DOMENICA 13 GENNAIO 2019, 00:02, IN TERRIS

Perché quello di Gesù è l'unico vero battesimo

DON LUCA BRENNA
Battesimo di Gesù
Battesimo di Gesù
M

i commuove questo Gesù che si mette in fila per farsi battezzare e poi va da una parte, da solo, a pregare. Mi commuove perché per una volta non fa una cosa per gli altri, che so, un miracolo o una predica, ma una cosa per sé. Dopo il battesimo si mette quieto, a mani giunte come un bambino, e prega il Padre suo. E il Padre suo, nel bel mezzo della sua preghiera, gli fa un dono. Pensa: oggi tocca a te, Figlio mio. Allora il cielo si apre e il Padre gli dice: tu sei il Figlio mio, l'amato, in te ho posto il mio compiacimento! In genere le parole, anche le più belle, si perdono tutte nell'aria. Queste parole invece erano diverse, erano nuove, erano parole di Dio: sembravano avere un corpo, leggiadro e svelto, come di colomba. Scesero e si posarono sul Figlio in preghiera, entrarono dentro di lui, diventarono una sola cosa con lui, diventarono lui. Sì, perché Gesù vuol dire Salvatore, e se è salvatore, lo è per salvare noi. Ma se Gesù è salvatore, lo è proprio perché è amato dal Padre. Per questo può dire: io non sono mai solo, perché il Padre è con me. Per questo il suo cibo è fare la volontà del Padre. Per questo può dare la vita senza misura, senza timore di perderla. Perché lui non è e non vuole essere nient'altro che questo: amato dal Padre. Ecco perché è così libero: perché è libero da sé. Anzi, in Gesù non c'è altro "sé" al di fuori dell'amore del Padre.

No, non è vero che il battesimo di Gesù è un battesimo per modo di dire, quasi un battesimo finto. Non è vero che, siccome è senza peccato, non ha bisogno di alcun battesimo e ha fatto questo gesto solo per darci il buon esempio. E' piuttosto vero il contrario: il battesimo di Gesù è l'unico vero battesimo e ogni battesimo è compreso in questo battesimo. Ogni battesimo quindi dice dono per sempre. E il dono è: io sono amato dal Padre, sono il suo figlio prediletto. In me il Padre ha posto in suo compiacimento. Questo dono mi riempie, esaurisce la totalità del mio essere, tanto che posso dire di non vivere più io, ma Cristo, l'Amato dal Padre. Allora vivo da espropriato. E se vivo in questo modo, da rinato in questo modo, allora, e solo allora, divento libero di amare, cioè di fare dono di me. Perché divento libero da me. Perché la mia vita è nascosta con Cristo in Dio, laddove ha sede la vera mia dimora, il "seno del Padre" (Gv 1,18). Noi guardiamo sempre avanti, a quello che non abbiamo e che ancora ci manca. Invece oggi la Chiesa sembra suggerirci che ciò che veramente conta c'è già stato. Tocca a noi scoprirlo ogni giorno.

Spazio al lettore: per commentare questo articolo scrivi a direttore@interris.it

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Pagamento bollo auto, 12 persone sanzionate
NAPOLI

Furbetti del bollo auto: sanzionati 12 automobilisti

Pagheranno il triplo del beneficio di cui hanno fruito illecitamente
Marcia per la Vita a Parigi
PARIGI

Migliaia di persone in marcia contro l'aborto

In Francia 200mila interruzioni di gravidanza l'anno. I manifestanti chiedono interventi anche contro la fecondazione...
Kirko Arguello riceve la cittadinanza onoraria a Porto San Giorgio
IL RICONOSCIMENTO

Kiko Arguello cittadino onorario di Porto San Giorgio

Dagli anni '80 sorge nella città marchigiana il Centro Internazionale del Cammino Neocatecumenale
Povertà in Italia
RAPPORTO OXFAM

Disuguaglianza economica nel mondo in crescita

Le fortune dei super-ricchi sono aumentate del 12% lo scorso anno
Madre e figlia
LISIERA DI BOLZANO VICENTINO

Gettata a terra dalla madre: muore neonata

La donna ha poi tentato il suicidio ferendosi alla gola con un coltello
Proteste ad Atene
GRECIA

Caso Macedonia: scontri ad Atene

Migliaia di persone sono scese in piazza per protestare contro l'accordo di Prespa