DOMENICA 24 NOVEMBRE 2019, 00:02, IN TERRIS

Vi spiego la regalità di Cristo

PADRE MARIO PIATTI
Facebook Twitter Copia Link Invia Scrivici
I

l Padre ci ha trasferiti “nel Regno del Figlio del suo amore” (Col 1,12 ss). Il passo di San Paolo - proposto nella odierna liturgia di Cristo Re - ci introduce nel mistero del Verbo eterno di Dio: Sapienza increata, immagine viva del Padre, capo del Corpo che è la Chiesa. È il Re, il Sovrano assoluto di tutto. Eppure Egli riconosce la sua regalità solo dopo aver evitato, nella sua vita terrena, acclamazioni, investiture e trionfi; e la afferma proprio quando tutto sembra ormai contraddirla. Fonti apparentemente inaffidabili confermeranno questa sua “pretesa”. Anzitutto l’ironia di Pilato che, avendolo dinanzi - spogliato di ogni potere e dignità - lo interroga: Dunque tu sei Re?. Di fronte al rappresentante del temibile potere di Roma, Gesù, in totale balia dei suoi carnefici, finalmente rivendica la sua autorità, fondata sulla Verità. Una Verità intesa non in senso “metafisico” - quale orgoglioso traguardo e possesso di una onnipotente “dea ragione” - ma vitale, affettivo, esistenziale. La Verità è che Dio ha tanto amato il mondo da dare il suo Figlio (Gv 3,16).

Il Vangelo apre uno spiraglio imprevedibile: non vi è più soltanto lo sforzo “titanico” dell’uomo, che cerca di capire, con fatica e approssimazione, il suo destino, la realtà, il senso nascosto di ogni cosa. È Dio stesso che si fa presente a noi, capovolgendo ogni attesa e immaginazione. Nel Natale, a cui presto ci condurrà il percorso dell’Avvento, Egli si manifesterà addirittura come un bambino, bisognoso di cura e di attenzione; a Nazareth condividerà la nostra esperienza di vita comune, famigliare; negli anni della “vita pubblica”, attraverso la predicazione e i miracoli, sarà luce e conforto per ogni cuore; nel mistero del Calvario si rivelerà come inarrestabile torrente di Amore, che giunge fino al dono totale di sé. La scritta, posta sulla Croce, esprime - ancora una volta paradossalmente - la motivazione di quella inappellabile condanna, dichiarando la Verità circa la sua Persona: "Gesù Cristo Re dei Giudei". Uno dei due malfattori, compartecipe della sua stessa pena, si rivolgerà a Lui, rivelando, “in extremis”, un inaspettato slancio di fede e di totale confidenza in quell’Uomo e ottenendo la grazia di penetrare per primo, unito a Cristo Signore, nella eterna gloria del Regno.

Gesù è un sovrano che non teme di sacrificarsi per i suoi “sudditi”; che insultato perdona; che ucciso ridona la vita; che, tradito dai suoi stessi amici, li chiamerà “fratelli”, dopo la sua Risurrezione. È un Re che porterà, nella reggia del Cielo, i segni della sua Passione, gli emblemi della sua Regalità, scritti per sempre nella sua carne adorabile, inflitti al suo Corpo - che non esiterà a donarci, come cibo di Vita nella Eucaristia - proprio da coloro che Egli ha salvati.

Sappiamo ancora poco di Gesù, lo conosciamo appena “di vista”. Dalle vette del nostro orgoglio, che ci fa credere spesso sapienti e onniscienti, dovremmo ridiscendere più frequentemente negli abissi della sua infinita umiltà, della sua mitezza, del suo Cuore. Comprenderemmo allora veramente che cosa significhi amare, quale sia il prezzo del perdono; che cosa voglia dire prendersi cura del destino degli altri; confortare, rialzare chi è caduto, accompagnare nel cammino chi fa fatica.

Cristo è Re di misericordia e di amore, perché diventasse “regale” - e degno di essere vissuto - ogni istante e ogni condizione della nostra esistenza; perché ogni frammento di autentica umanità riacquistasse lucentezza, fragranza, valore e nulla fosse sottratto alla “maestà della vita”: né il fanciullo, né l’anziano, né l’embrione nel seno materno, né il povero, né l’emarginato, né il “terminale”; e neppure la regalità misconosciuta di chi ci sta accanto o l’immagine stessa di Dio, impressa nel nostro cuore, seppure calpestata e maltrattata dalle nostre costanti infedeltà.

Il Regno di Dio, che è già in mezzo a noi, cresce e si sviluppa, silenziosamente, nel cuore di chi crede, adora, spera e ama; di chi perdona; di chi - oggi, nella banalità quotidiana di questo giorno - offre la sua vita, con semplicità, a gloria di Dio e per il bene dei suoi fratelli. 

Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 


Scrivi il tuo commento

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Migrante
AMERICA LATINA

Al via la campagna quaresimale della Fraternità 2020

Aiuto ai migranti, difesa della vita e riconciliazione nazionale i temi centrali
IMPRESE

Così l'Italia inventa vie d'uscita dalla crisi

Boom di brevetti industriali. Tre regioni creano il 60% delle innovazioni produttive di tutta Europa
SALUTE

L'intelligenza artificiale scopre un "super antibiotico"

E' stato chiamato "halicin" in omaggio al supercomputer Hal 9000 del film "2001: Odissea nello spazio"
MARE

Ecco perché le sardine si stanno rimpicciolendo

Fedagripesca-Confocoperative ha presentato la prima mappa delle anomalie nel Mediterraneo
Firenze
CORONAVIRUS

Primo caso a Firenze: l'uomo era tornato da Singapore

Positivi sia la turista di Bergamo in vacanza a Palermo, sia un medico italiano a Tenerife
Giuseppe Conte e Attilio Fontana
CORONAVIRUS

Conte: "Un ospedale non ha seguito il protocollo favorendo il contagio"

Fontana: "Quella del Premier è un'idea irricevibile e per certi versi offensiva"
Donald Trump all'arrivo in India
VISITA DI STATO

Trump in India: visita il Taj Mahal, Agra e Delhi

"L'America ama l'India, l'America rispetta l'India" ha detto il presidente Usa
Nel riquadro, Walter Ricciardi

"Abbiamo imparato dalla Sars: l'epidemia non deve diventare pandemia"

A Interris.it il consigliere del ministro della Salute, Walter Ricciardi promuove lo stop vaticano agli eventi affollati in...
Mascherine in piazza San Pietro, Roma
EMERGENZA SANITARIA

Coronavirus, la risposta del Vaticano all'epidemia

Dispenser igienizzanti e chiusura di luoghi affollati, ma l'udienza del Papa non salta. Messe a porte chiuse in Lombardia
DANNI ECONOMICI

"Recessione per effetto della pandemia"

Sos per le ricadute del coronavirus. Le rilevazioni sui consumi e sull'export

Germania, auto contro corteo di carnevale: ecco cosa è successo

La Polizia non ha riferito se si sia trattato di un incidente o di un atto premeditato
EMERGENZA SANITARIA

Coronavirus, un'altra vittima in Lombardia

Stanno ritornando gli Italiani respinti alle Mauritius. Ricoverato un autista italiano in Francia
Il ministro dell'Interno del Governo di accordo nazionale libico, Fathi Bashagha
DOSSIER LIBICO

Libia, i contorni di un conflitto sempre più politico

I contrasti fra il governo e le milizie nell'area potrebbero favorire Haftar?
Coronavirus
L'EPIDEMIA

Coronavirus, il bilancio delle vittime in Italia

Lo ha riferito il capo della Protezione Civile: è un uomo di 88 anni. Volo Alitalia bloccato alle Mauritius
Julian Assange
LONDRA

Caso Assange, al via le udienze per l'estradizione negli Usa

Il fondatore di Wikileaks è inseguito da Washington fin dal 2010
Papa Francesco
QUARESIMA

"Chi crede alle menzogne del diavolo vive l'inferno sulla terra"

Il messaggio del Papa prepara i fedeli alla Pasqua sul tema: "Vi supplichiamo in nome di Cristo: lasciatevi riconciliare con...