SABATO 24 AGOSTO 2019, 00:02, IN TERRIS

Amazzonia, se a bruciare è il nostro futuro

DAMIANO MATTANA
Facebook Twitter Copia Link Invia Scrivici
Un incendio in Amazzonia
Un incendio in Amazzonia
I

l vero aspetto drammatico dell'Amazzonia che va a fuoco è che si tratta di un disastro che non lascia spazio né al retorico né ai luoghi comuni. Perché è vero che se la foresta pluviale sudamericana brucia, con lei se ne va in fumo anche uno degli ecosistemi che regolano gli equilibri della vita terrestre. Niente che non si sappia, a ben vedere, perché la questione del "polmone verde" è qualcosa che a ognuno di noi è stato insegnato fin dalle prime classi scolastiche. Il punto è capire fin dove si è in grado di comprendere il concetto: perché il ritmo con cui l'Amazzonia va a fuoco sfiora numeri da capogiro (con quadrati bruciati grandi come interi Paesi) ed è altrettanto vero che l'allarme per lo stato di salute di una regione che da sola copre praticamente tutta la parte settentrionale del Sud America, non è questione di oggi e nemmeno di ieri. Ora gli incendi sono semplicemente aumentati, peraltro in maniera drastica: dell'83% secondo i dati dell'Istituto nazionale di ricerche spaziali del Brasile, 73 mila in tutto quelli accesi nel Paese, il 52% solo in questa zona.

L'insediamento della presidenza di Jair Bolsonaro, a giudizio delle principali organizzazioni per la tutela ambientale, ha rappresentato il punto di svolta in negativo, considerando il nuovo input fornito allo sfruttamento delle risorse minerarie (e non solo) dell'area amazzonica, che ha prodotto un incremento considerevole dell'azione dei taglialegna, la nuova linfa vitale alla già nota politica di deforestazione (utilizzata in buona parte per guadagnare spazio per le coltivazioni) e, non ultimo, la riduzione sensibile degli spazi vitali per le popolazioni indigene, così come la distruzione di un ecosistema fra i più floridi e al tempo stesso fragili del pianeta. Un binomio, quello fra incendi e deforestazione, che per l'Ipam (Amazon Research Institute) si sovrappone, identificando le aree bruciate come corrispondenti a quelle vittime del disboscamento. Il risultato è un'emergenza a livello globale, quella più impellente anche se non l'unica di quest'anno, in cui ad andare a fuoco è stata addirittura la taiga siberiana. Senza considerare che il riscaldamento globale ha iniziato a staccare pezzi di calotta polare in Groenlandia, diventata notevolmente più fragile e non solo per il luglio artico più caldo degli ultimi decenni.

In sostanza, se il fuoco si mangia le foreste dell'Amazzonia, mangia indirettamente anche tutto il resto, non solo la più grande riserva d'ossigeno della superficie terrestre, con conseguenze a catena che, per il momento, possono solo essere stimate. In connotazioni ultra-negative, naturalmente. Il tutto in barba agli appelli ripetuti per una politica di sviluppo sostenibile che, nonostante occupi i palchi delle Cop, continua a restare nel novero delle buone intenzioni più che dei fatti concreti. In Brasile la percezione del problema c'è ma il tutto sembra risolversi nello scontro politico: Bolsonaro grida all'allarmismo ambientalista, poi se la prende con le ong e manda a casa il direttore dell'Inpe, Ricardo Galvao, mentre il resto del mondo mette sul banco degli accusati una politica di sviluppo che sembra aver dato nuovo impulso alla deforestazione della regione amazzonica piuttosto che spendersi in opere di salvaguardia che tenessero conto almeno in parte dei continui allarmi lanciati sull'emergenza climatica. Che, va da sé, si porta dietro la possibile (probabile) distruzione delle biodiversità e delle ultime rappresentanze di popolazioni autoctone, specie di quelle incontattate che traggono dalla foresta il loro sostentamento e, allo stesso tempo, ne garantiscono la sopravvivenza attraverso pratiche di salvaguardia ancestrali che, oggi come oggi, non sembriamo in grado di comprendere. Del resto, nemmeno lo svilimento autodistruttivo di uno dei principi basilari della nostra formazione sembra far breccia. Perlomeno non quanto dovrebbe se il nostro futuro continua letteralmente ad andare in fumo davanti ai nostri occhi.

Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 


Scrivi il tuo commento


Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Prodotti
FALSE ATTESTAZIONI

Celiachia, aziende a processo per la truffa alle Asl

La Regione Lazio si costituirà parte civile per i falsi rimborsi. Il boom degli alimenti speciali
Il luogo dell'incidente
MILANO

Travolge motociclista e si suicida

La Guardia giurata, 26 anni, ha investito un centauro 65enne
Scontri in Bolivia
BOLIVIA

Ancora scontri tra manifestanti e polizia: 3 morti

Le forze di sicurezza sono intervenute con elicotteri e l'utilizzo di armi e lacrimogeni
Sergio Mattarella con il presidente dell'Anci, Antonio Decaro - Foto © Quirinale
SISMA NEL CENTRO ITALIA

Mattarella: “Ricostruzione post-terremoto faticosa, il tempo incalza”

All’assemblea dell’Anci il presidente della Repubblica punta l’indice contro i ritardi nei lavori
Gaetano Micciché
SERIE A

Caos in Lega, Micciché si dimette

Il presidente, eletto nel marzo 2018, ha rassegnato le sue dimissioni: "Su di me indiscrezioni inaccettabili"
Migranti
DIRITTI CIVILI

Università a misura di migrante

Su immigrazione e asilo, a Lucca al via oggi il primo corso di alta formazione
Palazzo Madama, sede del Senato
IL PUNTO

I nodi della politica

Presentati gli emendamenti alla Manovra, parte la discussione in Senato in vista dell’approvazione della legge di bilancio
Cesare Battisti
TERRORISMO

Cesare Battisti sconterà l’ergastolo

La decisione della Corte di Cassazione sul ricorso proposto dalla difesa dell’ex terrorista dei Pac
TARANTO

Ex Ilva, l’inchiesta continua

Perquisizioni della Guardia di Finanza a Taranto e Milano, mentre si cerca una soluzione politica. Mattarella incontra sindacati
Zona franca attorno al PolyU
LA PROTESTA

Hong Kong, ancora assedio al PolyU

Ancora un centinaio di giovani trincerati, appello di Carrie Lam alla soluzione pacifica. Negato l'espatrio a Wong
Banco Alimentare
CONTRO LO SPRECO

“I fondi Ue sono fondamentali per aiutare i poveri”

Appello del Banco Alimentare: il numero degli indigenti è raddoppiato in Italia dall'inizio della crisi
Pesci rossi nelle campagne del Salento - ©Sportello dei diritti
SALENTO

Pesci rossi: dall'acquario alle pozzanghere

Lo Sportello dei Diritti: "Un evento preoccupante per l'ambiente"