VENERDÌ 19 GIUGNO 2015, 000:10, IN TERRIS

La demagogia xenofoba

MAURIZIO PICCIRILLI
La demagogia xenofoba
La demagogia xenofoba
maurizio_piccirilliQuanti sepolcri imbiancati si aggirano per questa nostra Italia. Parolai che parlano alla pancia della gente per un pugno di voti, in Italia e in Europa. Falsi profeti di ideologie senza cultura e pseudo-cristiani che si appellano a Cristo solo per propugnare crociate contro gli ultimi. In questi mesi, giorni, assistiamo a questa propaganda contro i migranti che si stanno riversando sulle nostre coste in cerca di futuro, a comizi conditi da una serie di ipocrisie alle quali purtroppo una stampa troppo spesso pasticciona e superficiale concede spazio e fa da megafono. Negli ultimi tempi, sono state inanellate dichiarazioni da poter pubblicare un’ enciclopedia. Dal rischio di epidemia di scabbia, malattia da contatto curabile con una semplice pomata, all’attacco frontale scatenato contro Papa Francesco. Si dicono cristiani, ma hanno dimenticato il dogma dell’infallibilità del Papa e della lealtà allo stesso.

Andiamo con ordine. La demagogia "xenofoba" del Terzo millennio ha tutte le soluzioni pronte per risolvere l’emergenza salvo declinarne una dietro l’altra vista l’impossibilità pratica di attuarle. Hanno cominciato con il “blocco navale” davanti alle coste libiche difficile da attuare visto che poi si sarebbero dovuti colpire barconi con innocenti a bordo. Poi i campi profughi in Libia, Paese notoriamente ben strutturato dove un governo legittimo gestisce con ordine e trasparenza la nazione. Non è così. C’è un conflitto in atto, due governi, cento milizie e un Califfato a Derma affiliato all’Isis. In più uno sconfinato deserto che è terra di nessuno. Chi li fa i campi di raccolta per i profughi? E chi li controlla? Da qui siamo passati ai rimpatri come ai tempi del ministro Maroni. Peccato che i rimpatri non sono a costo zero. Ogni clandestino espulso, laddove ci siano accordi con i Paesi di origine, costa in media tra i 2 e i 3mila euro. L’accoglienza temporanea, invece, molto meno. Gli accordi furono fatti anche negli anni Novanta dall’allora ministro dell’Interno Napolitano. Accordi che costano perché i Paesi di origine vogliono qualcosa in cambio. Nell’ultimo accordo firmato da Maroni con la Tunisia si parla di venti milioni di infrastrutture da realizzare a spese dell’Italia in Tunisia oltre a investimenti vari. Non proprio costo zero. Nei giorni scorsi è stato firmato una accordo di questo tipo con la Macedonia. La trattativa durava da sei anni e tutto per definire quanto l’Italia debba pagare per ogni macedone che venga rispedito a casa.

Ancora. C'è chi ha detto “quanti immigrati ospita il Vaticano?” Non risulta che politici di varia natura abbiano  ospitato italiani indigenti.  Ora si urla, lanciando sassi nello stagno della paura, ma negli anni passati chi era al governo non sembra abbia risolto nulla se non creare i grandi campi rom e ripartizione delle quote di migranti nelle città con l’invenzione dei “Patti per le città sicure” che ha spianato la strada anche ai loschi affari emersi con Mafia Capitale. Il trattato di Dublino che oggi obbliga l’Italia a tenersi i migranti che arrivano sulle nostre coste non è certo stato firmato oggi...

E’ vero, la Chiesa potrebbe fare di più. Scomunicare i farisei che chiudono le porte e alzano i muri, per esempio. Aprire i conventi, quelli ancora chiusi, agli immigrati così come ha chiesto Papa Francesco. Ma quante sono le parrocchie i centri e su tutti la Caritas che si affannano ad aiutare migranti e senza speranza con passaporto italiano!? Lo fanno da sempre, e anche in quelle aree di crisi da dove partono i disperati. Lo fanno perché questo è Vangelo, cari crociati a comando.
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Il museo Must di Vimercate
MOSTRA

"Il Segno del '900": da Cezanne a Picasso, da Kandinskij a Fontana

Dal 16 dicembre 2017 all'11 marzo 2018 presso il Museo del territorio di Vimercate (MB)
Lo Sferisterio di Macerata
MACERATA OPERA FESTIVAL

Il Mof si tinge di "verde speranza"

Le opere: Flauto magico, Elisir d'Amore e Traviata degli specchi
Il luogo dell'esplosione
PRATI

Molotov contro un commissariato Ps

La bottiglia incendiaria ha colpito un vecchio furgone della polizia. Indagini in corso
INDONESIA

Sisma di 6.5 a Giava: morti e crolli

L'epicentro a 92 km dalla superficie: panico e gente in strada. Non è ancora chiara l'entità dei danni
No Tav da Eataly - © Il Giornale
MILANO

Assalto No Tav contro Eataly

50 attivisti spintonano i camerieri e urlano: "Studiare e lavorare è un ricatto"
Cristiani perseguitati
GERMANIA

Cattolici e protestanti contro i nazionalismi

Presentato a Berlino il rapporto ecumenico sulla libertà religiosa dei cristiani nel mondo