VENERDÌ 07 DICEMBRE 2018, 00:02, IN TERRIS

La profezia di don Oreste

GIOVANNI PAOLO RAMONDA
Facebook Twitter Copia Link Invia Scrivici
Don Oreste Benzi
Don Oreste Benzi
L

a storia della Comunità Papa Giovanni XXIII è quella di un piccolo seme lanciato sulle Dolomiti cinquant’anni fa, che si è sviluppato a Rimini e che ora fiorisce in tutta Italia e in tutto il mondo. In questi cinque decenni si sono ingrossate le fila dei nostri volontari e delle persone raggiunte dalle nostre attività, ma soprattutto è migliorata la qualità della condivisione, che si incarna nell’accoglienza nei confronti delle categorie più deboli: dai portatori di handicap ai bambini orfani, dagli adolescenti a rischio ai giovani schiavi delle dipendenze, dalle ragazze costrette a prostituirsi ai profughi, compresi quelli giunti con i corridoi umanitari in Italia qualche settimana fa. Ciò che abbiamo ereditato da don Oreste Benzi, il nostro fondatore, è il fiuto che ci fa capire dov’è che si leva il grido dei poveri, nonché la capacità di saperlo ascoltare stando vicino a chi soffre e vivendoci accanto. Ma la nostra attività consiste anche nel cercare di rimuovere le cause di ingiustizia: tant'è che ci battiamo per proporre nei Paesi in cui operiamo delle leggi rispettose della dignità umana, leggi che promuovano dunque la vita, la famiglia, il lavoro per tutti, l’integrazione.

Dalla morte di don Oreste, dieci anni fa, la società è mutata, si è globalizzata offrendo opportunità ma anche ampliando i divari sociali. Se è vero che si sono moltiplicate le occasioni di comunicazione e di dialogo, è altrettanto vero che questa schizofrenia di informazioni rischia di far rimanere il confronto a livello superficiale, evitando così il necessario approfondimento dei problemi. E poi c’è il dramma dei poveri i quali, almeno nelle nostre società, sono persino aumentati. Il mondo va troppo veloce, forse è il caso di rallentare per tenere il passo degli ultimi, per distribuire le risorse affinché ci sia il necessario per tutti.

La società dunque è cambiata in cinquant’anni. E con lei sono cambiate anche le sfide che abbiamo di fronte. In questo periodo storico riteniamo fondamentale difendere il diritto alla vita, soprattutto quello delle creature più indifese. Si colloca in questo senso la scelta di aumentare la nostra presenza nel Nord Europa, in Paesi dove, ad esempio, ci sono leggi che prevedono di abortire i bambini down riconosciuti con una diagnosi prenatale perché ritenuti solo un costo sociale. C’è poi bisogno, in società in cui nascono sempre meno figli, di riaffermare il valore delle famiglie numerose, della complementarietà tra giovani ed anziani, la quale rappresenta un modello per la società. Oggi a Rimini, dove celebriamo questo anniversario, avremo ospite Sergio Mattarella. Siamo onorati di averlo con noi, è la prima volta che un presidente della Repubblica viene a far visita alle nostre comunità. È un momento di festa ed è occasione per ringraziarlo del lavoro che sta svolgendo come capo dello Stato.

Spazio al lettore: per commentare questo articolo scrivi a direttore@interris.it

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Un boccale dell'ex filanda
SAN FRANCESCO

Friar: l'ex filanda francescana che offre birra e serenità

Il "locale" di Monza gestito dai frati che permette a tanti giovani di conoscersi
Inter-Roma 1-1. Un contrasto fra Nainggolan e Dzeko
SERIE A

ElSha, poi Perisic: Inter-Roma è pari

Nella giornata dell'ottavo scudetto consecutivo bianconero, la lotta Champions si accanisce: 1-1 a San Siro
Uova di Pasqua

Una Santa Pasqua, In Terris festeggia grazie a te

Per continuare la nostra missione chiediamo un piccolo gesto di solidarietà e amicizia
Giuseppe Conte
CASI SIRI E ARATA

Pd, mozione di sfiducia al governo Conte

L'annuncio del capogruppo dem al Senato, Marcucci: "Chiarimenti sulla reale salute della coalizione"
Il passaggio del ciclone Idai in Mozambico
MOZAMBICO

Unicef: istruzione a rischio per 300mila bambini

Il ciclone Idai si è abbattuto nell'Africa centro-orientale in marzo provocando oltre 400 morti
Gilet gialli a Parigi
LA PROTESTA

Gilet gialli in piazza, scontri a Parigi

Tornano a sfilare i dimostranti, tensioni fra Polizia e black-bloc a Place de la Republique: 126 fermi