La condanna prima della sentenza

ULTIMO AGGIORNAMENTO 0:01

vaccarellaMentre esce dalla questura, la gente del paese urla vergogna, una condanna già scritta nel sentire collettivo. Eppure nega ogni accusa, la mamma di Loris, non si riconosce nel video che la inchioderebbe, mentre il suo legale parla di inchiesta frettolosa. Se davvero sia stata Veronica, questa fragile giovane madre, a uccidere il suo bimbo di otto anni, e per quale atroce ragione, lo diranno le indagini di polizia e carabinieri. Se l’omicidio però verrà davvero attribuito a questa donna dal passato complicato, sarà difficile non porsi la domanda che tutti in queste ore si fanno: come è stato possibile?

Troppo facile, almeno a sentire gli psichiatri, invocare in questo caso il raptus, una follia momentanea che invece nella vicenda del piccolo assassinato pare tutt’altro che scontata. Anzi, se davvero è stata la mamma a uccidere il bimbo, l’azione della donna pare essere stata organizzata a dovere, lucidamente programmata, attenta per quanto possibile a coprire le tracce. Determinata peraltro nel nascondere ad esempio al marito un turbamento che forse neppure c’è stato. A meno che proprio in questo non si intravedano i segni di un disturbo mentale.

Certo è che se mai si arriverà a un’imputazione formale, a un processo, magari proprio su questo disagio psichico punterà la difesa per alleggerire la posizione della donna, e sarà come sempre battaglia di perizie. Pare quasi di rivedere il caso Cogne, anche allora un bimbo ucciso, una madre prima sospettata, poi arrestata, infine condannata, con la differenza di un marito che per Loris già ha detto di essersi sentito crollare il mondo addosso, mentre nel caso di Samuele il padre non ha mai rinnegato la moglie. Con una considerazione finale: come sempre nei casi che dividono l’opinione pubblica, come per Cogne, l’Italia sì dividerà fra colpevolisti e innocentisti. Ma il dubbio sulla vera colpevolezza – grazie a processi sempre più celebrati sui media – continuerà per anni ad aleggiare nell’aria.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.