VENERDÌ 09 GIUGNO 2017, 000:02, IN TERRIS

La scuola della speranza

FERDINANDO MARIA CIANI
La scuola della speranza
La scuola della speranza
Chiuse le scuole occorre riflettere sull'importanza di educare alla gratuità e quindi anche al senso di appartenenza. Il profitto scolastico insegna agli allievi a pensare a se stessi, a cercare i migliori voti con il minimo sforzo possibile, a porsi come massimo obiettivo la promozione. Il resto non è cosa loro: gli insegnanti pensano a preparare le lezioni, il preside a far funzionare la scuola, i "bidelli" a pulire.

Lo studente della scuola del profitto si sente autorizzato a non collaborare, a sporcare, a sprecare poiché non recepisce come suo "l'obbligo" a partecipare, a lasciare pulito, a risparmiare. Gli abbiamo insegnato infatti che diviene "obbligo" solo ciò che gli viene espressamente ordinato (rispondi all'interrogazione, non disegnare il banco, raccogli la cartaccia...) senza coinvolgersi o assumersi responsabilità. Gli studenti del profitto vivono da opportunisti: ognuno per sé, qualcun altro penserà per tutti.

E' un modo di fare che essi ricevono dalla scuola stessa e più in generale dalla cultura edonistica e consumistica in cui vivono. Manca il senso di appartenenza, il sentirsi "insieme", comunità solidale. Così vivere tre, cinque anni in una stessa classe non crea più di tanti legami; in quel tempo ciascuno compie un cammino individuale in cui troverà ad abitare in un'aula con dei compagni, più o meno simpatici senza tuttavia condividere un'avventura, senza essere gli uni veramente importanti per gli altri.

Rimarranno ricordi, forse amicizie superficiali, ma non quei legami profondi che nascono dall'esperienza relazionale-affettiva ma anche etica di aver costruito insieme qualcosa di buono per sé e per gli altri.

Il senso di appartenenza procede insieme alla gratuità; se lo stare a scuola è motivato dal piacere gratuito di conoscere, capire se stessi e interagire nel mondo, viene naturale il desiderio di organizzare assieme la casa comune dove tutto ciò può realizzarsi. Nella casa comune si è corresponsabili non solo dell'apprendimento ma delle persone, dei compagni, degli insegnanti, dei collaboratori scolastici, del loro benessere, delle relazioni reciproche; si è corresponsabili delle strutture, degli spazi, dei tempi della scuola, della sua organizzazione e funzionalità, dalla pulizia delle stanze alla cura del giardino, dalla gestione delle merende all'orario delle lezioni.

La scuola diviene un luogo di esperienza umana e culturale significativa in cui poter esprimere ed esercitare ogni capacità, diventa luogo di sfida con se stessi, di preparazione vera alla vita. Ognuno è sollecitato a dare ciò che ha e ciò che può perché sia valorizzato e reso utile al cammino comune. Chi ha il dono della logica si adopererà per organizzare, chi ha quello dell'arte per rendere piacevoli gli ambienti, chi quello relazione per capire i bisogni delle persone.

Ogni potenzialità viene utilizzata perché c'è bisogno di tutti, ci si sente compresi ma anche stimolati a donare le proprie capacità perché si scopre la gioia di costruire il bene insieme agli altri. Nel condividere la responsabilità della casa comune le persone trovano risposta a quell'anelito profondo, incolmabile di fraternità e di comunione che fa parte del bagaglio più intimo di ogni uomo. dare una risposta concreta a questo bisogno vitale è dare fiducia ai propri ragazzi iniziando a considerarli più che semplici "colli di bottiglia" da riempire ma veri e propri collaboratori, protagonisti del loro stesso sviluppo.
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
EUROPA LEAGUE

Atalanta e Milan, cinquine per i sedicesimi

Orobici e milanesi, con un 5-1, passano il turno con una giornata di aniticipo. Pari della Lazio
Robinho
VIOLENZA SESSUALE

Robinho condannato a nove anni

L'attaccante dell'Atletico Mineiro, ex Milan, avrebbe praticato una violenza di gruppo nel 2013
Una foto d'archivio di Pietro Orlandi con il manifesto che ricorda la sorella Emanuela
GIALLO IRRISOLTO

Caso Orlandi, presentata denuncia in Vaticano

L'avvocato Sgrò: "Emersi nuovi dati, speriamo che la Gendarmeria indaghi"
Il premier Gentiloni e il ministro dell'Economia Padoan
ETÀ PENSIONABILE

Nel 2019, stop all'aumento a 67 anni per 14.600

Presentato l'emendamento del Governo: aumentano a 15 i lavori gravosi
Il Sostituto della Segreteria di Stato mons. Angelo Becciu
MALESIA

Inaugurata la Nunziatura "green"

Il sostituto mons. Becciu ricorda la libertà religiosa sancita dalla Costituzione
L'Ara San Juan (repertorio)
SOTTOMARINO DISPERSO

Esplosione a bordo dell'Ara San Juan

Chiarita la natura dell'anomalia acustica percepita prima dell'ultimo contatto
TRAGEDIA DEL RIGOPIANO

Altre 23 informazioni di garanzia per il disastro

A spedirle la Procura di Pescara: la valanga aveva provocato 29 vittime
Papa Francesco riceve in udienze le famiglie francescane in Vaticano
VATICANO

La peggiore delle mondanità secondo Bergoglio

Il Pontefice riceve in udienza il Primo e Terz’Ordine regolare francescano