LUNEDÌ 29 GIUGNO 2015, 000:10, IN TERRIS

Chi ha paura della Germania

AUTORE OSPITE
Chi ha paura della Germania
Chi ha paura della Germania
lettaLo so bene: Maastricht non va di moda. Anzi, va di moda in senso uguale e contrario. Negli anni Novanta era la nostra grande missione collettiva. Ricordo l'entusiasmo e l'emozione con cui Romano Prodi, Walter Veltroni e Nino Andreatta accolsero Carlo Azelio Ciampi quando portò a Palazzo Chigi i dati macroeconomici che certificavano l'idoneità italiana ad entrare nel sistema della moneta unica. Ce l'avevamo fatta, contro ogni previsione. Oggi l'euro, e più in generale le regole di bilancio fissate per farne parte, funzionano benissimo come punchball su cui rovesciare tutte le frustrazioni di una stagione di depressione economica e debolezza politica.

In questo Beppe Grillo e Matteo Salvini sono specialisti. Fossero soltanto loro, non ci sarebbe da preoccuparsi troppo. In fondo è una delle loro ragioni sociali. Ma quando è il leader del Partito democratico a dire che l'europa è una massa di burocrati, allora si, il problema è serio. Quanto alla virtù di bilancio, credo che basterebbe studiare la storia, purtroppo rimossa, del debito pubblico italiano. In particolare nei suoi effetti perversi. Una quantità spaventosa di soldi pubblici letteralmente buttati per riparare alle scelte scriteriate fatte negli anni Settanta e Ottanta.

Complessivamente, dal 1995 in poi, oltre mille miliardi di euro per gli interessi passivi sul debito. Risorse che gli altri paesi investivano sulla crescita o sul welfare. E' che noi siamo stati costretti a sacrificare per evitare di svegliarci un giorno e scoprire di essere uno stato fallito. Soprattutto qui va ricercata l'origine dei nostri problemi recenti. Con chi vogliamo prendercela? La causa è nei nostri errori come nazione, certamente non nell'europa. Ma c'è di più: ancora i numeri raccontano come sia stato proprio grazie a Maastricht che l'Italia ha ricominciato un percorso virtuoso. Gli obblighi del patto di stabilità hanno arrestato la crescita del debito nel rapporto con il Pil.

E ciò, fino alla grande crisi degli ultimi 5 anni, quando il crollo della crescita ha purtroppo parzialmente complicato il percorso di rientro. Ma questo - pochi lo ricordano - è avvenuto per l'Italia in proporzioni minori rispetto a tutti gli altri principali Paesi europei. Il problema è che il nostro debito pregresso era talmente rilevante da compromettere pesantemente le capacità di recupero sul medio termine.

La storia non si fa con i se. Talvolta però, non resisto. E mi chiedo: dove saremo ora se non ci fosse stata Maastricht? E' certamente un esercizio difficile. Tante sono le variabili che scoraggiano simulazioni di questo tipo. Tuttavia, qualche certezza l'abbiamo. E' inopinabile, per esempio, che il nostro debito sia passato, dall'inizio degli anni Settanta all'inizio degli anni Novanta, da circa il 40 per cento al circa il 120 per cento in rapporto al Pil. Senza Maastricht, e perseverando con le politiche precedenti, oggi potremmo essere ampiamente sopra il 200 per cento del Pil.

Tratto da "Andare insieme, andare lontano"

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
INDONESIA

Sisma di 6.5 a Giava: morti e crolli

L'epicentro a 92 km dalla superficie: panico e gente in strada. Non è ancora chiara l'entità dei danni
No Tav da Eataly - © Il Giornale
MILANO

Assalto No Tav contro Eataly

50 attivisti spintonano i camerieri e urlano: "Studiare e lavorare è un ricatto"
La Suprema Corte australiana
AUSTRALIA

Rapporto sulla pedofilia, "una tragedia nazionale"

Presentate 409 raccomandazioni tra cui quella di rivedere il segreto della confessione e il celibato dei preti
Joe Biden
AUDIZIONI AL COPASIR

"Nessuna ingerenza russa": 007 italiani smentiscono Biden

L'ex vicepresidente Usa parlava di interferenze nella campagna per il referendum costituzionale
Assemblea regionale siciliana
PRESIDENZIALI ARS

Deficit di un voto, Micciché sfiora la nomina

Doppia fumata nera: rinviata a domani l'elezione del presidente dell'Assemblea siciliana
Calcio, Italia vs Spagna
MONDIALI RUSSIA 2018

Fuori la Spagna, dentro l'Italia

Per la Fifa le ingerenze del governo spagnolo possono essere sanzionate con l'esclusione della Roja dalla fase finale del...
Shopping natalizio per le vie di Milano
NATALE | COLDIRETTI

Il 39% degli italiani spenderà la tredicesima in regali

Ogni famiglia spenderà in media 528 euro tra cibo, viaggi e divertimento
Turista al Colosseo
MIBACT

Al via Passeggiate Fotografiche Romane

Dal 15 al 17 dicembre lungo 5 percorsi capitolini