MARTEDÌ 07 GENNAIO 2020, 00:02, IN TERRIS

La rischiosa deriva dell'escalation iraniana

RAFFAELE MARCHETTI
Facebook Twitter Copia Link Invia Scrivici
I funerali di Qasem Soleimani
I funerali di Qasem Soleimani
I

l clima di tensione derivato dal raid che ha eliminato il leader delle forze armate iraniane, Qasem Soleimani, rappresenta inevitabilmente un elemento destabilizzante non soltanto della situazione in Iraq o in Medio Oriente ma a livello internazionale. Lo strike americano ha fatto sì che venisse ucciso un alto rappresentante del governo di un Paese con il quale non si è in guerra e, per questo, va considerata l'illegittimità di un'azione di questo tipo, la quale crea un grave precedente e rischia di istigare in altri Paesi, un domani, ad arrogarsi il diritto di effettuare questo tipo di azioni nei confronti di esponenti di primo piano di un governo. Per la Comunità internazionale è qualcosa di veramente scioccante e che crea un precedente importante, oltre che preoccupante. Questo si àncora a una situazione già molto tesa: l'Iran è sempre stato, strategicamente, un obiettivo e un problema per l'amministrazione Trump già durante la sua campagna elettorale. Poi, durante tutta la presidenza del Tycoon, Teheran è stata additata come uno dei problemi principali per gli Stati Uniti, motivo che spiega il grande rafforzamento dei rapporti sia con Israele che con l'Arabia Saudita e gli innumerevoli attacchi verbali nei confronti dell'Iran. Una serie di passi che avevano già fortemente irrigidito la situazione nell'area ma l'omicidio di Soleimani, di per sé, cambia radicalmente le carte in tavola poiché chiama purtroppo la vendetta iraniana.

Posto che gli iraniani procederanno quasi sicuramente a un'azione, non è detto che questa porterà necessariamente a una guerra. Fatto sta che, quando si innesca un processo di escalation di questo tipo, da un lato non è facile fermarlo, dall'altro ci si espone a errori di calcolo e di esecuzione, che possono far deragliare un'escalation controllata, creando presupposti per una deriva incontrollata verso un conflitto.

In questo quadro l'Italia, che tradizionalmente ha rapporti discreti con l'Iran, si trova inevitabilmente al centro di un vortice: l'Italia è parte della Nato e faceva parte della coalizione internazionale con una forte presenza in Iraq. Ora il Parlamento iracheno ha votato una mozione che chiede al governo di espellere tutte le forze armate straniere, comprese quindi quelle italiane. Un'eventualità che gli Stati Uniti non vogliono considerare e, per questo, ci sarà un ulteriore punto di frizione nel valutare la permanenza sul territorio. Restare, esporrebbe i nostri soldati a rischi molti elevati. E' chiaro che l'eventuale vendetta iraniana si abbatterebbe su obiettivi americani ma non si può escludere un allargamento del bersaglio a includere le forze europee o, più nello specifico, quelle della Nato. Tanto più che molti leader europei, da Boris Johnson a Emmanuel Macron, hanno manifestato il loro sostegno all'azione Donald Trump. Per questo le nostre truppe in Iraq sono in una situazione di grande pericolo e questo richiede una riflessione molto seria da parte del governo italiano sul ritiro o meno. Anche in virtù di una situazione in Libia che, forse, richiede un maggiore attivismo piuttosto che in Iraq.

Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 


Scrivi il tuo commento

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
SENATO

Conte: "Il consiglio Ue? Si annuncia complesso e complicato"

Le dichiarazione del premier a Palazzo Madama alla vigilia del Consiglio europeo
Fayez al-Sarraj
CRISI LIBICA

Sarraj abbandona i colloqui di Ginevra

Dopo l'attacco di Haftar nel porto di Tripoli a una nave turca che trasportava armi
La Diamond Princess
CORONAVIRUS

Giappone: iniziato lo sbarco della Diamond Princess

E' partito l'aereo che porta il personale sanitario a Yokohama per soccorrere gli italiani
Pereira Carlos Alberto Salazar
OPERAZIONE ANTIDROGA

Colombia, catturato il "Pablo Escobar" dell'eroina

Sul trafficante di droga pende una richiesta di estradizione dagli Stati Uniti
Giuseppe Conte e Matteo Renzi
GOVERNO

Conte-Renzi, sfida ad alta tensione

Accordo sulla prescrizione ma l'estenuante giornata in Senato ha assestato un altro colpo alla maggioranza
Dia
IL BLITZ

Mafia, arrestato il fratello della vedova Schifani

Giuseppe Costa è accusato di associazione mafiosa nell'ambito dell'inchiesta sul clan dell'Arenella. Suo...
MODENA

Tre ragazzi lanciano sassi contro un treno: 14enne indagato

La Procura sta procedendo per attentato alla sicurezza dei trasporti e getto pericoloso di cose
Il cardinale, Christian Wiyghan Tumi, parla con il leader d'opposizione del Camerun, John Fru Ndi, durante la cerimonia di apertura del piano di dialogo nazionale a Yaounde il 30 settembre 2019 - Foto © AFP
AFRICA

Don Forka, il prete che accusa il suo governo di genocidio

Il sacerdote ha scelto YouTube per denunciare il massacro nelle regioni anglofone del Camerun
La Diamond Princess
L'EPIDEMIA

Diamond Princess, un italiano positivo al Coronavirus

Mille sbarcati dalla Westerdam senza quarantena: tra loro 1 infetto e 5 italiani, individuati in Cambogia
Flavio Bucci nei panni di don Bastiano ne
IL LUTTO

E' morto Flavio Bucci, il don Bastiano di Monicelli

L'attore torinese è deceduto nella sua casa di Passoscuro a 72 anni. Quasi cinquant'anni di carriera fra cinema,...
Liliana Segre
LA TESTIMONIANZA

Liliana Segre, laurea honoris causa alla Sapienza

La senatrice inaugura l'Anno accademico e riceve il titolo in Storia dell'Europa: "Conoscere è...
CONFLITTO

Siria, inventa un gioco per distrarre la figlia dalle bombe

Il video è virale. Le Nazioni Unite sugli attacchi: "Abbiamo raggiunto un livello orribile"
Il prof. Giovanni Rocchi
ROMA

Oggi i funerali del fondatore di "medicina solidale"

Giovanni Rocchi espresse "il carattere più autentico della medicina". Il cordoglio dell'Univ. di Tor...
POLITICA

Milleproroghe, chiesta fiducia. Incognita decreto sicurezza

Palazzo Chigi lavora a riscrivere il decreto. Ma la vera sfida è mettere tutti d'accordo
L'imprenditore e filantropo Osman Kavala
TURCHIA

Gezi Park, il filantropo Kavala rischia l'ergaastolo

In detenzione preventiva, Kavala è accusato di aver tentato di rovesciare il governo di Erdogan
GERMANIA

Roettgen si candida alla guida del Cdu

Fino ad ora si era sempre parlato di tre candidati: l'avvocato finanziario Friedrich Merz, il ministro della Salute Jens...