VENERDÌ 29 MAGGIO 2015, 000:33, IN TERRIS

La bassa politica del populismo

AUTORE OSPITE
La bassa politica del populismo
La bassa politica del populismo
ramondaIncidenti stradali purtroppo avvengono per colpa di chiunque; per distrazione, disattenzione – pensiamo ai cellulari – o anche per uso o abuso di sostanze. Ciò capita sia da parte degli italiani sia da parte di stranieri che sono nel nostro Paese. Ci sono persone però che cavalcano eventi tragici senza leggerli nella loro completezza, utilizzandoli in modo strumentale, non analizzando il fenomeno in modo corretto, con onestà intellettuale. L’episodio del gravissimo incidente stradale di Roma, dove una persona è morta e altre 8 sono rimaste ferite, ne è un esempio.

Qualche tempo fa c’era un atteggiamento di condanna a priori di un intero popolo per le malefatte dei singoli (penso non solo ai rom, ma agli albanesi ad esempio) ed era una caratteristica della stampa italiana, che non lesinava nei titoli la parola “extracomunitario” per associarla a qualche delitto; oggi questo malcostume si è trasferito alla politica, che specialmente sotto elezioni utilizza il populismo come bacino di voti.

Ma questa però è una politica “bassa”, perché invece proprio in riferimento a certi episodi dovrebbe saper educare, prevenire e punire chi – come nell’occasione accaduta nella capitale d’Italia – commette un reato. Punire la singola responsabilità (e questo è un vulnus del sistema italiano) però non può e non deve voler dire scaricare le colpe su un intero popolo.

Noi siamo convinti che l’integrazione sia un valore essenziale, sotto il profilo meramente umano come sotto quello cristiano. Siamo tutti pellegrini su questa terra, abbiamo il diritto di muoverci, spostarci in altri Stati, ma dev’essere un diritto per tutti, ovviamente nel rispetto delle leggi e della cultura locale.

Crediamo che bisogna sempre lavorare per il dialogo tra etnie, tra religioni, andare oltre ogni lettura miope della propria identità nazionale; quando questa si difende ad oltranza è una posizione già perdente, perché la vera sfida oggi è quella dell’integrazione. Che vuol dire una cosa principalmente: saper vivere nel rispetto delle culture nelle quali si va a vivere.
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
La missione Apollo 11
NASA

Sono online i dialoghi delle missioni Apollo

Le storiche frasi degli astronauti si possono riascoltare grazie ad un software ideato dai ricercatori texani
Esplosione in un impianto di stoccaggio di gas in Austria
AUSTRIA

Esplosione in un impianto di gas: 1 morto

Almeno 60 persone sono rimaste ferite
Medico in corsia (repertorio)
SCIOPERO DEI MEDICI

A rischio 40 mila interventi chirurgici

Incrociano le braccia in 134 mila. Lorenzin: "Sono al loro fianco"
Telefono in auto

Il rischio del telefono

Le norme draconiane annunciate per combattere l'uso del cellulare in auto, non si faranno perché la...
prostitute
PROSTITUZIONE

Cisl Campania contro la tratta

Una conferenza a Napoli per promuovere strumenti di contrasto al fenomeno
L'esultanza dei Granata
CALCIO | SERIE A

Lazio, Immobile-rosso: il Toro espugna l'Olimpico

I granata vincono 3-1 a Roma ma è furia biancoceleste per l'espulsione dell'attaccante
VAPRIO D'ADDA

Uccise ladro in casa: archiviata l'accusa di omicidio

Riconosciuta la legittima difesa a Francesco Sicignano: colpì a morte un giovane albanese nel 2015
Luigi Di Maio
FESTIVITÀ

Negozi chiusi a Natale,
Di Maio: "Famiglie più felici"

Il candidato premier torna sulla proposta di legge di Dell'Orco: "Tutti hanno diritto al riposo"