Come mai in Africa ci sono meno contagi da Covid

ULTIMO AGGIORNAMENTO 0:03

La nuova variante Omicron viene contrastata con efficacia dal vaccino. Tutte le varianti emerse sono state contrastate dalla vaccinazione. Può esserci una piccola diminuzione della capacità di protezione dall’infezione, ma non dalla malattia grave. La presenza delle varianti è strettamente connessa con l’efficacia dei vaccini. Se oggi le varianti circolanti non destano particolare preoccupazione, dal momento che i vaccini attualmente disponibili, pur con qualche differenza, sono in grado di proteggere dall’infezione e dalla malattia da esse causata, il problema va tuttavia affrontato in un contesto più ampio.

Innanzitutto, per impedire che l’infezione possa diventare endemica a seguito della comparsa di nuove varianti, bisognerà vaccinare in un prossimo futuro anche i bambini, una volta appurato che i vaccini disponibili siano per essi efficaci e sicuri. Altrimenti, il virus continuerà a circolare, ancorché in forma asintomatica, nella popolazione infantile con il rischio che emergano varianti potenzialmente pericolose anche per i vaccinati. Esiste anche un problema di natura generale che è stato più volte sottolineato e che riguarda la diffusione che questa infezione/malattia ha nel mondo e in particolare nei Paesi a risorse limitate.

A questo proposito non posso non ricordare che per 12 anni (dal 2006 al 2018) ho diretto il Centro di Ateneo per la Solidarietà Internazionale (CeSI) che ha sviluppato programmi di tipo solidale in molti Paesi del mondo, compresa l’Africa. Attualmente, abbiamo in corso alcuni programmi in Uganda e in Tanzania e dalle notizie che ci giungono la situazione in Africa risulta essere particolarmente delicata, sia per lo sviluppo dei contagi sia perché questa pandemia ha modificato, in senso peggiorativo, l’offerta sanitaria anche per patologie diverse da Covid-19. Non è certamente facile disporre di un quadro preciso sulla diffusione dell’infezione in Africa, anche se i dati sembrerebbero indicare che l’impatto, pur pesante, è minore, in termini di malattia clinicamente evidente e decessi, rispetto ad altri continenti, con l’eccezione del Sud Africa dove già un anno fa iniziò a circolare una variante più trasmissibile con caratteristiche epidemiologiche più simili a quelle di Stati Uniti ed Europa. Oltre a questa prima mutazione, sempre in Sud Africa, è comparsa recentemente proprio la variante Omicron la cui origine è probabilmente riconducibile al fatto che il virus si replica molto dal momento che pochi soggetti sono vaccinati e replicandosi può andare incontro a mutazioni e quindi determinare una nuova variante.

Questa ridotta diffusione è probabilmente legata al fatto che la popolazione africana è relativamente giovane e ciò determina lo sviluppo prevalente di forme asintomatiche o pauci-sintomatiche. Varie organizzazioni sanitarie internazionali hanno però sottolineato che solo un abitante su dieci dei Paesi africani riceverà il vaccino, a meno che non ci sia (come è avvenuto a suo tempo per Hiv/Aids) una mobilitazione internazionale per modificare le strategie attuali, portando a un aumento del numero dei vaccinati. Il programma Covax sviluppato dagli Stati Uniti, dall’Unione Europea e dal Regno Unito si è impegnato a garantire un’ampia vaccinazione agli individui di queste popolazioni, anche se si prevede comunque che solo il il 20% alla fine del 2021.

Oltre un milione di persone in tutto il mondo ha firmato l’appello della People’s Vaccine Alliance per sospendere la protezione brevettale dei vaccini (come avvenuto per i farmaci anti Hiv) in modo da consentirvi un più ampio accesso. È in atto un ampio dibattito tra le nazioni circa questa eventualità con autorevoli prese di posizione a favore, quale quella del presidente degli Stati Uniti Joe Biden. Al programma Covax si deve aggiungere anche l’impegno della Cina che ha in corso ormai da mesi una massiccia distribuzione di vaccini in vari Paesi dell’Africa nei quali ha programmi di cooperazione economica.

Lo stesso papa Francesco, in più di una occasione, è intervenuto per richiamare i Paesi ricchi all’obbligo della solidarietà di fronte a una pandemia che è stata particolarmente grave per i Paesi a risorse limitate che non sono in grado di far fronte all’onda d’urto abbattutasi sui loro, già fragili, sistemi sanitari. Vale la pena altresì sottolineare che, al di là delle giuste considerazioni di natura etica che impongono la solidarietà, è necessario un programma di vaccinazione mondiale se si vogliono evitare in futuro rischi anche per chi è protetto dal virus Covid-19 con la vaccinazione, in relazione all’emergenza di nuove varianti. Infatti, fino a che il virus continuerà a circolare in qualche parte del mondo, nessuno potrà considerarsi al sicuro, perché, come già ricordato, il virus che continua a replicarsi può mutare con la comparsa di nuove varianti che potrebbero non essere sensibili ai vaccini attualmente disponibili. Pertanto, mai come in un mondo globalizzato, la scelta di tipo solidale si traduce in protezione per tutti.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.