Come le nuove tecnologie possono aiutare nella cura degli anziani

flussi
Foto di micheile henderson su Unsplash

L’intelligenza artificiale sta prendendo sempre più piede nel dibattito di ogni giorno e occorre fare più chiarezza possibile in merito alle sue implicazioni future. Essa, con il suo bagaglio di importanti novità tecnologiche, può e dovrà essere utilizzata per supportare le persone in condizioni di fragilità tra cui, ovviamente, ci sono anche gli anziani che, in numero sempre maggiore, vivono da soli. Le possibili declinazioni dell’I.A. sono molteplici: appositi strumenti, ad esempio, possono aiutare coloro che hanno difficoltà motorie o visive nell’utilizzo di vari dispositivi domestici. Inoltre, la stessa, potrebbe offrire un aiuto significativo nella rilevazione dei movimenti e dei parametri degli anziani soli con difficoltà, avvisando i familiari caregiver nel caso di anomalie.

Questi sono indubbiamente dei fattori molto positivi ma occorre che, l’accesso a queste nuove tecnologie, sia improntato sui principi della democrazia e dell’accessibilità universale. Occorre quindi colmare il cosiddetto divario digitale, ovvero la differenzia nell’accesso e nelle capacità di utilizzo di questi dispositivi da parte delle persone più in là con gli anni, che devono essere supportate per far fronte a queste novità importanti le quali, se utilizzate nel modo corretto, possono impattare positivamente sulle loro vite.

Papa Francesco, intervenendo al G7, tenutosi in Puglia, ha sottolineato con forza che, l’I.A, deve rimanere al servizio dell’uomo attraverso l’etica. Questo principio è fondamentale perché, ogni progresso tecnologico, deve avere come scopo primario quello di aiutarci nell’incremento del progresso sociale finalizzato ad includere e mettere al centro della nostra società le persone che hanno più difficoltà. Gli anziani quindi, attraverso il dialogo intergenerazionale che permetta loro di stare al passo, devono rappresentare il fulcro di questo processo di evoluzione altrimenti, se perderemo le nostre radici più salde, sarà stato tutto inutile.