VENERDÌ 14 GIUGNO 2019, 00:02, IN TERRIS

Correzione o procedura: l'aut-aut di Bruxelles

MARCO FRITTELLA
Facebook Twitter Copia Link Invia Scrivici
Commissione europea
Commissione europea
A

umenta ogni giorno di più il rischio che scatti per l’Italia la procedura di infrazione per eccesso di disavanzo sulla regola del debito, sostenuta dalla Commissione, già accolta dai responsabili tecnici dei ministeri economici dei paesi europei, discussa ieri a Bruxelles alla riunione dell’Eurogruppo e destinata a venir approvata in definitiva nella prima settimana di luglio. Ieri tutti i maggiori esponenti europei – il presidente Juncker, il vicepresidente Dombrovskis, il commissario agli affari economici Moscovici – insieme al leader del Fmi Christine Lagarde hanno ricordato all’Italia che, o c’è una correzione sostanziale dei nostri pubblici realizzata subito, con impegni precisi e non promesse vaghe, oppure sarà fatale che scatti la procedura. Su cui pare di capire che siano tutti d’accordo tranne noi. Si badi che finora non si ha precedente di una sanzione di questo tipo per violazione della regola del debito, e che si tratta di una procedura particolarmente pesante che vincolerebbe l’Italia per anni, imbriglierebbe le spese della pubblica amministrazione, finirebbe per costituire un collare in grado di strozzare il debole andamento dell’economia italiana.

Bruxelles chiede una manovra correttiva per l’immediato per almeno quattro miliardi, ma Tria ha ripetuto ai suoi colleghi che non sarà necessaria, che i conti sono sotto controllo e che ci sono risorse sufficienti per mantenere nella stessa situazione (e si riferisce ai risparmi fatti sul reddito di cittadinanza e quota 100). Il problema è che al momento non c’è governo europeo che sostenga la linea di difesa italiana: attualmente infatti non abbiamo chi ci faccia da sponda. Neanche il portoghese Centeno, che pure come leader del suo paese sa bene cosa significhi avere il controllo della Commissione sui propri conti. Inoltre i paesi “sovranisti” in queste ore si stanno dimostrando i più rigidi nel difendere il rispetto delle regole da parte di tutti, a cominciare dall’Italia. A fronte di questo isolamento, il ministro Tria si trova in una condizione di particolare debolezza giacché non ha alle proprie spalle un pieno mandato a trattare: viceversa le ultime riunioni di governo hanno dimostrato che i due partiti alleati sono intenzionati a non cedere di fronte ai diktat comunitari, e questo da parte soprattutto di Matteo Salvini il quale insiste che l’unica cosa da fare è abbassare le tasse e introdurre la flat tax.

Quando Tria risponde che per finanziare una simile riforma non ci sono soldi e che bisognerebbe farla in deficit, cosa ora impensabile, Salvini continua a non sentire ragioni. Come se ne uscirà? Probabilmente si precipiterà una trattativa fino all’ultimo minuto prima della riunione decisiva come accadde nel dicembre scorso quando Bruxelles ci impose di abbassare il deficit previsto dal 2,4 per cento al 2,04 sul Pil. Ma per arrivare a mettere una firma il presidente Conte e il ministro Tria devono sapere che Salvini e Di Maio li sostengono fino in fondo. Attualmente non è così.

Spazio al lettore: per commentare questo articolo scrivi a direttore@interris.it

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Stabilimento balneare
NUMERI IN CRESCITA

Italia 2019: l’estate con più stabilimenti balneari

Quasi 7 mila impianti in attività per il boom turistico nei litorali. Le preoccupazioni di Legambiente
Colosseo
L'ANALISI

Record di imprese a Roma

In tutte le regioni italiane il trimestre si è chiuso con il segno positivo. Le radici pontificie del primato della...
I cinque migranti tentano di raggiungere Lampedusa a nuoto
MIGRANTI

Open Arms, in cinque si gettano in mare

Tentativo di raggiungere a nuoto Lampedusa: tutti recuperati. La Spagna offre un porto ma l'equipaggio dice no: "Troppo...
Il giovane padre investito
CASTEL VOLTURNO

Pirata della strada ubriaco investe e uccide un passante

L’incidente mentre l’uomo attraversava la strada. Il conducente del veicolo, un Suv, è ora al carcere di Santa...

Ecco come scacciare la paura dal nostro cuore

Quanto importanti sono queste parole di Gesù: "Non temere, piccolo gregge”. Parole che ritorneranno...
MIGRANTI

Open Arms, i minori non accompagnati sono sbarcati

Conte scrive a Salvini. Il ministro dell'Interno: "Tua decisione rischia di diventare un precedente"