SABATO 13 GIUGNO 2015, 000:10, IN TERRIS

Ecco come salvare la famiglia

AUTORE OSPITE
Ecco come salvare la famiglia
Ecco come salvare la famiglia
ramondaC’è bisogno di passare dalle parole ai fatti. La difesa della vita, le proposte per arrivare a questo obiettivo, vanno concretizzate. Ecco perché, come associazione Papa Giovanni XXIII, abbiamo scelto tre linee guida in difesa della vita e della famiglia.

La prima: una moratoria per permettere ai 107.00 bambini che ogni anno non nascono a causa dell’aborto, di poter venire al mondo. Un canale umanitario a sostegno dell’obiezione di coscienza da parte dei medici, il quale consenta che in tre anni vengano portati alla luce 321.000 nuovi cittadini italiani; ricordiamo che il futuro passa per i figli, per la nuova natalità. Un’idea che stiamo studiando, al fine di tradurla in proposta politica.

Seconda idea: uno stipendio alle mamme per i primi tre anni di vita del figlio. 800 euro al mese, un impegno di alto valore sociale che darebbe movimento a tutta l’economia, perché certo quei soldi sarebbero usati nel modo giusto, per beni necessari, per la crescita dei figli. E questo sarebbe anche un incentivo per non ricorrere all’interruzione di gravidanza.

La terza proposta - che vorremmo dare come contributo anche al Sinodo dei vescovi sulla famiglia - è quella di incentivare l’istituto dell’affidamento familiare, come atto di gratuità per il bene dei minori che hanno bisogno di un papà e di una mamma. Ma sarebbe un bene anche per la società che otterrebbe un risparmio importante, anche perché molti di loro potrebbero non più essere inseriti in comunità ma vivere nella loro nuova famiglia.

Su questo esiste una legge molto valida – che riguarda nello specifico proprio l’affidamento familiare - che andrebbe sviluppata; anche i servizi territoriali dovrebbero lavorare in questo senso, anziché limitarsi a inserire i minori in Comunità con dei costi sociali – come detto - molto più elevati.

Ma il motivo principale è che il minore ha bisogno di un padre e di una madre, e su questo bisogna dare risposte; se non c’è la possibilità di vivere con i genitori di origine bisogna dare loro un papà e una mamma sostitutivi. Questa – lo ricordo – è la grande intuizione che ha avuto don Oreste Benzi con le case-famiglia.

L’obiezione classica è: tutto ciò deve però fare i conti con un bilancio dello Stato asfittico. Noi però su questo abbiamo fatto delle proposte; ovviamente bisognerebbe rimodulare tutta la politica fiscale sulla famiglia, tagliare i privilegi (stipendi di centinaia di migliaia di euro, pensioni d’oro, vitalizi, emolumenti anche per i familiari dei potenti, ecc.) con una più equa distribuzione del reddito, ridurre le spese inutili per gli armamenti, come nel caso degli F-35.

Bisogna insomma tornare alla giustizia sociale, riorganizzando la distribuzione delle risorse esistenti, se vogliamo che questo Paese riprenda a vivere.
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
La locandina del film
STAR WARS

Il lato Chiaro e quello Oscuro de "Gli Ultimi Jedi"

Scelte coraggiose e azzardi, poesia ed errori pericolosi. Cosa pensiamo di Episodio VIII (SPOILER)
Vittorio Emanuele III

Il ritorno del Re

Vittorio Emanuele III tornerà dall'esilio e la sua salma sarà trasferita da Alessandria...
L’albero di Natale Prosecco Doc a Venezia
FEDERALBERGHI

Tra Natale e Capodanno 15 milioni di italiani in viaggio

Il giro d’affari complessivo sarà di 9,9 miliardi di euro
Reliquia della Beata Anna Maria Adorni
VATICANO

Presentato il nuovo documento sulle reliquie

Pubblicato dalla Congregazione delle Cause dei Santi
SIRIA

La Russia accusa gli Usa: "Addestrano terroristi"

750 miliziani in un campo profughi nel Nord-Est della Siria
L'incontro con Uspi e Fisc
INCONTRO CON USPI E FISC

"Non cadete nei peccati della comunicazione"

Il Papa ha ricordato che la piccola editoria difende dai "polveroni mediatici"