MERCOLEDÌ 29 MAGGIO 2019, 00:02, IN TERRIS

I bambini "commissionati"

ENRICO MASINI
Facebook Twitter Copia Link Invia Scrivici
Laboratorio
Laboratorio
N

egli ultimi anni si stanno verificando numerosi casi di italiani che si recano all’estero per ottenere un figlio attraverso la maternità surrogata. Rientrando in Italia ne chiedono il riconoscimento anagrafico. Il comportamento dei comuni è difforme, così come quello dei tribunali allo scopo consultati, dando luogo a comportamenti differenti. La Corte di Cassazione, a sezioni unite, si è recentemente pronunciata contro la richiesta di due uomini di iscrivere come figli due bambini ottenuti con maternità surrogata. I due si erano recati in Canada dove uno aveva fornito il suo sperma al fine di produrre embrioni in vitro fecondando ovociti prelevati da una donna "donatrice". Alcuni degli embrioni umani ottenuti erano poi stati trasferiti nell’utero di una seconda donna che si era impegnata a portare avanti la gravidanza e consegnare i figli alla nascita. In Canada tale pratica è legale, a patto che si compia a titolo gratuito. I due uomini erano così rientrati in Italia con i due neonati e un certificato che li riconosceva entrambi genitori.

Nel presentarsi all’anagrafe del loro comune di residenza per registrarli si erano visti negare tale richiesta. O meglio, era stata riconosciuta al genitore biologico ma non all’altro. Ribaltando la sentenza della Corte di appello di Trento che aveva espresso parere favorevole alla richiesta dei due uomini, la cassazione vi si è opposta confermando la scelta del Sindaco. Le motivazioni addotte riguardano rilevanti questioni giuridiche a livello nazionale, compatibili col diritto internazionale. In particolare si rileva il divieto di maternità surrogata e l’inapplicabilità alle unioni civili di quanto disposto dalla legge che regola l’adozione. Tuttavia la Corte sostiene che non sarebbe escluso al legislatore la possibilità di conferire una qualche rilevanza giuridica al rapporto "genitoriale" con questo strumento. Si riconosce che la genitorialità non è necessariamente legata da un criterio biologico. Si nega tuttavia che possa essere frutto di un contratto fra privati, escludendo così il percorso previsto dalla norma in vigore per le adozioni.

Nella sentenza si ritiene inammissibile e contrario all’ordine pubblico riconoscere un rapporto genitoriale costituito da persone dello stesso sesso. L’articolo 29 della Costituzione infatti, come tutta la legislazione vigente, postula che i genitori debbano essere di sesso diverso. Un conflitto oggettivo, si rileva, fra la maternità surrogata e la dignità umana della gestante, come pure dell’istituto dell’adozione. Dell’interesse dei minori a permanere con le figure genitoriali attuali, ci si occupa solo per motivare che risulta indimostrata l’utilità di riconoscere due genitori dello stesso sesso, nonostante questi siano intenzionalmente e praticamente presenti come tali nella vita dei bambini. Dal punto di vista etico è invece di somma importanza rilevare come a questi bambini siano stati negati, anche con violenza, numerosi diritti fondamentali.

Non rispetta la loro dignità umana il fatto che siano stati commissionati, quindi trattati come una merce da produrre in laboratorio. Così il loro concepimento, la loro nascita e la loro situazione famigliare sono il frutto di un oneroso contratto che ha visto il concorso di numerosi intermediari. Si trovano ad avere così due madri biologiche delle quali nessuna risulta anagraficamente. La madre genetica si è limitata a fornire gli ovociti, quindi metà del patrimonio genetico col quale i due bambini dovranno fare i conti per l’intera esistenza. Ad essa assomigliano in aspetto fisico e da essa hanno ereditato almeno metà delle loro caratteristiche fisiche, patologie, inclinazioni, predisposizioni, pregi e difetti. Tuttavia con tutta probabilità non ne sapranno mai nulla.
La madre gestazionale li ha portati in grembo per i primi nove mesi della loro esistenza. Una relazione, si sà, fondamentale, da preservare sempre, se non per gravissimi motivi. Privati della sua continuazione affettiva, del sempre più riconosciuto valore dell’allattamento per la salute fisica e affettiva del bambino.Tali relazioni sono state volutamente spezzate secondo un contratto evidentemente iniquo. Del quale porteranno le conseguenze a vita non solo gli adulti che l’hanno firmato ma soprattutto coloro che ne sono stati il frutto. Sempre più infatti emergono le istanze di coloro che, venuti al mondo in circostanze analoghe, vanno alla disperata ricerca delle loro origini, a partire dall’adolescenza o in età adulta, anche molto avanzata.

Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 


Scrivi il tuo commento

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Un turista cinese indossa la mascherina assieme alla figlia nell'aeroporto di Bangkok - Foto © Reuters
ALLARME EPIDEMIA

Virus cinese, un caso sospetto in Francia e 4 in Scozia

Annullati i festeggiamenti per il capodanno cinese anche a Pechino. I ricercatori: viene dai pipistrelli
LOCRI

Chiedevano il sussidio, ma avevano la Ferrari

Denunciate 237 "furbetti" del reddito di cittadinanza in Calabria. Dai detenuti agli imprenditori, chi sono coloro che...
CLIMA

La tempesta Gloria fa 7 morti in Spagna

Evacuate 1.500 persone nei Pirenei orientali. Allerta in Francia
Il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella nell'incontro con il il presidente dello Stato d'Israele, Reuven Rivlin
VISITE DI STATO

Mattarella: Sull'antisemitismo mai abbassare la guardia

Il presidente della Repubblica ha incontrato Rivlin. Oggi atteso al Forum sull'antisemitismo e la Shoah
CORONAVIRUS

Ricciardi:"Gli inglesi mettano a disposizione il test di laboratorio"

Il direttore dell'Osservatorio Italiano sulla Salute spiega a Interris.it le misure dell'Oms per prevenire la pandemia
Passeggeri che indossano mascherina all'aeroporto di Hong Kong - Foto © Anthony Wallace per AFP; a destra: particelle del virus della Sars - Foto © NIAID
ALLERTA EPIDEMIA

Virus cinese, sono 25 le vittime. A Roma il primo aereo da Wuhan

Effettuati controlli all'aeroporto di Fiumicino. Si teme una nuova Sars
GERMANIA

Turingia, si ribalta scuolabus: morti due bimbi

Nella stessa giornata un altro incidente in Alta Baviera: diversi alunni feriti
L'aeroporto di Mitiga, a Tripoli
LIBIA

Haftar annuncia una no-fly zone su Tripoli: chiude l'aeroporto di Mitiga

L'uomo forte della Cirenaica ha dichiarato che verrà abbattuto qualsiasi aereo militare o civile che sorvolerà...
GEMELLI

Bassetti: "No a una sanità per i poveri e una per i ricchi"

All'inaugurazione dell'anno accademico dell'Università Cattolica, il presidente della Cei mette in guardia da...
INDAGINE DEL CENSIS

In Italia il 2031 sarà l'anno zero dei matrimoni

La diminuzione costante delle nozze raggiungerà tra 11 anni la data di "decadenza statistica"
Coltivazione di marijuana a Gioia Tauro
CATANIA E GIOIA TAURO

Doppio blitz contro lo spaccio: sequestrati 13 mln di dosi

Si è suicidato in carcere un esponente della 'ndrangheta della cosca Figliomeni di Siderno
ANAGRAFE

Nel nome del padre e della madre

Sempre più genitori decidono di dare al neonato il cognome di entrambi. Le norme in Italia e nel resto d'Europa
Ospedale Civico di Palermo
OSPEDALE CIVICO E ASP | PALERMO

Truffa al servizio sanitario: primario ai domiciliari, 15 indagati

Dichiarato l’uso di dispositivi medici in numero notevolmente superiore rispetto a quello realmente usato
ROMA

Governo ad alta tensione, opposizione all'attacco

Conte non va a Davos per urgenti impegni di governo. Scoppia la polemica per uno spot di Porta a Porta con Salvini