LUNEDÌ 16 SETTEMBRE 2019, 00:02, IN TERRIS

L'antidoto contro l'istruzione di regime

SUOR ANNA MONIA ALFIERI
Facebook Twitter Copia Link Invia Scrivici
Scuola
Scuola
"T

utela dei beni comuni: scuola pubblica, acqua pubblica, revisione delle concessioni autostradali”. A fronte di questo decimo punto proposto dal Movimento 5 stelle per la trattativa di Governo, si avverte la necessità di un chiarimento di termini. Innanzitutto, “pubblico” non equivale a “statale”. Non è pubblico ciò che è statale, ma ciò che nasce per il popolo: “Publicum est pro populo”.

Nel corso degli anni, tuttavia, i due termini sono stati erroneamente intesi come sinonimi: un equivoco alimentato dal fatto che, in Italia, lo Stato ricopre il ruolo di gestore del servizio scolastico. Nei servizi dove lo Stato, da soggetto gestore, è divenuto soggetto garante (regolatore), esso ha consentito l’utilizzazione di strutture private: pensiamo ai sindacati, ai trasporti, agli ospedali. Nell’ambito della scuola, invece, si è determinata una confusione abilmente strumentalizzata da chi contrappone, oltre ogni diritto, “interesse pubblico” e “gestore privato”.

Si ricorda, a tal proposito, che la Costituzione italiana non solo riconosce, bensì auspica l’iniziativa privata al servizio della Societas. Ci sono anzi norme (artt. 41 e 42) che sollecitano una collaborazione sinergica tra attività privata e attività statale. Anche per quanto riguarda il servizio dell’istruzione, dunque, Stato e Privati – questi ultimi sulla base del principio di sussidiarietà (art. 118), che riconosce l’autonoma iniziativa privata, e dell’art. 4, comma 2, che impone a ciascun cittadino il “dovere di svolgere, secondo le proprie possibilità e la propria scelta, una attività o una funzione che concorra al progresso materiale o spirituale della società” – a pari titolo cooperano per attuarlo mediante l’istituzione e gestione delle scuole. Statale e Privato condividono la medesima finalità ed erogano, a pari titolo, un servizio scolastico pubblico. E che la qualifica di “servizio pubblico” non derivi dall’essere “soggetto gestore” appare confermato dal modello europeo.

Appare, dunque, fuorviante continuare a domandarsi se la Costituzione italiana si fondi su un pluralismo educativo o su un monopolio: dal percorso giuridico compiuto emerge chiaramente una Costituzione che si ispira “al principio pluralistico”, per cui ’istruzione pubblica non è esclusiva materia d’interesse dello Stato, ma è legittimo oggetto di diritto anche dei cittadini. Pertanto la libertà di istituire scuole (libertà della scuola), è tra i diritti fondamentali per la disciplina dell’intero sistema dell’istruzione pubblica; è un diritto che sta alla base delle moderne democrazie, senza il quale esisterebbe solo la scuola di regime; è un “diritto riconosciuto alle persone fisiche e giuridiche” (Corte cost. n. 36/1958); la dottrina lo ha qualificato come un vero e proprio diritto soggettivo, “pubblico… perfetto” e precettivo; lo Stato ha pertanto il dovere giuridico, anch’esso perfetto, di non creare turbativa nell’esercizio di tale diritto; è un diritto che va “inteso quale attività imprenditoriale… che appartiene alla libera iniziativa economica”.

Qual è, allora, in Italia l’anello mancante per passare dal riconoscimento alla garanzia del diritto alla libertà di scelta educativa della famiglia? La contemporanea presenza delle tre libertà di insegnare, di istituire scuole e di scegliere i luoghi di istruzione conferisce, come abbiamo rilevato, carattere pluralistico al sistema di istruzione delineato dalla Costituzione. Ma le prime due libertà apparirebbero svuotate di contenuto senza la terza. Pertanto, posto che non ci può essere libertà di scelta educativa se non viene garantita la libertà economica per il suo esercizio, l’unico modo per rispettare fedelmente il dettato costituzionale è quello di individuare un meccanismo virtuoso per garantire, a costo zero, i diritti riconosciuti. L’alternativa è l’istruzione di regime, costosissima (10.000 euro annui per alunno) e qualitativamente infima. Tertium non datur.

Con precise e accurate ricerche, è stato ampiamente dimostrato che l’unica strada percorribile per uscire da questa situazione di stallo è quella del costo standard di sostenibilità: una quota (di circa 5.500 euro annui per studente) da corrispondere alla famiglia affinché sia spesa per l’istruzione dei figli. Sarà poi la famiglia stessa a decidere dove spendere tale quota, se in una scuola pubblica statale o in una scuola pubblica paritaria. Il ruolo dello Stato in tutto questo? Quello di garante e controllore. Solo in questo modo il sistema scolastico italiano riuscirà ad emergere da una situazione di costante allarme rosso. Le famiglie potranno scegliere la buona scuola pubblica che desiderano, gli allievi avranno garantito un servizio decisamente migliore e non saranno in balia di frequenti cambiamenti di insegnanti; a questi ultimi sarà possibile scegliere dove esercitare la propria professione, se nella scuola pubblica statale o in quella pubblica paritaria, con uno stipendio uguale, come avviene nel resto d’Europa. Finalmente.

Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Franca chiara floris
19 Settembre 2019 @ 18:45
Grazie per questo articolo che spiega in modo semplice, diretto e allo stesso tempo completo una questione spesso affrontata con aggressività.

Scrivi il tuo commento

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
ECONOMIA GREEN

Bio e sostenibile, boom in Italia dell'agricoltura verde

Tre italiani su quattro chiedono alle aziende attenzione all’ambiente. 60 mila aziende certificate con il bollino verde
Il filosofo Emanuele Severino
BRESCIA

Addio a Emanuele Severino

Il filosofo è morto il 17 gennaio ma la notizia è stata diffusa oggi per suo volere
Sagra paesana
TORINO

Sgominata banda dell'ammoniaca: 5 arresti

Rubavano nelle abitazioni usando uno spray per neutralizzare gli animali di guardia
La casa il giorno del rogo
FERMO

Bimba morta nel rogo in casa: madre fermata per omicidio

La donna avrebbe ucciso la figlia maggiore e abbandonato il corpo tra le fiamme per coprire le prove
L'aereo ucraino abbattuto
TEHERAN

L'Iran conferma: aereo ucraino abbattuto da due missili

Il Paese ha chiesto aiuto a Francia e Stati Uniti per decrittare i dati delle scatole nere
Il nuovo leader dell'Isis
TERRORISMO

L'Isis annuncia il nuovo leader: è il "Califfo" Abu Ibrahim

Guidò la persecuzione sulla minoranza yazidi in Iraq. Su di lui una taglia da 5 milioni di dollari
L'epicentro del sisma
PUGLIA

Terremoto 3.6 nel foggiano

Due scosse di lieve entità nella notte anche in provincia di Bologna
SBARCHI

A processo per la nave Gregoretti, la sfida di Salvini

Il leader leghista: "Sono il primo politico che chiede di essere processato"
WELFARE E ISTRUZIONE

Un'impresa su 3 è guidata da donne

E’ la fotografia delle aziende scattata dall’Osservatorio per l’imprenditorialità femminile di...
VIVERE IN CITTÀ

Se vivi a Roma 254 ore all'anno le passi nel traffico

La Global card scorecard di Inrix pubblica l'analisi dei trend della mobilità e della congestione urbana in 200...
ROMA

Colosseo, si apre voragine in strada: evacuato un palazzo

La Raggi: "Tecnici al lavoro. Entro sera tutte le famiglie ricollocate"
SALUTE

Il virus misterioso che spaventa la Cina

Accertata la terza vittima, 140 i nuovi casi di contagio
Il Papa in visita alla sinagoga di Roma
MONITO PAPALE

“Condannare fermamente ogni forma di antisemitismo”

Il Papa al Centro Simon Wiesenthal: "La memoria dell’Olocausto per non annientare il futuro"
NEW ECONOMY

Smart&Start Italia: da oggi si possono inviare le domande

Al via la misura che sostiene la nascita e lo sviluppo di startup innovative. Cosa prevede la circolare ministeriale