LUNEDÌ 03 GIUGNO 2019, 00:02, IN TERRIS

Bergoglio completa il “mea culpa” di Wojtyla

GIACOMO GALEAZZI
Facebook Twitter Copia Link Invia Scrivici
Papa Francesco al Palazzo della Cultura di Iasi - Foto © Vatican Media
Papa Francesco al Palazzo della Cultura di Iasi - Foto © Vatican Media
N

el cuore dell’Anno Santo, Karol Wojtyla chiese pubblicamente perdono per gli sbagli dei suoi predecessori e per una serie di storici peccati della Chiesa: le guerre di religione, gli scismi, le persecuzioni contro gli ebrei, il sostegno al colonialismo, la discriminazione etnica e sessuale, la quiescenza contro le ingiustizie sociali. Ricordo, da credente e da cronista, l’emozione di quella domenica di marzo del 2000 a San Pietro. Durante una delle cerimonie più importanti del Giubileo, Giovanni Paolo II si inginocchiò nel più grande "mea culpa" della Chiesa per i suoi errori. Ieri Francesco, il successore che ha canonizzato Karol Wojtyla, ha completato la sua opera chiedendo scusa ai rom per tutte le volte in cui “non siamo stati capaci di riconoscervi, apprezzarvi e difendervi nella vostra peculiarità”. E’ stato uno die momenti simbolicamente più forti dell’intensissima “tre giorni” di Jorge Mario Bergoglio in Romania.

In Terris ha raccontato, tappa per tappa, un viaggio destinato a passare alla storia per l’accelerazione impressa al dialogo ecumenico. Cattolici e ortodossi non sono mai stati così vicini come nell'incontro di venerdì pomeriggio.  “Individualismo e indifferenza sono come bestemmie, profanano il nome tuo, Padre”, ha sospirato Francesco nella preghiera del Padre Nostro recitata nella nuova Cattedrale ortodossa. Nei suoi discorsi Francesco ha evocato più volte la visita compiuta da Giovanni Paolo II vent’anni fa quando il muro di Berlino era crollato da un decennio ma le sue macerie erano ancora visibili e dolorose. E in un paese che da trent’anni non è più sottomesso alla tirannide comunità, Jorge Mario Bergoglio ha indicato la strada di uno sviluppo economico incentrato sulla dignità dell’essere umano e che non lasci indietro gli ultimi.

Nel corso dell'omelia della Divina Liturgia domenicale con la beatificazione dei 7 vescovi martiri greco-cattolici, pronunciata nel campo Campo della Libertà di Blaj, Francesco ha ricordato che queste terre conoscono bene la sofferenza della gente “quando il peso dell’ideologia o di un regime è più forte della vita e si antepone come norma alla stessa vita e alla fede delle persone, quando la capacità di decisione, la libertà e lo spazio per la creatività si vede ridotto e perfino cancellato”. Il decano dei vaticanisti, Gianfranco Svidercoschi, ex vicedirettore dell’Osservatore Romano, traccia efficacemente la continuità negli ultimi due pontificati sulle orme di Giovanni Paolo II, il Papa che “ha fatto vedere il volto umano di Dio” attraverso la fede, la testimonianza, la missione, l’impegno per la difesa della dignità di ogni persona, la santità che, prima ancora di essere riconosciuta ufficialmente, ha segnato l’intera sua esistenza.

Benedetto XVI e ora papa Francesco, ciascuno con la propria sensibilità evangelica e in rapporto alle nuove situazioni e alle nuove emergenze, hanno seguìto quella via. C’è infatti una sicura continuità nei pontificati, al di là delle ovvie diversità e, più ancora, delle contrapposizioni che non pochi vorrebbero trovarvi. Il “mea culpa” di Blaj completa idealmente quello giubilare del 2000. “A Caino non importa il fratello - ha detto Bergoglio alla comunità rom -. È nell'indifferenza che si alimentano pregiudizi e si fomentano rancori. Quante volte giudichiamo in modo avventato, con parole che feriscono, con atteggiamenti che seminano odio e creano distanze! Quando qualcuno viene lasciato indietro la famiglia umana non cammina”.

Spazio al lettore: per commentare questo articolo scrivi a direttore@interris.it

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
L'Hindu Raj
PAKISTAN

Alpinisti italiani travolti da una valanga

L'ambasciata: "Non ci sono vittime fra i nostri connazionali". Morto un pachistano
La centrale di Arak
L€ATOMICA

Nucleare: l’accordo tra Usa e Iran non esiste più

Entro dieci giorni Teheran potrebbe produrre 300Kg di uranio
Franco Zeffirelli
CINEMA

Zeffirelli, Firenze rende omaggio al suo maestro

La camera ardente del regista allestita a Palazzo Vecchio
Salvini arriva a Washington
WASHINGTON

Salvini all'Ue: "Non accettiamo più briciole"

Da Oltreoceano il vicepremier manda un messaggio alle istituzioni europee: "Flat tax sì, fatevene una ragione"
Francesco Belsito
LA SENTENZA

Processo Siram: assolto Belsito

Il pm aveva chiesto 4 anni per l'ex tesoriere della Lega Nord
Luca Poniz
NOMINE

Csm, Poniz: "Politica si assuma responsabilità"

Il neo presidente dell'Anm: "Da tempo criticavo la magistratura associata"
BERGAMO

Travolto al posto di controllo, morto un carabiniere

Investimento nella notte, il conducente forse era ubriaco
INCIDENTI STRADALI

Roma, donna investita da autobus è grave

Sulla ricostruzione della dinamica sta lavorando la Polizia Locale
Paramilitare
AMERICA LATINA

Nicaragua: i paramilitari attaccano due chiese

Lanciate bombe “stordenti” e colpiti i fedeli all'uscita delle celebrazioni eucaristiche
Il blackout
L'EVENTO

Maxi-blackout, al via le indagini in Argentina e Uruguay

Servizio ripristinato dopo oltre 15 ore. L'inchiesta accerterà le cause del guasto
LOTTA AGLI STUPEFACENTI

Palermo: sbarca con 21 chili di droga, arrestato

Misura cautelare effettuata nei confronti di un incensurato
Bomba carta (immagine di repertorio)
RIONE SAN GAETANO

Bomba carta e "stesa" a Napoli: scene da guerriglia

L'ordigno artigianale è esploso davanti l'ingresso di una palazzina di via Teano
La petroliera in fiamme nel golfo di Oman
MARE DI OMAN

Attacco alle petroliere: gli Usa valutano l'invio di truppe

Ma il Giappone chiede agli Usa "Prove concrete" contro l'Iran "oltre le speculazioni"
Joshua Wong
ASIA

Hong Kong: è libero il leader degli ombrelli

Scontata la pena di due mesi per le manifestazioni del 2014
Mario Conoci
ELEZIONI COMUNALI IN SARDEGNA

Mario Conoci è il nuovo sindaco di Alghero

Centrodestra in testa anche a Cagliari, il Centrosinistra a Sassari
Lavoro

Zero, qualcosina

In questi ultimi giorni si è data enfasi sulla crescita dell'occupazione in modo tale che i media potessero...