GIOVEDÌ 30 APRILE 2015, 000:01, IN TERRIS

I Marò umiliati 58 volte

FERNANDO TERMENTINI
I Marò umiliati 58 volte
I Marò umiliati 58 volte
termentiniAncora un rinvio, il 58° quello annunciato dalla Corte Suprema indiana che deve ancora decidere se per i due Fucilieri di Marina in ostaggio di Delhi da tre anni debba essere applicata la legge antiterrorismo (Sua Act) o quella ordinaria.

Un aspetto di non secondaria importanza considerando che la Sua Act prevede anche la pena di morte, contrariamente a quanto fu assicurato dal Governo Monti nel marzo 2013 e dall’attuale Premier che ha sempre ostentato sicurezza nella gestione di una vicenda che invece sembra gli sia sfuggita di mano, analogamente a quanto avvenuto all’Alto Rappresentante per la politica Estera e la Sicurezza europea, Federica Mogherini.

L’Italia continua ad essere umiliata dalla protervia indiana senza che nessuno a livello istituzionale alzi la voce. Due nostri militari continuano ad essere tenuti in ostaggio e confermano come le Istituzioni non siano in grado di garantire loro ed agli altri colleghi in missione all’estero la più importante delle garanzie, quella dell’immunità funzionale. Tutti rassicurano ma nulla ottengono, a partire dal Presidente della Repubblica Mattarella e dal Premier Renzi che dichiarano in ogni occasione di seguire costantemente la vicenda. Con quale efficacia, però, è difficile constatarlo.

Gli ordini dell’Esecutivo sono quelli di tacere, i media italiani “obbediscono” supinamente forse perché preoccupati del finanziamento pubblico dell’editoria. La notizia che il giudice della Corte Suprema indiana, Anil R. Dave, aveva deciso di posticipare a luglio l’udienza che riguardava i due Fucilieri di Marina italiani, è stata resa nota con flash di qualche secondo dai telegiornali nazionali e solo pochi quotidiani hanno dato spazio alla notizia.

Noi però non ci arrendiamo, non abbassiamo l’attenzione né ci lasciamo intimorire da raccomandazioni che giorno dopo giorno dimostrano di essere immotivate e derivate solo dallo scopo di tenere in ombra il problema.

Denunciamo, quindi, la telenovela in cui sono protagonisti due militari italiani, una farsa che si ripete da tre anni sulla pelle di due nostri Fucilieri di Marina e delle loro famiglie. Tre Governi si sono succeduti e ciascuno ha sempre assicurato il massimo impegno ma non ha mai ottenuto nulla di concreto. Un Esecutivo, l’attuale, che ha continuato ad illudere con le affermazioni del Premier che dopo l’incontro con Modi durante un “coffee break” in occasione dell’ultimo G20 assicurava gli italiani e le Forze Armate su una rapida conclusione della vicenda.

Ora, invece, l’ennesima beffa indiana e l’Italia, passivamente, si accinge ad ospitare all’Expo di Milano uno spazio sulla produzione indiana, scelta che sicuramente sarà giustificata con la motivazione di difendere gli interessi economici del nostro Paese, la stessa che fu ufficializzata il 22 marzo 2013 quando si decise di rimandare i due Marò in India.

Una spiegazione che però non trova riscontro nella realtà delle cose considerato che recentemente il Premier indiano Modi in visita in Europa ha stretto contatti economici con Francia e Germania ignorando l’Italia.
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Il Papa incontra Acr
AZIONE CATTOLICA RAGAZZI

Il Papa: "Fissate l'obiettivo sulle periferie"

Udienza del Pontefice ad Acr: "Siate buoni fotografi della realtà che vi circonda"
Il cardinale Camillo Ruini
BIOTESTAMENTO

Card. Ruini: “Così si apre all’eutanasia”

Il porporato intervistato su Repubblica
I coniugi Sherman
TORONTO

Trovato morto il "re" del farmaco generico

Le condoglianze del premier Trudeau
Paolo Gentiloni e Maria Elena Boschi in una foto d'archivio
BRUXELLES

Gentiloni difende il ministro Boschi

Il premier: "Ha chiarito, sarà candidata Pd"
Rahul Gandhi
INDIA

Rahul Gandhi è il leader del Partito del Congresso

Nipote di Indira, succede alla madre, l'italo-indiana Sonia
Il Muro del Pianto
GERUSALEMME

La Casa Bianca: "Il Muro del Pianto è parte di Israele"

Fonti dell'amministrazione: "Impensabile uno scenario diverso". Scontri e morti nella regione