GIOVEDÌ 12 FEBBRAIO 2015, 000:01, IN TERRIS

Il sogno della pace

AUTORE OSPITE
Il sogno della pace
Il sogno della pace
intervento di italo d'angeloOggi quasi tutti utilizziamo il telefonino come un computer e capita spesso, specie per chi fa parte di "gruppi", di scambiarsi opinioni sul fenomeno dell'immigrazione. Del resto i Tg del mattino sembrano un bollettino di guerra: il Mediterraneo si è trasformato in un "campo di battaglia " e, purtroppo, come dimostrano i terribili fatti degli ultimi giorni, anche in un cimitero di disperati e reietti.

Quello che colpisce, ascoltando le diverse schermaglie sull’argomento, più affidate agli insulti che ai ragionamenti, è la confusione sui fenomeni della nostra civiltà. Tra questi gli sbarchi sulle coste europee. Tempo fa mi recai a un convegno promosso dall'Ucoi (Unione delle comunità islamiche d’Italia) e, invitato a portare un saluto, esordii: “Sono un cattolico, ma credo nel profondo legame tra cristiani, ebrei e musulmani. Tutti crediamo in un solo Dio e aspiriamo alla vita eterna, al Paradiso. E allora perché tante divisioni, perché combatterci?”

Seguirono alcuni secondi di silenzio, poi vi fu un corale applauso. Ricordo quando le nostre madri ci dicevano: mangia! Sennò arriva l'uomo nero. Quell'uomo dal colore della pelle diverso a cui- per anni - era stata negata anima e libertà. A questo oggi si è sostituito il terrorismo islamico. Un viaggiatore di etnia mediorientale o africana inevitabilmente finirà per essere fermato dalla polizia: nei porti, negli scali aerei e sulle strade. Ma è possibile confondere l'Islam con la jihad? E perché far serpeggiare tra gli uomini sentimenti che più li allontanano fra loro, come la paura? Eppure nell'attentato alle Due Torri vi furono vittime di ogni razza e religione.

Stiamo attenti agli imbonitori in cerca di consensi e ai cattivi profeti. I nostri figli sono destinati ad una società multietnica i cui valori potranno essere in contrasto tra loro, ma sarà comunque migliore della nostra, caratterizzata da conflitti, fame, intolleranza e disoccupazione.... Un domani della civiltà attuale andranno salvati i valori a fondamento delle Costituzioni: rispetto tra i Popoli e le diverse culture, democrazia, libertà. E questo sarà possibile se il comune denominatore si chiamerà pace.
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Vigili del fuoco in azione a Desenzano
DESENZANO DEL GARDA

Incendio in discoteca: 17 intossicati

Panico al "Disco Art": fumo entrato dai bocchettoni dell'aria
Il Papa durante il viaggio in Perù
VIAGGIO IN PERÙ

Così il Papa ha ringraziato l'Arcivescovo di Lima

Ecco la lettera inviata al card. Thorne al termine della visita nel Paese sudamericano
Una veduta del Duomo di Firenze
FIRENZE

Biglietto unico per il Museo del Duomo e della Misericordia

Costerà 16 euro e sarà acquistabile presso le casse dell’Opera di Santa Maria del Fiore
La Croce Rossa internazionale

Scandalo senza fine

Anche nella Croce Rossa Internazionale scoppia lo scandalo: negli ultimi tre anni, 21 funzionari della celeberrima...
IMMIGRAZIONE

Fcei: "politiche europee inadeguate"

Bernardini: "Corridoi umanitari alternative reali"
Le esultanze per i gol di Destro, Skriniar e Ranocchia
SERIE A

L'Inter soffre ma vince, il Bologna vola con Destro

I nerazzurri battono a fatica il Benevento (2-0); i felsinei battono il Genoa con la rete dell'ex Roma e Falletti