GIOVEDÌ 03 NOVEMBRE 2016, 000:02, IN TERRIS

Il significato del viaggio di Bergoglio in Svezia

ANDREA ACALI
Il significato del viaggio di Bergoglio in Svezia
Il significato del viaggio di Bergoglio in Svezia
Non c'è dubbio che il 17° viaggio internazionale di Papa Francesco sia servito a dare una fortissima accelerazione al dialogo ecumenico con i luterani. E' il frutto dei 50 anni di confronto avviato dopo la svolta conciliare. Un simile viaggio, servito ad abbattere (o almeno a indebolire) pregiudizi secolari e reciproche diffidenze, era semplicemente impensabile fino a pochi decenni fa. E' vero, c'è il precedente di San Giovanni Paolo II nel 1989.

In quella occasione, tuttavia, l'ecumenismo era solo un aspetto, e neppure il più importante, del viaggio. Il Papa era andato prima di tutto a confermare nella fede la piccola (e giovane) comunità cattolica svedese. Oggi Francesco è voluto andare esplicitamente incontro ai fratelli protestanti, tanto che all'inizio non pensava neppure di fermarsi a celebrare la Messa. Fortunatamente ha riflettuto e cambiato la sua posizione. Quel che resta impresso nell'immaginario collettivo è senza dubbio l'abbraccio tra il Papa di Roma e il presidente della Federazione Luterana Mondiale, Munib Younan. E' un po' l'icona della visita: “Ciò che ci unisce è più di ciò che ci divide”.

Dialogo irreversibile, dunque. Però non si possono chiudere gli occhi di fronte alle differenze, sostanziali, che ancora dividono le Chiese cristiane. E' vero che sul piano umanitario, su quello della difesa dell'ambiente, sull'accoglienza di profughi e rifugiati si può camminare insieme, si può operare insieme, si può testimoniare insieme. Vanno bene le reciproche scuse e il perdono. Ma non si può addossare solo ai potenti del Cinquecento tutta la responsabilità di quella che è la più grande ferita inferta alla Chiesa d'Occidente.

Senza dubbio hanno accentuato il solco scavato da Lutero per interessi politici ed economici. Ma parlare di “gratitudine” per “i doni spirituali e teologici ricevuti attraverso la Riforma”, come dice la dichiarazione congiunta firmata a Lund, desta qualche perplessità. Perché tra quei “frutti” ci sono anche aspetti come il sacerdozio femminile, il divorzio e un secolarismo dilagante davvero amari e difficili da digerire.
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Papa Francesco ha reso omaggio a Benedetto XVI
PREMIO RATZINGER

Benedetto, maestro nella ricerca della verità

L'omaggio di Francesco al predecessore: "Il suo magistero eredità preziosa"
PENSIONI

L'esecutivo presenta due nuove proposte tra cui un fondo per la proroga dell'Ape sociale
Il sottomarino argentino Ara San Juan
ARGENTINA

Nessuna traccia del sottomarino Ara San Juan

Scomparso da due giorni, a bordo 44 uomini
La struttura in cui è rimasto ferito il clochard
AVELLINO

Molotov contro un rifugio di clochard

Senzatetto ucraino ustionato alle gambe
Jost Sustermans, Ritratto di Galileo, 1636, olio su tela, Firenze, Galleria degli Uffizi (particolare)
PADOVA

Galileo: in mostra il genio che ha ridisegnato l'universo

Dal 18 novembre 2017 al 18 marzo 2018 a Palazzo Monte di Pietà
Kim Jong Un
COREA DEL NORD

Pyongyang: "Sul nucleare non si tratta"

Il regime avverte: "Questione di sicurezza. La spada dell'autodifesa va ulteriormente affilata"