SABATO 23 SETTEMBRE 2017, 16:52, IN TERRIS

“Metterci la faccia” per sconfiggere la fame nel mondo

GIOVANNI PAOLO RAMONDA
Facebook Twitter Copia Link Invia Scrivici

Come ogni anno, sabato e domenica, oggi e domani, vivremo un’esperienza molto importante. Saremo nuovamente in mille piazze e sui sagrati delle chiese italiane per dar vita alla campagna “Un pasto al giorno”. Per l’Associazione Comunità Papa Giovanni XXIII si tratta di un momento di annuncio per ribadire che la fame nel mondo si può sconfiggere attraverso la condivisione dei beni.

E’ un occasione anche per denunciare tutte quelle nazioni che traggono profitto dalla vendita delle armi in Paesi poveri, alimentando così guerre che causano carestie, devastazione e morte. I conflitti sono una delle principali cause delle migrazioni. Ma le carestie e la fame sono anche il frutto dei nostri stili di vita sbagliati che portano all’aumento dell’inquinamento e ai cambiamenti climatici, in parte causa scatenante delle sempre più frequenti calamità naturali. L’insieme di questi elementi fa sì che in alcune parti del mondo le persone non abbiamo neanche un pugno di riso da mettere in tavola e che molti bambini ancora muoiano di malattie smantellate invece nelle nostre città.

Con la campagna “Un pasto al giorno” la nostra associazione vuole denunciare tutte queste ingiustizie e spingere le persone a prendere più consapevolezza di quello che accade nel resto del mondo. Quest’anno l’evento si chiamerà #Iosprecozero. Nelle piazze i volontari distribuiranno un libricino che vuole essere un piccolo primo passo verso l’eliminazione della cultura dello spreco. Si tratta anche di un’occasione per far conoscere a sempre più persone l’Apg23, fondata da don Oreste Benzi, che è presente in quaranta Paesi dove aiutiamo le popolazioni direttamente nelle loro case. Non solo. La nostra associazione si impegna a dare da mangiare anche a quanti scappano dal loro Paese e arrivano in Italia perché il cibo è uno dei diritti primari.

Alla campagna nelle piazze parteciperanno centinaia di giovani che già condividono la loro vita nelle nostre case famiglia, comunità terapeutiche e famiglie aperte. Questi giovani hanno deciso di partecipare in prima persona e di “metterci la faccia” per ribadire ancora una volta che sì, è possibile sconfiggere la piaga della fame nel mondo attraverso la condivisione dei beni.

Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 


Scrivi il tuo commento

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
La Skoda coinvolta nell'incidente
MILANO-VENEZIA

In bici sull'A4: muore sul colpo travolto da un'auto

Non è stato ricostruito il motivo per cui la vittima fosse in bicicletta in autostrada
Maximilien de Robespierre

Chi semina vento raccoglie tempesta

Tiene ancora banco tra i media la vicenda della pentastellata Elisabetta Trenta ex ministro della difesa, a causa...
Agenti di polizia
PUGLIA

Lamorgese: "Da lunedì 20 nuovi poliziotti a Foggia"

Specializzati nella tutela delle persone sottoposte a protezione personale
Memoriale per Daphne Caruana Galizia
MALTA

Caso Caruana Galizia: il capo della polizia si dimette

L'annuncio è stato fatto dal nuovo premier maltese Abela: presto riforma su procedura di nomina. Il commento del...
ARTE

Ritratto di signora di Klimt è autentico

La conferma dell'autenticità del quadro arriva dai periti a poche settimane dal ritrovamento nello stesso luogo dove...
Deborah Dugan
MUSICA

Caos Grammy: silurata la prima presidente donna

A pochi mesi dalla sua nomina, Deborah Dugan è stata rimossa dal suo incarico e c'è chi parla di un vero e...
Il Politeama di Catanzaro
CALABRIA

Catanzaro, Arlia e Mogol inaugurano la stagione sinfonica

Il celebre direttore d'orchestra e il grande autore aprono l'annata del Politeama, con un incontro fra musica classica e...
Tribunale di Milano
IL CASO

Condannato per l'omicidio del suocero: “Abusava di mia figlia”

A quasi un anno dal fatto, arriva la sentenza di condanna: 20 anni a chi ha sparato, 18 al complice
I segni di tortura sulla schiena di uno dei minori salvati - Foto © Melquiadez Vásquez per Panamá América
PANAMA

Sette, una donna incinta e 5 bambini uccisi in un rito

La scoperta shock del 'rituale satanico': i sopravvissuti legati e percossi fino alla morte
Ali Khamenei
IRAN

Khamenei guida la preghiera, folla a Teheran

L'ayatollah torna dopo otto anni a parlare durante la preghiera del venerdì: "Nucleare? Il dialogo con...
Pizza margherita
CIBO

Oggi è la giornata mondiale delle pizza

Si sfornano otto milioni di pizze al giorno per un fatturato annuale di 15 miliardi di euro
Dia in azione
IL DATO

Comuni sciolti per mafia: 2019 anno record

Ventuno enti locali interessati dall'applicazione della normativa, 26 i decreti di proroga
GERUSALEMME

Tensione sulla Spianata delle Moschee

I fedeli islamici hanno protestato in "difesa della moschea di al-Aqsa"
DIALOGO TRA CRISTIANI

L’ecumenismo conciliare di Francesco

Udienza papale alla delegazione della Chiesa Luterana di Finlandia