Custodi del pianeta

ULTIMO AGGIORNAMENTO 0:01

photoNelle mie incursioni televisive in giro per l’Italia ho raccontato tante tradizioni ed eccellenze enogastronomiche, prodotti della terra che hanno oltre alle proprietà alimentari e salutari anche quelle di farti rivivere un posto visitato, o anche solo di fartelo immaginare. Non a caso anche Expo 2015 parlerà di alimentare il pianeta; c’è infatti un legame stretto tra ciò che mangiamo e ciò che siamo, e quello che arriva sulla tavola è frutto del lavoro nei nostri campi, cioè nel cuore dei territori che vogliamo mostrare al mondo.

Spesso nei miei lunghi percorsi in auto mi viene un senso di gratitudine verso tutte quelle persone che per passione o per mestiere lavorano nei campi, nelle splendide pianure e colline italiane; varrebbe la pena ringraziarle per come, seppur sfruttando anche economicamente la terra, siano custodi della sua bellezza e della sua sopravvivenza.

C’è stato un tempo in cui gli artefici dello sviluppo industriale hanno abusato nel costruire in luoghi assolutamente improbabili. E allora distese di cemento, capannoni grigi, macchie di asfalto in luoghi impensabili.
A tutto ciò si contrappongono le distese di vigneti, di olivi, di girasoli. Curati anno dopo anno, semestre dopo semestre, mese dopo mese. Con capacità, con amore, spesso senza scuola ma con il passare di preziosi consigli da padre a figlio. Gente che toglie l’inutile ai campi, sterpaglie e rami secchi; non aggiunge superfluo e bruttezze, terze, quarte case e capannoni per propri interessi economici. Il pensiero va a una generazione giovane di imprenditori- contadini, custodi dei paesaggi meravigliosi che ci danno energia positiva e benessere, e tramite lo sguardo sentiamo tornare la forza che serve per ricaricare il cuore.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.