VENERDÌ 07 DICEMBRE 2018, 00:02, IN TERRIS

La profezia di don Oreste

GIOVANNI PAOLO RAMONDA
Facebook Twitter Copia Link Invia Scrivici
Don Oreste Benzi
Don Oreste Benzi
L

a storia della Comunità Papa Giovanni XXIII è quella di un piccolo seme lanciato sulle Dolomiti cinquant’anni fa, che si è sviluppato a Rimini e che ora fiorisce in tutta Italia e in tutto il mondo. In questi cinque decenni si sono ingrossate le fila dei nostri volontari e delle persone raggiunte dalle nostre attività, ma soprattutto è migliorata la qualità della condivisione, che si incarna nell’accoglienza nei confronti delle categorie più deboli: dai portatori di handicap ai bambini orfani, dagli adolescenti a rischio ai giovani schiavi delle dipendenze, dalle ragazze costrette a prostituirsi ai profughi, compresi quelli giunti con i corridoi umanitari in Italia qualche settimana fa. Ciò che abbiamo ereditato da don Oreste Benzi, il nostro fondatore, è il fiuto che ci fa capire dov’è che si leva il grido dei poveri, nonché la capacità di saperlo ascoltare stando vicino a chi soffre e vivendoci accanto. Ma la nostra attività consiste anche nel cercare di rimuovere le cause di ingiustizia: tant'è che ci battiamo per proporre nei Paesi in cui operiamo delle leggi rispettose della dignità umana, leggi che promuovano dunque la vita, la famiglia, il lavoro per tutti, l’integrazione.

Dalla morte di don Oreste, dieci anni fa, la società è mutata, si è globalizzata offrendo opportunità ma anche ampliando i divari sociali. Se è vero che si sono moltiplicate le occasioni di comunicazione e di dialogo, è altrettanto vero che questa schizofrenia di informazioni rischia di far rimanere il confronto a livello superficiale, evitando così il necessario approfondimento dei problemi. E poi c’è il dramma dei poveri i quali, almeno nelle nostre società, sono persino aumentati. Il mondo va troppo veloce, forse è il caso di rallentare per tenere il passo degli ultimi, per distribuire le risorse affinché ci sia il necessario per tutti.

La società dunque è cambiata in cinquant’anni. E con lei sono cambiate anche le sfide che abbiamo di fronte. In questo periodo storico riteniamo fondamentale difendere il diritto alla vita, soprattutto quello delle creature più indifese. Si colloca in questo senso la scelta di aumentare la nostra presenza nel Nord Europa, in Paesi dove, ad esempio, ci sono leggi che prevedono di abortire i bambini down riconosciuti con una diagnosi prenatale perché ritenuti solo un costo sociale. C’è poi bisogno, in società in cui nascono sempre meno figli, di riaffermare il valore delle famiglie numerose, della complementarietà tra giovani ed anziani, la quale rappresenta un modello per la società. Oggi a Rimini, dove celebriamo questo anniversario, avremo ospite Sergio Mattarella. Siamo onorati di averlo con noi, è la prima volta che un presidente della Repubblica viene a far visita alle nostre comunità. È un momento di festa ed è occasione per ringraziarlo del lavoro che sta svolgendo come capo dello Stato.

Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 


Scrivi il tuo commento


Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Persecuzione dei cristiani nel mondo
AIUTO ALLA CHIESA CHE SOFFRE

Forum: "La persecuzione anticristiana nel mondo"

Il rapporto di Acs sarà presentato il 24 ottobre nella basilica capitolina di San Bartolomeo all’Isola
La scuola Giovanni Battista Pirelli di Milano, dove è avvenuto l'incidente
L'INCIDENTE

Tragedia a Milano, precipita bambino in una scuola

Il piccolo è ricoverato in condizioni gravissime
Giulia Lazzari, Roberto Lo Coco e la loro bimba
ADRIA

Morta la giovane mamma strangolata dal marito

La 23enne Giulia Lazzari, madre di una bimba di 4, era stata aggredita l'8 ottobre scorso
Un senza tetto
PADOVA

Domani la “Notte dei senza dimora”

Per sensibilizzare su povertà e marginalità con proposte, animazioni e incontri
A destra, Daniele Belardinelli, il tifoso del Varese ucciso dopo la partita Inter-Napoli il 26 dicembre 2018
STADIO E VIOLENZA

Arrestato l'ultrà che, il giorno dopo Natale, investì un tifoso con un suv

Legato a clan della camorra, il napoletano Manduca è stato incastrato da alcuni video
Buca stradale
OPERAZIONE

Arrestati funzionari Anas e imprenditori siciliani

Portati alla luce "rodati meccanismi corruttivi" all'interno dell'Anas di Catania
Inps

Così è

E'successo proprio in questi giorni ed è capitato anche a me. Sono stati arrestati alcuni malfattori che...
A sinistra, migranti diretti verso l'Europa; a destra, le bare delle prime vittime recuperate nel naufragio avvenuto nella notte tra il 6 e il 7 ottobre - Foto © Repubblica
MAR MEDITERRANEO

Si rinnova lo strazio di Lampedusa: sette corpi recuperati

Tra loro una mamma con il proprio figlio. Sul barchino erano in cinquanta
Guantoni da boxe
IL DRAMMA

Da Schaaf a Day: quando la tragedia è sul ring

Dalla morte dell'americano contro Primo Carnera fino al dramma di Chicago: quasi un secolo di interrogativi
Boris Johnson
REGNO UNITO

Brexit, Johnson strappa l'accordo a Bruxelles

Intesa ottenuta, rivisto il backstop ma il Dup si oppone: il voto in Parlamento è un'incognita
Foto di repertorio
EMERGENZA GIOVANI

WhatsApp, così in chat i ragazzini diventavano mostri

Video pedo-pornografici, Isis e insulti ai malati. Perquisizioni in tutta Italia
Prigione italiana - Foto © The Guardian

Carcere, sei guardie accusate di violenza e torture

Contestato il reato di tortura. Si cercano responsabili ed episodi analoghi