strage di ieri toccano la coscienza di tutti. Che differenza c’è rispetto agli attentati terroristici di San Pietroburgo, di Londra, di Istanbul o di Parigi? I morti sono morti. Non ci si può limitare a chiedere una riunione del Consiglio di sicurezza dell’Onu, come ha fatto la Francia, o a lanciare accuse più o meno fondate. E’ ora di agire concretamente. Se non per motivi umanitari, quanto meno per puro interesse: fermare la guerra in Siria significa, per l’Europa, arrestare o almeno rallentare significativamente il flusso ininterrotto di migranti. Per questo è necessario non solo ogni sforzo per evitare che si fermino i negoziati di pace ma che le trattative raggiungano un risultato nel più breve tempo possibile: la gente, in Siria, vuole tornare a vivere e di tempo non ne ha più.
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 


Scrivi il tuo commento

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
I vescovi in Kenya durante una celebrazione press il santuario mariano di Subukia, ottobre 2019 - Foto © ACI Africa
CHIESA IN USCITA

Kenya, i vescovi dicono basta alla corruzione

L'appello di purificazione dall'illegalità nella Quaresima. Il problema? Il tribalismo
L'autosalone di Ginevra
CORONAVIRUS

Annullato il Salone dell'Auto di Ginevra

Primo caso in Lituania: è una donna tornata da Verona il 24 febbraio scorso
Sun Yang
NUOTO

Doping, il Tas stanga Sun Yang: 8 anni di squalifica

Il nuotatore cinese, campione olimpico in carica nei 400 stile libero, avrebbe distrutto la provetta di un controllo antidoping
SPAZIO

La stella Betelgeuse brilla di nuovo

Dal 2019 è impallidita perdendo circa il 36% della sua luminosità
Un bambino siriano approdato sull'isola di Lesbo - Foto © Giorgos Moutafis per Reuters
EMERGENZA UMANITARIA

Nei campi profughi i bambini siriani muoiono di freddo

Un dramma senza precedenti. Polemiche sul silenzio internazionale
ECONOMIA

Ecco l'effetto del coronavirus sulle Borse

Lo spread tra Btp e Bund ha toccato un picco di 182,7 punti base per poi ripiegare a 176 punti.
Lavoratori stranieri
RAPPORTO CNA 2019

In Italia 600mila imprese condotte da lavoratori immigrati

Sono un decimo di tutte le aziende registrate presso le Camere di Commercio nazionali
TRASPORTO AEREO

Alitalia, cigs per 3.960 dipendenti: pesa anche epidemia coronavirus

La compagnia nelle scorse ore è stata informata che su due voli del 17 febbraio ha viaggiato un passeggero con patologia...
UAE Tour
EMIRATI ARABI

Cancellate due tappe di ciclismo: 2 italiani positivi al virus

Primo contagio in Nigeria: è italiano. Primo caso in Olanda: è stato in Italia. Hyundai chiude in Corea del Sud
La Finanza sul luogo del blitz
L'AQUILA

Avezzano, maxi operazione antidroga: 10 arresti

Impegnati oltre 100 finanzieri: perquisiti 12 locali e sequestrate varie autovetture
Jeanine Áñez
FONDAZIONE JUBILEO

Bolivia: "Elezioni libere, pulite e trasparenti"

"Tu voto cuenta": la campagna in vista delle presidenziali post Maduro del 3 maggio
Carabinieri
MESSINA

Colpo al clan dei Barcellonesi: 59 arresti

Il clan imponeva estorsioni in tutta la provincia ma nessuno ha mai denunciato
Mezzi militari turchi
MEDIO ORIENTE

Siria, soldati turchi massacrati in un raid

Escalation in corso nel Paese: almeno 29 militari di Ankara uccisi da una serie di attacchi delle forze di Assad
Coronavirus

Gli effetti collaterali (politici) del coronavirus

Il Governo ha affrontato l’emergenza del Coronavirus venendo da un periodo abbastanza turbolento di polemiche...
Mascherina
L'EPIDEMIA VISTA DAI BAMBINI

"Dobbiamo mettere quelle buffe mascherine?"

Il racconto di un'allieva della prima media: "Sono preoccupata soprattutto per i mei nonni"

Coronavirus: cos'è, le cure disponibili e il vaccino

Mentre il coronavirus SARS-CoV2 annuncia la fine del mondo e degli eventi che la preparano, le istituzioni Italiane...