Come uscire dall’antagonismo sociale

ULTIMO AGGIORNAMENTO 0:01

bonanniNel mondo contemporaneo tornare al ragionamento, alla valutazione è importantissimo; senza di essi c’è il depistaggio della nostra vocazione. E’ ciò che viviamo noi occidentali, con una società deturpata dal benessere che ha fatto cambiare pelle alle persone come ai rettili, nelle abitudini, nei costumi, nel modo di pensare; c’è bisogno di una riflessione che preceda la progettazione. Ci permette anche di ricollegarci alle questioni più vere della nostra esistenza, ed è importante anche perché può generare, germinare isole profetiche; non c’è una consapevolezza generale di quanto sia in pericolo la nostra società. Nella realtà attuale non c’è riflessione a sufficienza.

Dobbiamo uscire dal taylorismo e fordismo (correnti di pensiero che vedono l’uomo solo come ingranaggio di un processo lavorativo spersonalizzato), che annichiliscono il concetto di lavoro, e creare sostegni fortissimi alle persone che devono svolgere un’opera fondando ogni questione di rigenerazione delle nostre comunità proprio sul lavoro. La dottrina sociale della Chiesa ha molto investito su questo, dalla Rerum Novarum fino alle ultime encicliche di papa Giovanni Paolo II e quella bellissima di Benedetto XVI che parla del lavoro umano; bisogna ripartire da lì, e utilizzare questa forza culturale e spirituale per riflettere e progettare. E c’è bisogno di una realtà civile che assecondi questa direzione.

Tutti decantano la Germania ma pochi si soffermano su questo dato, culturale ma direi anche spirituale, di aver creato una legislazione che consente al lavoratore insieme all’imprenditore, in comunione e non in contrasto, di costruire prospettive per la propria azienda e per la propria economia nazionale collaborando, come sottolineava già Leone XIII, e poi Giovanni Paolo II e Benedetto XVI.

Un cittadino responsabile e coinvolto è un cittadino più libero, e la democrazia diventa più importante; quando la comunità prospera si abbassano le tensioni sociali e si costruisce un terreno di pace. Tutto con la partecipazione al lavoro con azioni collettive, guarendo le persone dalla puerile malattia dell’antagonismo, per cui il proprio interesse si tutela sopprimendo quello degli altri.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.