I marò. Per non lasciarli soli

ULTIMO AGGIORNAMENTO 0:01

Fernando-Termentini-150x150Adesso proviamo a riportarli a casa per Natale. Lo abbiamo già fatto, e poi li abbiamo rispediti a Nuova Dheli. Sulla soluzione, però, niente luce. Il silenzio istituzionale circonda la vicenda dei due Marò che ormai si trascina da oltre 1000 giorni trascorsi dai due nostri militari a Delhi, ostaggio dell’India. Un tempo lunghissimo, in cui si sono succeduti tre Governi, tre Ministri degli Esteri e della Difesa che hanno tanto promesso ma poco realizzato. “Pensarci sempre e parlarne il meno possibile”, ha detto il ministro Gentiloni nei giorni scorsi. A forza di riflettere i nostri militari stanno invecchiando. E l’Italia perde la faccia.

Quasi tre anni trascorsi senza che nulla accadesse per risolvere la vicenda durante i quali, intanto, ex Ministri del Governo Monti hanno consolidato il proprio futuro. Rappresentanti istituzionali che presumibilmente per ruolo ricoperto al momento dei fatti, ebbero un peso determinante nelle decisioni che portarono a restituire all’India Latorre e Girone il 22 marzo 2013. Notizie di stampa riportano infatti che l’ex Ministro della Difesa Di Paola starebbe per trasferirsi negli Stati Uniti, destinazione Irvine, in California e dal primo gennaio 2015 sarà impegnato come vice presidente esecutivo, con responsabilità mondiale, in una banca privata che finanzia progetti in paesi in via di sviluppo, la EurOrient financial group riconosciuta dall’Onu. L’ex Ministro dello Sviluppo Economico, invece, il dott. Corrado Passera, potrebbe affacciarsi sulla scena politica italiana leader di un nuovo movimento politico.

Nulla invece è maturato per riportare in Patria i due militari, dopo le vittorie diplomatiche dell’ex Ministro Terzi che era riuscito per due volte a ottenere dall’India che i due Fucilieri di Marina tornassero in Italia. Un’azione che offriva uno spiraglio perché i due rimanessero in Italia, magari in seguito ad un divieto di espatrio sancito dalla Magistratura italiana che nei loro confronti indagava per il reato di omicidio volontario. Atti che forse sarebbero stati anche ben accettati da un’India preoccupata a non pregiudicare i rapporti diplomatici con l’Italia e nello stesso tempo a non deludere la popolazione indiana, in particolare quella di estrema sinistra del Kerala.

Ben diversa, invece, la situazione per i due militari ai quali quel 22 marzo era stato assicurato che sarebbero rientrati in Italia dopo due o tre settimane dimenticando però di dire loro di quale anno. Uno, Massimiliano Latorre, colpito da un grave problema fisico è in convalescenza in Italia e dovrebbe rientrare in India il 13 gennaio 2015. L’altro Salvatore Girone è rimasto in ostaggio dell’India in custodia cautelare presso l’Ambasciata italiana a Delhi.

Sempre il nuovo Ministro degli Esteri Gentiloni, fa sentire la sua voce attraverso Agenzie di stampa ed in occasione di un’intervista informa che l’Italia “intende imprimere un significativo cambio di passo”. Il tutto addolcito dall’ottimismo del Premier Renzi che è convinto di ottenere la benevolenza di Modi scambiando con lui due parole durante il G20 in Australia. Un Premier indiano che invece qualche giorno prima aveva pubblicamente esplicitato la sua convinzione che l’India dovesse applicare il diritto e le Convenzioni internazionali nei casi di pirateria marittima.

Un invito, quello di Modi, che l’Italia sembra, però, non voler accogliere nel momento che a livello istituzionale si continua a preferire la politica del compromesso piuttosto che a far valere i propri diritti in un contesto internazionale appositamente preposto ad esprimersi sulle controversie fra Stati. Nulla è cambiato sotto il sole, direbbe qualcuno. Continuiamo a questuare una soluzione “amichevole” secondo la migliore tradizione italiana del “vogliamoci bene”.

Fernando Termentini
Generale di Brigata della riserva dell’Arma del Genio dell’Esercito Italiano
Analista di Sistemi Informatici, ufficiale Addetto alla Difesa Nbc in particolare per quanto attiene la valutazione dei rischi
Brevetto Nato nel settore della Bonifica mine ed Ordigni Esplosivi

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.