VENERDÌ 11 GENNAIO 2019, 00:02, IN TERRIS

Come l'Europa ci sta imponendo il gender

MIRKO DE CARLI
Bandiera dell'Unione europea con toppa lgbt
Bandiera dell'Unione europea con toppa lgbt
U

na nuova lingua, e precisamente quella del ”politicamente corretto”, sostituirà, nei palazzi europei, il classico modo di parlare del genere maschile "man" (uomo). Lo farà in maniera subdola all'interno del nostro linguaggio comune. Parole come “minekind" e "manpover”, ad esempio, saranno sostituite con termini con i generici "humanity" "staff". Da tempo assistiamo all'avanzata di quel "relativismo culturale" a più riprese denunciato da Benedetto XVI e al tentativo, da parte del Parlamento Ue, di rendere fluido e generico il linguaggio corrente, facendo  apparire quale "fattore discriminante" l’utilizzo della parola “uomo”. Funzionari e deputati di Strasburgo hanno ricevuto un opuscolo che rappresenta una vera e propria guida all'utilizzo e al cambio della terminologia legata al genere maschile sostituendola con termini generici e scoraggiando il più possibile l'identità “precisa” del genere.

Così facendo, però, si arriva a "disintegrare" la società, creando un mondo senza certezze, comprese quelle più ovvie. E si diventa ostaggio di quei poteri forti che mirano a eliminare la base della nostra identità e cultura: la famiglia naturale fondata dall'unione di un uomo e una donna. A livello europeo, specie in vista del prossimo appuntamento elettorale per votare il nuovo Europarlamento, è necessario dare una svolta improntata su obiettivi di crescita, di assistenza sociale e di benessere del popolo ripartendo da quel “prisma” che San Giovanni Paolo II identificava con la famiglia, cellula fondamentale per risollevare la nostra società e “attraverso cui considerare tutti i problemi sociali”. In fondo non dobbiamo avere paura dei neologismi di questa nuova lingua "inclusiva europea”. Il punto è che ci troviamo davanti a giochi di palazzo che vogliono cambiare atteggiamenti e comportamenti e soprattutto vogliono ”cancellare” l'uomo e, dunque, la politica deve ripristinare il suo ruolo sociale mettendosi al servizio di ogni realtà territoriale nazionale attraverso la più alta forma della carità che ne rappresenta l'essenza.

Spazio al lettore: per commentare questo articolo scrivi a direttore@interris.it

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Dorothea Wierer
COPPA DEL MONDO

Biathlon, trionfo per Dorothea Wierer

L'altoatesina conquista la Coppa generale, è la prima in assoluto per l'Italia. Lisa Vittozzi (2a) completa il...
La Viking Sky in balia delle onde
NORVEGIA

La Viking Sky attracca a Molde

Incubo finito: tutti in salvo i 1300 passeggeri, 460 evacuati con gli elicotteri
Xi Jinping
LA VISITA

Xi a Palermo, un'eredità reciproca

Il presidente cinese vola nel Principato di Monaco dopo una giornata intensa in Sicilia: "Aumenteranno i turisti...
Il piatto finito
LA RICETTA DEL WEEKEND

Pennette panna e gamberetti: giocare facile a tavola

Bastano pochi ingredienti per realizzare un piatto da consumare da soli o in famiglia
Rafi Eitan
ISRAELE

Addio a Rafi Eitan, catturò Eichmann

La leggenda del Mossad si è spenta a 92 anni. Pose fine alla latitanza dell'ex SS
Italia-Finlandia 2-0. L'esultanza degli Azzurri dopo la rete di Barella
EURO 2020 | QUALIFICAZIONI

La giovane Italia parte forte: Barella-Kean, Finlandia k.o.

Gli Azzurri s'impongono 2-0 alla Dacia Arena. Qualcosa da sistemare ma la strada è giusta. Esordio per Zaniolo