VENERDÌ 14 GIUGNO 2019, 00:02, IN TERRIS

Correzione o procedura: l'aut-aut di Bruxelles

MARCO FRITTELLA
Facebook Twitter Copia Link Invia Scrivici
Commissione europea
Commissione europea
A

umenta ogni giorno di più il rischio che scatti per l’Italia la procedura di infrazione per eccesso di disavanzo sulla regola del debito, sostenuta dalla Commissione, già accolta dai responsabili tecnici dei ministeri economici dei paesi europei, discussa ieri a Bruxelles alla riunione dell’Eurogruppo e destinata a venir approvata in definitiva nella prima settimana di luglio. Ieri tutti i maggiori esponenti europei – il presidente Juncker, il vicepresidente Dombrovskis, il commissario agli affari economici Moscovici – insieme al leader del Fmi Christine Lagarde hanno ricordato all’Italia che, o c’è una correzione sostanziale dei nostri pubblici realizzata subito, con impegni precisi e non promesse vaghe, oppure sarà fatale che scatti la procedura. Su cui pare di capire che siano tutti d’accordo tranne noi. Si badi che finora non si ha precedente di una sanzione di questo tipo per violazione della regola del debito, e che si tratta di una procedura particolarmente pesante che vincolerebbe l’Italia per anni, imbriglierebbe le spese della pubblica amministrazione, finirebbe per costituire un collare in grado di strozzare il debole andamento dell’economia italiana.

Bruxelles chiede una manovra correttiva per l’immediato per almeno quattro miliardi, ma Tria ha ripetuto ai suoi colleghi che non sarà necessaria, che i conti sono sotto controllo e che ci sono risorse sufficienti per mantenere nella stessa situazione (e si riferisce ai risparmi fatti sul reddito di cittadinanza e quota 100). Il problema è che al momento non c’è governo europeo che sostenga la linea di difesa italiana: attualmente infatti non abbiamo chi ci faccia da sponda. Neanche il portoghese Centeno, che pure come leader del suo paese sa bene cosa significhi avere il controllo della Commissione sui propri conti. Inoltre i paesi “sovranisti” in queste ore si stanno dimostrando i più rigidi nel difendere il rispetto delle regole da parte di tutti, a cominciare dall’Italia. A fronte di questo isolamento, il ministro Tria si trova in una condizione di particolare debolezza giacché non ha alle proprie spalle un pieno mandato a trattare: viceversa le ultime riunioni di governo hanno dimostrato che i due partiti alleati sono intenzionati a non cedere di fronte ai diktat comunitari, e questo da parte soprattutto di Matteo Salvini il quale insiste che l’unica cosa da fare è abbassare le tasse e introdurre la flat tax.

Quando Tria risponde che per finanziare una simile riforma non ci sono soldi e che bisognerebbe farla in deficit, cosa ora impensabile, Salvini continua a non sentire ragioni. Come se ne uscirà? Probabilmente si precipiterà una trattativa fino all’ultimo minuto prima della riunione decisiva come accadde nel dicembre scorso quando Bruxelles ci impose di abbassare il deficit previsto dal 2,4 per cento al 2,04 sul Pil. Ma per arrivare a mettere una firma il presidente Conte e il ministro Tria devono sapere che Salvini e Di Maio li sostengono fino in fondo. Attualmente non è così.

Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 


Scrivi il tuo commento

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
NEW ECONOMY

Smart&Start Italia: da oggi si possono inviare le domande

Al via la misura che sostiene la nascita e lo sviluppo di startup innovative. Cosa prevede la circolare ministeriale
POLITICA

Il caso Gregoretti, oggi la decisione

Dal caso Gregoretti al taglio del cuneo fiscale, passando per le sardine in piazza: l'inizio della settimana politica
Brad Pitt e Jennifer Aniston ai SAG Awards 2020
HOLLYWOOD

Ai Sag "Parasite" fa la storia: vince come "straniero" e "miglior film"

Ma a fare davvero notizia è la reunion di Brad e Jennifer. Vincono anche Phoenix, Zellwegger e Dern
Il blitz nel quartiere romano di San Basilio
SPACCIO DI SOSTANZE STUPEFACENTI

Maxi blitz anti droga a San Basilio: 21 arresti

Legami anche con la 'ndrina calabrese Marando di Platì
Clochard (immagine di repertorio)
NOVARA

Uomo trovato morto su una panchina: ipotesi suicidio

Inizialmente si pensava si trattasse di un clochard morto per ipotermia, notizia poi smentita
VIOLENZA

Orrore in Pakistan, bimba violentata e uccisa

Dopo gli abusi, i due malviventi l'hanno affogata
La palazzina crollata
CATANIA

Crolla palazzina: evacuate 7 persone

Non ci sarebbero né vittime né feriti, si cercano dispersi in via precauzionale
Cyberbullismo
PIEMONTE

Cyberbullismo: al via una ricerca pilota in 48 scuole

Si tratta della prima ricerca sul campo per studiare il fenomeno delle molestie tra minori in rete
Tasse

Pagare tasse sulle tasse

Le tasse italiane, tra i vari paesi del mondo, hanno delle peculiarità proprie che nessuno può vantare:...
Aerei Alitalia

Alitalia, il nodo irrisolto dell'economia italiana

Quella di Alitalia, ormai, più che una vicenda industriale sembra sempre più un romanzo a puntate, tipico...
Le Sardine a Bologna
VERSO LE REGIONALI

Sardine a Bologna: "Siamo 40 mila"

Raduno a una settimana dalle elezioni in Emilia-Romagna. Santori: "Risvegliato il senso civico"
I leader presenti al summit di Berlino
IL SUMMIT

Libia, tutti d'accordo a Berlino: sì alla soluzione politica

Approvata la risoluzione finale della Conferenza: ok all'embargo sulle armi e al monitoraggio
Il Papa all'Angelus
ANGELUS

Libia, l'appello del Papa: "Dopo Berlino cessi la violenza"

Il Santo Padre auspica "un cammino verso la cessazione delle violenze e una soluzione negoziata" verso la pace
Pietro Anastasi
IL CASO

Anastasi, il figlio rivela: "Aveva la Sla"

Il campione bianconero è deceduto a 71 anni: "Era stata diagnosticata tre anni fa. Ha scelto la sedazione...