SABATO 18 LUGLIO 2015, 000:10, IN TERRIS

Ho visto il razzismo

AUTORE OSPITE
Ho visto il razzismo
Ho visto il razzismo
burocrazia e corruzioneHo visto il razzismo in una manifestazione lampante nella sua ingenuità, orgogliosa perché espressa con schiettezza, crudele a motivo della volontà di escludere chi era diverso e far in modo che la propria origine fosse motivo, per gli altri, di scelta e di preferenza.

Un uomo con la pelle olivastra che, semplicemente, teneva al collo, mentre chiedeva l’elemosina tra le macchine al semaforo, un cartello con la scritta “sono italiano”.

Un povero che sentiva di avere un valore aggiunto che lo rendeva se non migliore, quanto meno preferibile agli altri mendicanti, concorrenti degli altri semafori.

E se si comportava così certamente non lo faceva per superbia, non ne avrebbe avuto alcun motivo; l’unico fine era la propria utilità, lo faceva per convenienza, la convenienza a vendere il proprio prodotto mostrandone il lato migliore, promettendo o assicurando, secondo i fondamenti del linguaggio pubblicitario, quelle caratteristiche che rendevano conveniente l’offerta. La pubblicità è una forma di comunicazione complessa, che mira intenzionalmente a influenzare atteggiamenti e comportamenti dei potenziali consumatori. Anche, come in questo caso, in cui al consumatore si suggerisca un comportamento “no profit”, cioè che, almeno in modo diretto non miri a acquistare un bene o un servizio, è necessario un approccio, da parte di chi propone o si propone, fondamentalmente persuasorio.

Da qui “abiti di scena” che quotidianamente vediamo indossati da coloro che mostrano la propria povertà per colpire la sensibilità di chi, alla fine, sentendosi in colpa, elargirà il misero obolo, l’ostinazione che diventa sgradevole petulanza di quanti che, in totale inconsapevolezza, sembrano seguire l’insegnamento evangelico per cui chiedono perché colui al quale è chiesto “si alzerà a dargliene quanti gliene occorrono almeno per la sua insistenza”.

E poi ancora il fingere di dare un servizio più dannoso che utile, come l’infinita offerta dei lavavetri, o un bene che non serve a nessuno, una rosa dopo l’altra in ogni momento della serata.

Ora quel mendicante aveva trovato una altra via, la via di offrire la tutela del proprio essere, di più, del proprio concittadino, perché a lui, questo sottintendeva quel cartello, doveva esser data una solidarietà “più solidale”, perché lui è “italiano”. Una vera pubblicità selettiva, che individua il target da raggiungere ed offre al consumatore la soddisfazione di un personale bisogno.

Ma è lui il razzista o è semplicemente il Raffaele della canzone “Venderò” di Eugenio Bennato che “ha girato e conosce la gente e mi dice: stai attento che resti fuori dal gioco se non hai niente da offrire al mercato”.

E chi conosce il mercato sa che tra le regole fondamentali della pubblicità c’è quella che deve esser promossa da una fonte che deve essere sempre identificabile, dando credibilità a quella fonte.

Ed allora il razzista chi è, colui che mendicando offre il proprio prodotto, la soddisfazione del sentimento della pietà di chi offre o dona o di quest’ultimo, che spinge i più deboli a dover comprendere che, in fin dei conti, se proprio non si vuol rimanere ultimi degli ultimi, il fattore “sono italiano” , che altro non significa “premia chi ti è più vicino e diffida della diversità”, soddisfa un bisogno con cui anche i migliori di noi, forse dovrebbero fare seriamente i conti.

Dolersi di questa situazione non serve, né servono affermazioni saccenti e pietistiche su ciò che dovremmo o non dovremmo esser come collettività. Chi ha il potere deve interrogarsi sulle cause che a queste sensibilità hanno portato, forse modificando un sentimento di apertura all’estraneo che è, o forse immaginavamo che fosse, nelle nostre radici culturali.

Ma il potere, la sovranità, come dice il primo articolo della nostra Costituzione, appartiene al popolo, quindi tutti noi abbiamo non solo il diritto, ma il dovere di riflettere su tutto quanto sta accadendo. Discorso complesso che chiama in gioco le mille scelte che la politica quotidianamente fa e che, talvolta e non volendo, creano conflitti sociali che sviluppano lacerazioni difficili da ricucire.
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
VITERBO

Anziani coniugi trovati morti in casa

La coppia era stata avvolta nel cellophane. Ricercato il figlio che viveva con loro
COPPA ITALIA

Fiorentina e Milan, tris per i quarti

Stese Samp e Verona (3-2 e 3-0): derby al prossimo turno per Gattuso. Forte contestazione a Donnarumma
Giuseppe Sala
EXPO 2015

Sala accusato di concorso in abuso d'ufficio

Al sindaco di Milano è stato contestato il reato in relazione al capitolo "verde" dell'appalto per la...
Silvio Berlusconi
RISCHIO STRAPPO

Berlusconi: "Salvini? Fa i capricci"

Il leader del Carroccio duro dopo il 'no' di Forza Italia alle legge sui reati gravissimi: "Stop agli...
Pesante sentenza di condanna per un giovane marocchino
TORINO

Sei anni al jihadista "della porta accanto"

Marocchino condannato per terrorismo
Il procuratore Verzera
CATANIA

Anziane sorelle massacrate in casa

Uccise a coltellate. Si segue la pista della rapina
Miliziani dell'Isis
GENOVA

Istigazione al terrorismo, tunisino indagato

Sulla sua pagina Facebook foto e video inneggianti all'Isis
Senato
BIOTESTAMENTO

Si va verso l'approvazione della legge

Passano i primi articoli. Centro Studi Livatino: "Sigillo funesto a un Paese che sta scomparendo"