LUNEDÌ 21 SETTEMBRE 2015, 000:02, IN TERRIS

La domanda di Pechino

AUTORE OSPITE
La domanda di Pechino
La domanda di Pechino
Sono a Pechino. Yang Rui, anchorman della televisione cinese Cctv, mi rivolge domande molto generiche. A metà intervista affonda il colpo: “Ma, voi italiani, vi rendete conto che la vostra democrazia è alternativa alla modernità? Che oggi conta soltanto la rapidità nelle decisioni e nei risultati?”. Poi aggiunge qualcosa sul fatto che non riusciamo più a costruire una strada, una ferrovia, uno stadio, un gasdotto, un aeroporto. Siamo bloccati da “voti e veti” e non guardiamo al futuro, aggiunge. Si riferisce anche all’Europa.
Gli parlo della complessità della democrazia, ovviamente. Elogio la nostra libertà, che non è di certo incompatibile con la modernità. Poi, racconto dall’Alta velocità, che collega in pochissimo tempo città straordinarie come Roma e Firenze o Venezia. Ne descrivo la bellezza e la civiltà, suggestione che all’estero funziona sempre.

Certo, so bene che sto usando esempi vecchi e un po’ stantii. E, a proposito di “veti”, mi tornano in mente – ma non le dico – due cifre: tremila e otto. Tremila sono i chilometri del Tap, il Trans-Adriatic Pipeline. È il gasdotto che porterà il gas dai giacimenti del mar Caspio all’Europa, attraverso Azerbaijan, Georgia, Turchia, Grecia, Albania, mar adriatico, Puglia. Un opera di approvvigionamento energetico fondamentale per l’Italia, soprattutto dopo che le tensioni con la Russia hanno bloccato l’altro gasdotto, il South Stream. Ho seguito il dossier per mesi. Da ultimo, sono andato a Baku, capitale dell’Azerbaijan, per chiudere l’accordo in base al quale il Tap, anziché prendere la via settentrionale, che non avrebbe toccato l’Italia, arriverà, come volevamo fino all’Adriatico, sfruttando anche i gasdotti della Snam come punto di connessione con l’Europa continentale.

Qui entra in gioco l’altra cifra: otto. Otto sono i chilometri di gasdotto in territorio italiano. Quelli che hanno tenuto il Tap in sospeso per mesi e mesi. Perché è solo in Italia che agitazioni, manifestazioni, veti più o meno argomentati da parte delle autorità locali hanno congelato un progetto così strategico. Otto chilometri su tremila. Sia chiaro, in questo caso le dietrologie sui “poteri forti” non reggono. Non c’erano obiezioni sostanziali che giustificassero quelle resistenze. Le rassicurazioni sul piano ambientale erano e sono valide. E che l’opera rappresenti un interesse prioritario per un Paese come il nostro, che oltretutto ha investito più di altri sulle rinnovabili e sul gas, mi pare fuori discussione.

La vicenda, tuttavia, serve bene a spiegare quanto la domanda di Pechino, ancorché brutale, abbiamo centrato forse la questione più spinosa che investe le democrazie occidentali. Dopo l’intervista, ho ricollegato il senso di quelle parole al discorso pronunciato qualche tempo prima, non dal dittatore di un Paese emergente, ma dal premier democraticamente eletto di uno Stato membro dell’Ue, da un membro a pieno titolo del Consiglio europeo. Mi riferisco al capo del governo ungherese, Viktor Orbàn, che ha detto, in sintesi, di sentirsi attratto dai sistemi politici capaci di decidere e di fare le cose. Turchia, Singapore, Cina, appunto.

Altro che democrazia europea. E altro che democrazia italiana, direbbe – comprensibilmente, temo – l’esasperato piccolo imprenditore veneto, che qualche tempo fa mi ha raccontato dei sette anni che ha dovuto aspettare per l’autorizzazione all’ampliamento del proprio sito produttivo, bocciando senza appello tempi e procedure dei nostri riti democratici.

Tratto da "Andare insieme, andare lontano"

 
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Dia
CAMORRA

Arrestate quattro donne nel napoletano

L'indizio nei loro confronti è di delitto di ricettazione aggravata
Donna abusata

Stupri: chi non condanna è complice

Un nuovo efferato stupro ai danni di una donna italiana. Legata con filo telefonico, è stata violentata ad Asti...
Rex Tillerson
CRISI COREANA

Tillerson apre a Pyongyang

Il segretario di Stato: "Disponibili a colloqui ma serve un periodo di tranquillità"
IMPRESA SFIORATA

Pordenone eroico: all'Inter servono i rigori

Nerazzurri bloccati sullo 0-0 ma ai quarti dopo i penalty. Gli ospiti di Serie C colpiscono anche un palo
Masiello esulta dopo il gol-vittoria
CALCIO | SERIE A

Genoa, Marassi stregato: l'Atalanta passa 1-2

Ilicic e Masiello ribaltano Bertolacci. Altro k.o. interno per il Grifone, il primo per Ballardini.
Corte costituzionale
LEGGE ELETTORALE

Rosatellum, la Corte costituzionale boccia i ricorsi

Palazzo della Consulta giudica "inammissibili i conflitti di attribuzione tra poteri dello Stato
Ryanair
LA MOBILITAZIONE

Ryanair, altolà ai dipendenti: "Sanzioni se scioperate"

Lettera del capo del personale ai piloti italiani: "Attenetevi ai turni previsti"
Akayed Ullah
ATTACCO A NEW YORK

Ullah incriminato per terrorismo

L'uomo navigava spesso su siti jihadisti. Prima di colpire aveva scritto: "Trump hai fallito"