GIOVEDÌ 05 SETTEMBRE 2019, 00:02, IN TERRIS

L'avanzata inesorabile dell'uomo-cerniera

MARCO FRITTELLA
Facebook Twitter Copia Link Invia Scrivici
Giuseppe Conte
Giuseppe Conte
I

l governo è fatto e naturalmente va rispettata la tradizione di chiedersi quanto durerà. La domanda è più che legittima anche se potrebbe essere considerata prematura dal momento che Giuseppe Conte e i suoi ministri giureranno solo giovedì e che riceveranno la fiducia del Parlamento a partire da lunedì. Però va posta, e per una serie di ragioni non secondarie.

Innanzitutto per come siamo arrivati a questa crisi e a questo esito. L’iniziativa di Salvini di far saltare il governo giallo-verde per ottenere le elezioni e raccogliere una messe di voti così abbondante da consentire alla Lega di governare da sola o quasi, è stata bruscamente fermata. Quando Salvini ha chiesto “pieni poteri” si è creata contro di lui una conventio ad escludendum che ha saldato degli arcinemici come i democratici e i grillini. Il cui dialogo è stato apertamente sostenuto dai mercati finanziari e dai partner europei (persino da Trump) oltre che da molti altri poteri. L’imperativo era impedire la vittoria leghista nelle urne e di conseguenza la possibilità per Salvini di decidere nel 2022 il nome del successore di Mattarella.

Sono stati Renzi da una parte e Grillo dall’altra a saldare questa alleanza e si sono portati dietro tutti gli altri, volenti o nolenti. Il Pd ufficialmente si era già schierato all’unanimità per le elezioni anticipate quando Renzi si è alzato in aula al Senato e ha stupito tutti proponendo, proprio lui, un governo di salute pubblica. Poi lo ha seguito Prodi. E infine Grillo ha capito che quella era la strada che avrebbe evitato al M5S una sconfitta elettorale quale era stata preannunciata solo pochi mesi fa alle europee, alle regionali e alle amministrative. Le resistenza di Zingaretti si è rapidamente tramutata nella decisione di cavalcare l’iniziativa di Renzi mentre Di Maio ha frenato di più, praticamente fino all’ultimo. Ma poi ha dovuto cedere all’irresistibile avanzata dall’uomo-cerniera, di colui che – come ha scritto il New York Times - da “irrilevante” è diventato “indispensabile” per qualunque soluzione: Giuseppe Conte è ora il nuovo astro che brilla nel cielo pentastellato.

Ora, come dicevamo più sopra, si tratta di capire quanto durerà il governo Conte-bis. Le divaricazioni programmatiche tra Pd e M5s sono molto forti e sono state tenute a bada in questi giorni di trattative, ma prima o poi riemergeranno. Insieme al fatto che democratici e grillini si sono combattuti sanguinosamente per anni ed è troppo pretendere che ora vadano lietamente a braccetto. Lo verificheremo subito: c’è da fare in fretta una manovra economica né facile né foriera di consensi elettorali, e vedremo se l’equilibrio giallo-rosso resisterà alla prova. Probabilmente sì. E’ ragionevole però che Salvini al contrario speri che quelle contraddizioni riemergano fragorosamente per arrivare prima o poi alle sudate elezioni. La Lega è tuttora il primo partito nei consensi (anche se ha subito una flessione significativa a causa della crisi) e la circostanza non potrà essere dimenticata dai numerosi avversari di Matteo Salvini.

Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 


Scrivi il tuo commento


Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Vacanze
FERIE

In vacanza a settembre 3 italiani su 10

Come cambiano i flussi turistici: giovedì a Roma un convegno sulle prospettive di un settore-chiave (5% del pil)
Test dell'Hiv
MESSINA

Nasconde l'Hiv e contagia 4 donne

Una di loro, l'ex compagna da cui aveva anche avuto un figlio, è poi morta
SANITÀ

Muore per una semplice trasfusione

Secondo le prime indagini, alla base uno scambio d'identità
La certificazione del record (foto Ansa)
RECORD

Il profiterole da Guinness è Made in Italy

Per realizzare la torta i pasticcieri di Latina hanno usato novemila bigné. Il primato precedente era svizzero
Il Presidente del Consiglio, Giuseppe Conte
GOVERNO

Conte II, giurano i sottosegretari

La cerimonia si è tenuta a Palazzo Chigi
Norcia, terremoto del 2016
TERREMOTO

Scossa 3.0 in Umbria

Quattro eventi nel giro di 20 minuti con epicentro a Norcia
PENSIONE

Riscatto laurea: si studia sconto anche per lavoratori pre-1996

La norma attuale prevede agevolazioni per chi versa i contributi da dopo il 1996. Nel 2019 già 32mila domande
Willy il Coyote e Bee-Beep - Foto © Looney Tunes
TELEVISIONE

Buon compleanno Willy il Coyote, 70 anni senza arrendersi

Il 16 settembre 1949 nasceva dalla penna di Chuck Jones il cartone animato-simbolo della ricerca della felicità